Home » Altre notizie » Un esercito di volontari per la Dolomiti Extreme Trail

Un esercito di volontari per la Dolomiti Extreme Trail

13/05/13

Saranno oltre 200 le persone impegnate nell’organizzazione dell’evento bellunese di corsa in montagna che il prossimo 8 giugno proporrà  un tracciato di 53 chilometri lungo i sentieri della Val di Zoldo. Ieri sera il briefing tecnico. E il 2 giugno tutti a pestar neve sul sentiero Tivan, ai piedi del Civetta.

Forno di Zoldo (Belluno), 13 maggio 2013 “ Saranno oltre 200 i volontari impegnati nella prima edizione della Dolomiti Extreme Trail, gara di corsa in montagna che il prossimo 8 giugno andrà  in scena lungo i sentieri della Val di Zoldo. Un evento dalla suggestione unica che ai concorrenti proporrà , accanto a un tracciato di 53 chilometri e un dislivello positivo di 3.800 metri, dei panorami mozzafiato in uno degli angoli più belli delle Dolomiti Bellunesi “ patrimonio mondiale dell’umanità Unesco.

Nel fine settimana, alla sala polifunzionale di Fusine c’è stato briefing tecnico, nel quale lo staff organizzativo dell’Atletica Zoldo-Pro Loco Forno di Zoldo, composto da Andrea Cero, Eris Costa, Corrado De Rocco, Paolo Franchi, Arcangelo Panciera, Italo Refosco e Paolo Sartori ha definito insieme a questo vero e proprio “esercito” di volontari i dettagli logistici e organizzativi in vista della prima edizione di Dolomiti Extreme Trail. E per fare squadra.

“La manifestazione non potrebbe svolgersi senza il supporto di tutte queste persone che si sono rese disponibili a dedicare parte del loro tempo a Dolomiti Extreme Trail” spiega Paolo Franchi -. Dal servizio di segreteria a quello di accoglienza in zona partenza e arrivo, il loro lavoro è prezioso e insostituibile. In  particolare, tante saranno le persone, caratterizzate da maglietta nera e pettorina fluorescente con il logo Dxt, impegnate nel giorno della gara, sabato 8 giugno, lungo il tracciato, per garantire indicazioni chiare e sicurezza nei tratti più ostici. La sicurezza, per la quale ci avvaliamo in particolare della collaborazione del Soccorso Alpino, è per noi elemento primario. Grande attenzione anche all’ambito dei ristori lungo il percorso e all’arrivo: a disposizione ci saranno 4 mila bottiglie di acqua, 500 litri di the e altre bevande, 200 chili di pasta e 100 chili di frutta”.

Ma i volontari saranno impegnati anche sul versante “neve” perchè nei tratti più in quota del tracciato, la neve caduta in abbondanza lo scorso inverno ancora non se ne è andata del tutto. «Nella prima edizione del Dolomiti Extreme Trail i concorrenti percorreranno anche qualche tratto su neve“ spiega Corrado De Rocco “ Naturalmente, il tutto avverrà  in sicurezza. Per rendere meno difficoltoso il passaggio nella zona dove si è accumulata la maggior quantità  di neve, vale a dire il sentiero Tivan (ai piedi della parete nord del Civetta, altitudine tra i 2100 e i 2350 metri ndr), per domenica 2 giugno abbiamo organizzato, insieme a Cai e Soccorso Alpino, una “spedizione” per “pestare neve” e fare in modo che la traccia del sentiero sia percorribile al meglio. La gara, di fatto, è già cominciata!”

Così come proseguono a buon ritmo le iscrizioni, alcune delle quali anche dall’estero. La possibilità di iscrizione scadrà  il 31 maggio. E comunque al raggiungimento del numero massimo fissato dall’organizzazione, vale a dire 400 concorrenti. Per tutti gli aggiornamenti: www.dolomitiextremetrail.com.

 

Articolo letto 167 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login