Home » Notizie » Corsa in Montagna » Vertikal Km Chamonix: oggi pomeriggio va in scena lo spettacolo !

Vertikal Km Chamonix: oggi pomeriggio va in scena lo spettacolo !

27/06/14

Si sono aperte stamane all’alba, con la partenza della Ultra di 80km, le danze degli World Skyrunning Championships di Chamonix (Fra). Mentre scriviamo, gli atleti sono impegnati sul selettivo percorso da circa 5 ore, e i leader per il momento sono lo spagnolo Luis Alberto Hernando al maschile, e la svedese Emelie Forsberg al femminile. Ma oggi non c’è solo la Ultra. Il piatto forte dal punto di vista agonistico, se ci è permesso, sarà il Vertical Kilometer. La sfida fra i migliori skyrunners nella specialità più corta di questa disciplina, avverrà tra l’ora dell’aperitivo e della cena. Si partirà a cronometro, dunque, con distacchi di un minuto fra gli atleti.

È venuta meno, purtroppo per lo spettacolo, la presenza dell’ex campione mondiale di corsa in montagna Petro Mamu (Eritrea) che quasi sicuramente su un tracciato simile, avrebbe messo tutti d’accordo. Ma non mancheranno gli estremi per uno show elettrizzante, sotto i tornanti e sulle ripide rocce che passano sotto la funivia del Pranplatz, dove è posto l’arrivo.

Il percorso: 

Si parte dalla piazza di Chamonix, davanti alla Posta, a 1000mt di quota. Si sale per circa 800mt su strada asfaltata e forestale, prima di imboccare il sentiero a zig zag che per 600mt di dislivello, condurrà i concorrenti nella parte alta del tracciato, dove sono presenti dei semplici passaggi attrezzati con scalette e corde fisse. Ultimo tratto prima dell’arrivo al Pranplatz, a circa 2000mt, tutto da sprintare, grazie a pendenze più agevoli.
Un percorso che non si adatta in modo perfetto agli skyrunner puri, per via dei quasi 5km di lunghezza e di quella parte iniziale molto corribile. Attenzione però, gli ultimi 300mt di dislivello, non saranno più così agevoli per molti, e il traguardo rimane ancora lontano.

il percorso

il percorso

I nostri favoriti:

Bernard Dematteis

Dominatore a La Palma, il gemello della Valvaraita ritorna a confrontarsi su un altro Vertical, dopo la piccola delusione in una gara non adatta ai suoi mezzi al Vertical della Trantapassi (superato da Zemmer e Golinelli). In questo periodo però, la condizione fisica è buona e lo ha dimostrato, dominando, i recenti campionati italiani di corsa in montagna. Nella ricognizione del tracciato, ha lasciato intendere che gli piace e che giocherà al meglio le sue carte.

Bernard Dematteis, occhi puntati su di lui oggi a Chamonix

Bernard Dematteis, occhi puntati su di lui oggi a Chamonix

Antonio Padua

Il ventiduenne colombiano, vincitore lo scorso anno in 34’35”, torna sul luogo della vittoria con buone chance di ripetersi. In Europa da ormai due settimane (vincitore all Neurivue Moleson in Svizzera con il medesimo tempo del 2013), ad inizio stagione il ragazzo di Bogotà fa sempre sfracelli.

Kilian Jornet Burgada 

La condizione di Kilian è un incognita per via del mese trascorso con gli sci ai piedi sui ghiacciai americani del Mc Kinley, dove ha conseguito, abbattendo il record di salita e discesa, l’ennesimo successo del progetto ‘Summits of my Life’. Su gara corta e in salita però, rimane sicuro che sarà in lizza per la vittoria.

Kilian Jornet oggi a Chamonix farà sul serio

Kilian Jornet oggi a Chamonix farà sul serio

Erik Haugsness

Il norvegese, terzo su questi pendii nella passata edizione, può essere il nome nuovo da spendere per il futuro. Lo attendiamo nelle vicinanze del podio

Urban Zemmer 

Riteniamo sia un tracciato troppo veloce per il grande Urban, che comunque lo scorso anno si è saputo difendere con un buon quinto posto.

Urban Zemmer nel Vertikal  dello scorso anno, non è la sua gara, ma i conti con lui bisognerà farli

Urban Zemmer nel Vertikal dello scorso anno, non è la sua gara, ma i conti con lui bisognerà farli

 

Alexis Sevennec, Nicola Golinelli, William Bon Mardion, Marco Facchinelli, Didier Zago, Mathèo Jaquemod, Marco Moletti, Thorbjorn Ludvigsen, Nadir Maguet e Pascal Egli. 

Tutti atleti col pedegree da Vertical che potranno ben figurare, ma fuori dal pronostico per la vittoria finale.

Per Golinelli un 2° posto al 30 passi vertikal quest'anno, a Chamonix cerca solo la vittoria

Per Golinelli un 2° posto al 30 passi vertikal quest’anno, a Chamonix cerca solo la vittoria

Donne

Christel Dewalle

La nostra favorita numero uno, è questa francese, che pratica anche la più tradizionale corsa in montagna (6^ agli europei di Borovets lo scorso anno). Predilige percorsi da scalatrice pura, e lo dimostra il fatto che è lei la detentrice della miglior performance al mondo, sul Vertical di Fully (Svi). Sarebbe stato interessante un duello con la nostra Valentina Belotti, altra atleta con ottime caratteristiche da ‘grimpeur’.

Stevie Kremer

È venuta a Chamonix per correre (e vincere) la Marathon du Mont Blanc di domenica, ma risultando iscritta anche al VK, non crediamo ad una sua semplice comparsa. Una scalatrice sopraffina, se la giocherà fino alla fine.

Stevie-Kremer.-©DROZPHOTO

Stevie-Kremer.-©DROZPHOTO

Laura Orgue

La fondista spagnola, secondo noi, è leggermente sfavorita da un tracciato che non le consente di esprimere le proprie caratteristiche sul ripido, però è in forma, lotterà per il podio.

Kasie Enman

L’ex campionessa mondiale di Tirana 2011 non ha ancora fatto vedere la sua classe in questa stagione, considerando che la maternità l’ha tenuta per lungo tempo lontana dalle competizioni. Quarta sul Mount Washington la settimana scorsa, lontana dalle migliori. Non crediamo possa inserirsi per la lotta per il titolo, ma sul podio potrebbe salirci.

Antonella Confortola

Acciacchi permettendo, l’azzurra della Forestale potrebbe ritrovare il sorriso sulle pendici sopra Chamonix. Lo scorso anno, dopo un avvio di stagione sempre tribolato, ha saputo sfoderare una buona performance finendo terza. Da lì in poi, la sua stagione ha preso una piega tutta differente, portandola a conquistare il titolo mondiale di lunghe distanze in Polonia.

Tessa Hill, Axelle Mollaret: scozzese la prima, francese la seconda. In grado di inserirsi nelle prime cinque posizioni. Senza dimenticare anche Leire Agirrezabala, Michaela Mertova e Maite Maiora. 

Articolo letto 691 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login