Home » Altre notizie » Tricolori a staffetta, a Malonno la tensione comincia a montare

Tricolori a staffetta, a Malonno la tensione comincia a montare

30/09/13

Ad una settimana secca dalla gara in alta Valle Camonica cominciano a svelarsi i dettagli della kermesse che assegnerà i titoli italiani a staffetta. Martedi 1 ottobre alle 17:00 diretta live su PiùValli Tv per uno speciale da non perdere, in studio anche Marco De Gasperi e la grande Elisa Desco….

lo start/zona cambio/arrivo, in piazza Roma

lo start/zona cambio/arrivo, in piazza Roma

7 giorni e poi sarà sfida tricolore nel Paese della Corsa in Montagna. A Malonno l’attesa viene ingannata soprattutto andando a scoprire quello che sarà il terreno di gara, con l’ufficialità dell’omologazione dei percorsi che assegneranno il titolo a staffette 2013. Tanti i dettagli tecnici e storici che accompagnano i due tracciati, virtualmente identici fatto salvo per l’inedita salita da San Faustino alla “via egia” di Moscio che nella gara femminile promette di scombinare tutti i pronostici.

La partenza, zona cambio e traguardo tornano in Piazza Roma, la più antica e storica del paese, posta nell’immediata adiacenza del Palazzo Martinengo, dal cui cortile interno gli atleti transiteranno per le ultime decine di metri della loro fatica. Pronti via da Piazza Roma dicevamo, e su asfalto ci sarà da fare subito i conti con la tradizionale salita del centro storico e dopo il passaggio sotto la “cappella” si entra su ciottolato che porta alla Chiesa di San Faustino.

La Cappella di San Faustino, da qui parte il ciottolato

La Cappella di San Faustino, da qui parte il ciottolato

Dinanzi alla cattedrale sulla rupe si biforcano temporaneamente i destini di atleti ed atlete, con quest’ultime che come dicevamo si immettono a destra per una ripida mulattiera che le porta ad intersecare prima la vecchia strada (via egia) per la frazione Moscio, e dopo un salto su un altro sentiero a portarsi nella strada che giunge dalla località “Castel”, dove riprendono il percorso comune alla categoria maschile.

il ciottolato verso San Faustino

il ciottolato verso San Faustino

Una variante tecnica ed impegnativa per la gara rosa, che in meno di 1 km di gara presenterà pendenze tra il 18 al 21%. Gli uomini proseguono invece sull’asfalto della strada che da San Faustino dirige verso Odecla, località che però raggiungeranno deviando dopo qualche centinaio di metri nell’ormai famigerato castagneto sopra “Dùrna”, un tratto di bosco con salita al 34% che ha scritto le pagine più entusiasmanti delle recenti edizioni del Memorial Bianchi.

il clou della gara maschile: la salita di Dùrna, qui nella parte conclusiva

il clou della gara maschile: la salita di Dùrna, qui nella parte conclusiva

Ancora si ricorda la fuga di Biwott e Simukeka nel 2010, infrantasi proprio sul muro di Dùrna dove Marco De Gasperi pennellò uno dei tanti capolavori. Muro che al bormino risultò anche fatale un anno dopo, quando malgrado il forcing non riuscì a scrollarsi di dosso Bernard Dematteis, che poi trionfò ponendo fine ad un filotto impressionante di 4 vittorie per il portacolori della Forestale.

si esce dal terribile bosco di Dùrna, ed ecco il passaggio alla chiesa di Odecla

si esce dal terribile bosco di Dùrna, ed ecco il passaggio alla chiesa di Odecla

Usciti dal bosco di Dùrna per gli atleti si tratta di rifiatare transitando in mezzo all’abitato di Odecla per poi dare l’attacco all’ultimo tratto di salita imboccando il sentiero che tagliando i tornanti della strada normale porta rapidamente prima alla frazione Nazio e poi al ponticello in località Tedda, GPM della gara. I primi 250 metri di discesa tra Tedda e Moscio rappresentano l’unica sezione tecnica di una seconda parte molto veloce che alternando tratti di strada bianca a sentieri in erba e terra battuta sfila tra le frazioni di Moscio, Castel, Frai e Corne.

 

JB Simukeka impegnato nella discesa che entra nella frazione "Moscio"

JB Simukeka impegnato nella discesa che entra nella frazione “Moscio”

In prossimità dell’azienda agricola “Relly” il percorso presenta un tratto inedito rispetto al tradizionale Memorial Bianchi, e attraverso una strada agricola di nuova costruzione sposta il percorso di gara sul sentiero dei “filanc” che immette su Lava alta e successivamente sulla strada sterrata che passando per la santella del Radel sbuca in località “Clus”. Da qui al Palazzo Martinengo sono poche centinaia di metri, su asfalto, per il gran finale reso particolare dalla scalinata interna che collega l’antica Via San Bernardino al cortile del Palazzo ed immette su Piazza Roma.

La sterrata finale che in località CLUS porta sull'asfalto conclusivo

La sterrata finale che in località CLUS porta sull’asfalto conclusivo

Un percorso variegato, che unisce tradizione e novità, che alterna tecnica a grande velocità. Lo spettacolo è garantito e per cominciare ad entrare veramente nel clima di gara l’Unione Sportiva Malonno proporrà questa settimana uno speciale televisivo per presentare al meglio la gara ed i molteplici contenuti che la caratterizzeranno.

Si va in onda Martedi 1 Ottobre, in diretta dagli studi di PiùValli TV alle ore 17:00. Uno speciale che celebrerà i 50 anni dell’UNIONE SPORTIVA MALONNO ma che lancerà soprattutto la volata ai campionati italiani a staffetta. Ospite in studio la “coppia più bella della corsa in montagna”, composta manco a dirlo dal 6 volte iridato Marco De Gasperi e da Elisa Desco, campionessa italiana in carica sia di corte che lunghe distanze, oltre che recentissima medaglia di Bronzo ai campionati del mondo in Polonia. Per la cuneese in forza all’Atletica Alta Valtellina una stagione fin qui di altissimo livello, condita anche dalle vittorie in luglio proprio a Malonno nel FlettaTrail® e ad Agosto della super classica elvetica Sierre-Zinal. Anche l’unico precedente a staffetta in quel di Malonno, nel 2006, la vede protagonista, visto che quel giorno trionfò in accoppiata con la bergamasca Vittoria Salvini. Con Marco ed Elisa vi sarà spazio per analizzare anche tecnicamente la gara di Domenica 6 ottobre, oltre a spaziare su temi che sicuramente stanno veicolando l’attenzione degli appassionati, quali la nuova gestione del progetto corsa in montagna da parte della Fidal e l’esplosione dei nuovi talenti che si sono affacciati sulla grande ribalta in questa stagione.

Si ricorda infine per domenica La diretta in TV e sul web: su Teleboario® ed in streaming sul sito www.teleboario.it nella sezione TB OnAir www.teleboario.it/tbonair.asp sarà possibile seguire live le gare da Malonno, un appuntamento da non perdere !

Per info, programmi dettagliati manifestazione, iscrizioni e visualizzazione planimetrie percorsi ricordate il sito ufficiale ed i media partners: www.memorialbianchi.it  – www.corsainmontagna.it

 

ALEX SCOLARI – Addetto Stampa 50° Memorial Bianchi Malonno

alessandro.scolari@hotmail.it  – cel: 3467964362

ESCLUSIVO: IL RAPPORTO UFFICIALE DI OMOLOGAZIONE DEI DUE TRACCIATI (clikka MALONNO RAPPORTO DI OMOLOGAZIONE E ALLEGATI per aprire)

La discesa verso Frai, tratto finale

La discesa verso Frai, tratto finale

Articolo letto 429 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login