Home » Mondo Skyrunning » Turbo Zemmer: anche in Spagna è il re del Vertical

Turbo Zemmer: anche in Spagna è il re del Vertical

12/11/12

12 novembre 2012 – Nuova impresa dell’altoatesino Urban Zemmer, trionfatore nella giornata di ieri nella finale del Vertical Kilometer® Series in Spagna: per lui è anche vittoria nel circuito mondiale, mentre dopo le premiazioni non mancano le polemiche, cui diamo conto in coda. A Puig Campana, con 215 atleti impegnati sui 3650 metri di sviluppo del tracciato, tra le donne a vincere è invece la spagnola Blanca Maria Serrano, mentre la connazionale Laura Orgué mantiene la leadership e dovrebbe così aver conquistato il titolo nel circuito iridato. Condizionale d’obbligo e in seguito vedremo perché.

Urban Zemmer, il "re" del Vertical

Nonostante un virus influenzale, Zemmer si impone in 35’46”, con lo sloveno Nejc Kuhar secondo in 35’56’’ e l’italiano Marco Facchinelli terzo in 36’47’’, davanti al nazionale francese di corsa in montagna Didier Zago, capace di 37’49’’ e a Marcelo Freixa, quinto in 38’06”.

La Serrano vince invece in 44’33’’ davanti ad Alba Xandri (46’53’’) e Vanesa Ortega (47’00’’), con la britannica Tessa Hill quarta in 49’41’’ e la catalana Silvia Leal quinta in 50’03”.

 

The Puig Campana

La polemica - Fin qui il resoconto della gara, mentre questa mattina il portale spagnolo corredordemontana.es rilancia invece più di qualche interrogativo sul circuito mondiale. Motivo della polemica, il successo finale nel Vertical Wordl Series da assegnare o meno alla spagnola Orgue, assente nell’ultima prova. Questo fatto, secondo parte del regolamento contestata però da altri, farebbe sì che il successo debba passare a Silvia Leal, quinta nella prova di Puig Campana. Un bel rebus da sciogliere per il presidente ISF Marino Giacometti, con l’aggiunta di altro quesito posto dalla Federazione Catalana, secondo la quale anche la prova di Puig Campana andrebbe inclusa – perché non diversamente specificato in alcun regolamento – nel computo delle Skyrunner Wordl Series, la cui classifica finale invece secondo l’ISF sarebbe già stata chiusa il 14 ottobre in Malesia, là dove in effetti erano stati decretati i vincitori e i piazzati di un circuito che oltre ai Vertical considerava anche le Skyrace e le Ultra SkyMarathon.

In tutto questo, confessiamo la nostra ignoranza…ma tra le pieghe del regolamento, sigle e punteggi ci siamo un pochino persi. Se il circuito mondiale della corsa in montagna patrocinato dalla WMRA si era chiuso con l’annullamento della tappa finale in Turchia – sostituita in extremis dalla classica Smarna Gora in Slovenia -, non senza polemiche si chiude anche il circuito mondiale dello skyrunning, movimento cui a nostro avviso continuano mancare solide basi regolamentari su cui poggiare tutto il grande lavoro di comunicazione e interessi commerciali che l’ISF ha saputo nel tempo costruire.

Portate pazienza, saremo anche un pochino incontentabili, ma il classico mal comune mezzo gaudio a noi, alla fine, non soddisfa del tutto…e magari allora, sul tema, torneremo.

 

Articolo letto 410 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login