Home » Mondo Skyrunning » Trofeo Kima: intervista a Fabio Meraldi, “pioniere” dello Skyrunning

Trofeo Kima: intervista a Fabio Meraldi, “pioniere” dello Skyrunning

02/08/14

L’emittente televisiva americana CBS in Valmasino per un servizio sullo skyrunning e le sue storiche icone”

Meraldi

E’ scoppiata la Kima Mania. Sarà per le immagini spettacolari che questa gara sa regalare, sarà per il fatto che i migliori top runner mondiali l’hanno definita la “numero 1 al mondo”, sta di fatto che a fine agosto tra i numerosi media internazionali accreditati figura pure una troupe televisiva della CBS intenzionata a girare un cortometraggio sullo skyrunning e le sue star di oggi e di ieri: vale a dire Kilian Jornet, Fabio Meraldi e Bruno Brunod.

 

Il suo tracciato unico al mondo, quelle vette granitiche che si stagliano verso il cielo, i suoi 17 anni di storia, quei passaggi super tecnici che non concedono la minima distrazione, il fatto che la Grande Corsa sul Sentiero Roma sia stata da sempre banco di prova per i migliori corridori d’alta quota, spiega invece perché un team come Salomon International abbia deciso di schierare ai nastri di partenza tutti i suoi migliori atleti. Se queste sono le premesse a fine agosto la tappa italiana dello Skyrunner® Ultra Series sarà una vera e propria parata di stelle.

 

«Il Kima è il Kima – ha dichiarato il campionissimo di specialità e primo vincitore di questa gara Fabio Meraldi -. E’ un’icona di questo sport, è la gara che meglio lo rappresenta. Il Kima non è per tutti, non è solo corsa, ma sapersi muovere in montagna con velocità. Io ho avuto la fortuna di vincerla, di correrla più volte e di viverla dietro le quinte come direttore gara. Sarò di parte, ma non mi stupisco che tanti campioni la considerino una delle competizioni che bisogna fare per potersi definire degli skyrunner».

 

Atleta, campione, direttore gara e ora attore. La storia del Kima e dello skyrunning sembra essere legate a doppia mandata con quella di Fabio Meraldi: «Sono particolarmente legato al Kima e a ciò che rappresenta – ha continuato -. Farlo conoscere a un pubblico ancora più numeroso e fare conoscere lo sport che amo penso sia un’ottima cosa. Kilian Jornet è molto più mediatico di noi, ma io e Bruno ci metteremo comunque a disposizione per la buona riuscita di questo progetto televisivo».

 

 

 

Sintesi Percorso Trofeo Kima:

Partenza da Filorera (870m), Val di Predarossa, Rifugio Ponti, Passo Cameraccio, Passo Torrone, Rif Allievi- Bonacossa, Passo Averta, Passo Qualido, Passo Camerozzo, Rif Gianetti, Passo Barbacane, Rif Omio, Bagni di Masino, Piana di Bregolana, San Martino e arrivo a Filorera (870m).

 

Sviluppo

52Km dislivello in salita di 4.20000m e altrettanti in discesa valicando sette passi tutti sopra i 2500m; quota massima passo Cameraccio 2.950m (traguardo volante).

Articolo letto 554 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login