Sono quasi cinquecento gli atleti iscritti alla massacrante maratona estrema che, sabato 30 aprile, attraverso 42 km e 3212 metri di dislivello, partirà da Naturno per giungere fino al ghiacciaio del Senales. Tra i partecipanti, che giungono da otto diverse Nazioni, ci sono anche sei fuoriclasse già capaci di vincere la Ötzi-Alpin Marathon, una gara che ha vissuto nel 2004 la propria prima edizione. Tra gli uomini saranno al via tre dei quatto vincitori: i due volte campioni Heinz Verbnjak (2009, 2006) e Stefan Kogler (2007, 2008), provenienti entrambi dall’Austria, così come l’altoatesino Roland Osele, trionfatore nella prima edizione del 2004. Alla cerchia dei favoriti appartengono anche l’atleta venostano di triathlon Anton Steiner, sesto nel 2009, il vincitore del Transalp-Tour di Tirolo Philipp Götsch, Harald Gamper di Naturno, l’austriaco Stefan Wiedauer (8° posto nel 2009) e il tedesco Konrad Lex (9° posto nel 2009). In campo femminile, la presenza dell’ex campionessa italiana di Mountainbike-Marathon Alexandra Hober significa che al via ci sarà un’atleta già capace di vincere la gara a squadre nel 2004 e di piazzarsi seconda nella prova individuale dello scorso anno. La meranese avrà come principali avversarie Andrea Innerhofer di Valdaora, seconda nel 2007 dietro Laura Mazzucco e terza nel 2009 dietro alla Hober, e l’austriaca Marita Stauffer, vincitrice nel 2005 e sesta nel 2009. Barbara Gruber, vincitrice nel 2009 e detentrice del record alla Ötzi-Alpin Marathon sarà invece al via quest’anno nella prova a staffetta insieme a Bettina Schorn e Elke Lechner, sue compagne di squadra nel team Alpenstoff (A). Tra le rivali più ostiche in questa categoria ci saranno Claudia Till, Ellen Clemens e Christine Schleich, in gara con il team Eatandwin.de (GER). La Clemens e la Schleicht, seppur con una diversa compagna di partenza, hanno infatti già vinto la ÖAM nel 2008. Nel 2009 sono invece giunte seconde. Favoriti nella gara a staffetta maschile sono il team a cui appartengono l’ex ciclista professionista austriaco Hans Peter Obwaller, il forte corridore di Sarentino, Hannes Rungger, e l’atleta fassano di sci alpinismo e specialista di lunghe distanze Ivo Zulian; poi l’esperta squadra altoatesina WF Mechanik con Dario Steinacher, Günter Angerer e Oswald Weißenhorn, così come il team Alpenstoff/corratec-Quest con Andreas Ortner, Helmut Schiessl e Anton Palzer. La prova individuale scatterà alle ore 9 davanti al Municipio di Naturno; i team da tre atleti partiranno invece alle 10. L’arrivo dei partecipanti al Grawand è previsto intorno alle ore 12.30. I mountainbiker dovranno lasciarsi alle spalle 24,2 km e superare un totale di 1.538 metri di dislivello; il tratto di corsa misurerà 11,8 km e presenterà una differenza di altitudine pari a 495 metri, mentre la lunghezza del conclusivo tratto di scialpinismo sarà di 6,2 km e di 1.201 metri di dislivello. L’Austria in vetta alla classifica per Nazioni Sono tre i Paesi classificati nella speciale graduatoria per Nazioni. L’Austria è al comando con sette successi, segue l’Italia a quota quattro ed infine la Germania con un’affermazione. Nella classifica per Nazioni riservata alle staffette sono invece presenti atleti provenienti da cinque diversi Paesi: anche in questo caso a guidare è l’Austria, con sei vittorie, davanti all’Italia e alla Germania con quattro, alla Nuova Zelanda con due ed al Belgio con una. In questa graduatoria sono presenti un maggior numero di Stati in quanto molte volte i concorrenti che costituiscono un team provengono da differenti Nazioni. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito internet www.oetzi-alpin-marathon.com