Nella prima tappa di World Cup sono i padroni di casa i mattatori. Il giovane talento Marcin Kubica (Buff-The North Face) firma la vittoria, alle sue spalle c’è il connazionale Piotr Lobodzinski (Prefbet Sonarol). Podio per l’italiano Henri Aymonod (US MALONNO – The North Face). Al femminile è lotta a due tra l’Italiana Gaggi (Recastello-Brooks) e la britannica Morgan (Carnethy HRC) che alla fine la spunta.

Marcin Kubica, polacco classe 1999 di Bielsko-Biała è il trionfatore a sorpresa della Tatra Race, valida come prima tappa delle MOUNTAINRUNNING World Cup 2021.

Podio Tatra Race: Lobodzinski, Kubica e Aymonod. (Ph. Marco Gulberti)

Questa mattina sulla catena montuosa delle Tatra, nella parte meridionale della Polonia, sui severi sentieri che percorrono questa linea di confine con la Slovacchia, il giovane Trail runner ha fatto saltare il banco confermando quanto già di buono si diceva nell ambiente Trail locale in merito al suo talento. L’ambassador di Buff e The North Face ha fatto da subito parte del gruppetto che ha attaccato già nei primi kilometri ed è stato poi abile a tenere le sfuriate in salita dell’azzurro Henri Aymonod e poi ad allungare nelle discese dove lo scalatore valdostano ha dovuto concedere qualcosa anche all’altro grande atteso dal pubblico di casa, il re dei grattacieli Piotr Lobodzinski.

L’arrivo di Henri Aymonod! (Ph- Marco Gulberti)

Grandissima emozione per Kubica che all’arrivo era quasi incredulo, speriamo la World Cup abbia conquistato un nuovo protagonista e che il polacco si presenti anche alle successive tappe. Italia che chiude con un bilancio discreto, anche i gemelli Martin e Bernard Dematteis (sportification-Adidas Terrex) hanno disputato una buona gara completando la top five con il quarto e quinto posto.

Aymo analizza la gara per noi :

“In salita avevo qualcosa in più, sul primo gpm sono passato con un minuto di vantaggio ed anche sul secondo ero davanti. La discesa era molto tecnica in alcuni punti, con rocce sporgenti e scalini, mi hanno passato e non sono più riuscito a riprenderli prima del traguardo. Dispiace ma sono anche soddisfatto della mia condizione in salita, visto che la prossima tappa di coppa sarà al Grossglockner e li bisognerà soprattutto salire.”

Nella gara donne la sfida è stata un testa a testa tra l’italiana Alice Gaggi e la britannica Charlotte Morgan, risolta alla fine da un solo minuto e 9 secondi di distacco a favore della scozzese portacolori del Carnethy HRC.

Charlotte Morgan non sbaglia! (Ph. Marco Gulberti)

Gaggi e Morgan hanno in comune un souvenir iridato legato alla Polonia, qui ambedue hanno vinto il titolo mondiale, la Gaggi il classic nel 2013 e la Morgan il Long nel 2018, il feeling con la montagna polacca si è oggi confermato e si può dire che la vittoria è sempre stata un discorso solo ed esclusivamente tra loro due, con la scozzese che una volta ancora dimostra che quando il gioco si fa duro ha in faretra delle qualità di grande livello. Al terzo posto si è classificata la polacca Iwona Januszky (KS Kandahar) con l’italiana Lorenza Beccaria (Atl. Saluzzo – Saucony) quarta.

Le prime 4 donne: Morgan, Gaggi, Januszyk, Beccaria. (Ph. Marco Gulberti)

Next stop della Cup: si vola in Austria l’11 luglio per la sfida al ghiacciaio Pasterze ed al maestoso Grossglockner!

Qui le classifiche ufficiali : https://bgtimesport.pl/online/open/zaw_id/510/bieg/TRR

Foto credit Marco Gulberti: GALLERY FLICKR ->

World Cup 1 - Tatra Race