Home » Notizie » Altre specialità » Societari di cross: la grande festa di Correggio

Societari di cross: la grande festa di Correggio

04/03/12

Pronostici in gran parte rispettati nei Campionati Italiani di società disputati quest’oggi a Correggio (RE). Nella patria del “Liga”, Forestale (corto) ed Esercito (lungo) si spartiscono le vittorie al femminile, mentre Fiamme Gialle (lungo) ed Esercito (corto) si dividono quelle maschili. Quest’ultima forse l’unica sorpresa di giornata in cui le milanesi Camelot (donne) e Pro Patria (uomini) fanno invece loro i titoli di combinata.

Così le gare:

JUNIORES donne (5km) - Nuovo successo per Maria Virginia Abate (Camelot) che in 18:23 precede di 20″ Sveva Fascetti (Studentesca CaRiRi/18:43) e di 47″ Martina Merlo (CUS Torino), 19:10. In cima al podio a squadre salgono quest’anno le atlete del Mollificio Modenese Cittadella (31 punti) con al seguito Camelot (38) e Audacia Record Atletica (47). Per la montagna che corre sui prati, quindicesima Ilaria Dal Magro che trascina sino al sesto posto la sua Atletica Dolomiti Belluno.

JUNIORES uomini (8km) - Bel confronto tra il campione junior, Yassine Rachik (Atl. Cento Torri Pavia) e Lorenzo Dini (Atl. Livorno). Dopo 25’05” vince il primo con 5″ di margine Terzo è l’abruzzese Daniele D’Onofrio (Atl. Gran Sasso/25:46). A squadre la Cento Torri Pavia (29 punti) precede le due formazioni abruzzesi dell’Atl. Gran Sasso (33) e della Bruni Pubbl. Atl. Vomano (54).   Tra i volti montani, davvero bravo Michael Monella, settimo (sedicesima la sua Atletica Vallecamonica), mentre diciassettesimo chiude Nicola Nembrini (Valle Brembana).

ALLIEVI  (5km) - Il campione italiano Yemaneberhan Crippa (GS Valsugana Trentino) fa, come a fine gennaio sui prati di casa di Borgo Valsugana (TN), chiude presto il discorso e vince in 16:20. Dietro gli finiscono nell’ordine Giulio Perpetuo (Amatori. Atl. Serafini/16:31) e Tommaso Biondani (Fondazione Bentegodi/16:36). Derby piemontese nella sfida per club dove a spuntarla sono i portacolori dell’Atletica Pinerolo, 76 punti come i corregionali dell’Atletica Piemonte che lasciano al terzo posto i ragazzi de La Fratellanza Modena 1874 (83).  Giornata storta per il tricolore in montagna Nadir Cavagna (Valle Brembana) che chiude sedicesimo, nel finale sopravanzato dal compagno di squadra Danilo Gritti, quindicesimo. Per i giovani orobici anche l’undicesima posizione societaria.

ALLIEVE (4km) - Come a Borgo Valsugana a vincere è la sarda Alice Rita Cocco. L’allieva del CUS Sassari chiude in 14:49, seguita da Isabella Papa (CUS Tirreno) e Maria Cristina Roscalla (CUS Pavia), appaiate a distanza di un secondo (14:53 e 14:54). Titolo a squadre proprio alle lombarde del CUS Pavia (70 punti) davanti alle corregionali e tricolori uscenti della Camelot Milano (88) e alle abruzzesi dell’Atl. Gran Sasso (118). Tra le società attive in montagna, sesto il Gs Quantin, ottava la Valle Camonica, nona l’Atletica Susa, decimo lo Sc Meran.

CORTO MASCHILE (4km) C’è un Andrea Lalli in gran forma a governare le sorti del cross corto: rimasto un poco chiuso al via, il finanziere rimonta alla grande e nel finale piazza la stoccata con cui precede di 9″  il carabiniere La Rosa e di 11″ il marocchino, in attesa di cittadinanza italiana, Marouan Razine (Cus Torino).

Andrea Lalli (foto Colombo/FIDAL)
Andrea Lalli (foto Colombo/FIDAL)

Nonostante un Lalli in condizione strepitosa, le Fiamme Gialle perdono il titolo a squadre dei 4 km superate, 18 a 26 punti, dall’Esercito grazie ai piazzamenti di Marco Salami (4°/11:59), Meriuhn Crespi (5°/12:01) e Daniele Meucci (caduto in partenza e poi 9°/12:03). Terzo posto per l’Aeronautica (43).

CORTO FEMMINILE (4km): Quella di Silvia Weissteiner è presenza determinante e vincente (13:41) per la Forestale che da Agnes Tschurtschenthaler, seconda in 13:44, e dalla promessa dei 3000 siepi Giulia Martinelli (settima in 14:02), trova i punti per lasciarsi alle spalle un agguerritissimo Esercito, con Angela Rinicella, terza in 13:46, Federica Dal Ri (quarta in 13:48) e Valentina Costanza (quinta in 13:49), Terze le portacolori della Nuova Atl. Fanfulla Lodigiana (35).

LUNGO FEMMINILE (6km): La prova femminile vive, nella prima parte almeno, sul duello tra èle maratonete Nadia EjjafiniValeria Straneo, leggasi anche Esercito contro Runner Team 99. Le due prima se ne vanno insieme, poi la Ejjafini prende il largo e chiude in 19:26, con la Straneo in ritardo di quasi mezzo minuto (19:58). Terza è una ritrovata Elena Romagnolo (Esercito/20:08) che conferma la condizione in ascesa e nel finale tiene a bada il tentativo di ritorno di una comunque ottima Valentina Belotti (Runner Team /20:24). A squadre Esercito, quindi, primo con 11 punti, davanti a Runner Team 99 (18) e Running Club Futura (33). Per il mondo della corsa in montagna, ancora bella prova per Alice Gaggi (Runner Team), dodicesima in 21’37”, mentre Renate Rungger (Forestale) chiude quindicesima in 21’39”. Venticinquesima Ljudmila Di Bert (Atl. Trento/22’30”), ventisettesima Maria Grazia Roberti (Forestale/22’34”), ventottesima Elena Bagnus (Valle Varaita/22’36”). Con la Forestale quinta, ottava l’Atletica Trento, decima l’Atletica Saluzzo e dodicesima la Podistica Valle Varaita.

Valeria Straneo, Nadia Ejjafini ed Elena Romagnolo (foto Colombo/FIDAL)
Valeria Straneo, Nadia Ejjafini ed Elena Romagnolo (foto Colombo/FIDAL)
LUNGO MASCHILE (10km): A livello individuale da evidenziare la prestazione del veterano azzurro delle campestri, Gabriele De Nard, quinto assoluto (29:50) e il migliore dei finanzieri sui 10km. Prime quattro posizioni monopolizzate dal Kenya a partire dal vincitore William Kibor (GP Parco Alpi Apuane/29:09) seguito dai connazionali Solomon Kirwa Yego (La Fratellanza Modena 1874/29:10), Abraham Kipkemei (Atl. Futura/29:20) e Peter Bii (Athletic Terni/29:48). A rinforzare la leadership delle Fiamme Gialle ci hanno, quindi, pensato il tricolore assoluto di maratona Giovanni Gualdi (11°/30:17), il siepista Patrick Nasti (12°/30:29) e il maratoneta Daniele Caimmi (13°/30:31). Sul podio per team secondo posto per l’Athletic Terni(44) e tezo per l’Esercito (56), con il miglior piazzamento firmato da Giammarco Buttazzo (14°/30:40). Ottime soddisfazioni per i team della corsa in montagna, specie per Orecchiella Garfagnana e Atletica Valli Bergamasche. I toscani chiudono quinti, a soli quatro punti dal quarto posto dell’Atletica Futura. Insieme al nono posto del ruandese Simukeka (30’16”), arriva il trentatreesimo di Gabriele Abate (31’43”), il quarantunesimo di Alberto Mosca (32’00”) e il cinquantaseiesimo di Paolo Gallo (32’35”). Sesto posto, invece, per l’Atletica Valli Bergamsche, che il suo miglior risultato di sempre nel cross coglie grazie al ventisettesimo posto di Max Zanaboni (31’27”), che gara di coppia fa con Xavier Chevrier (ventinovesimo in 31’29”), mentre Andrea Regazzoni chiude quarantaquattresimo in 32’08”.
Gabriele De Nard, Giovanni Gualdi e Daniele Caimmi (foto Colombo/FIDAL)
Gabriele De Nard, Giovanni Gualdi e Daniele Caimmi (foto Colombo/FIDAL)

CRITERIUM CADETTI: Lombardia su Veneto e Piemonte: così dicevano i pronostici, così dice alla fine anche questa volta la classifica combinata. Al femminile atteso assolo per la lombarda Nicole Svetlana Reina, che precede la veneta Francesca Tommasi e la laziale Silvia Salera. Al maschile, altyro assolo, quello del toscano Yohannes Chiappinelli, che precede due giovani dell’Emilia Romagna, Simone Bernardi e Federico Mengozzi. Tra le pieghe “alte” delle classifiche anche qualche figlio d’arte, come la piemontese Valentina Gemetto (24^ cadetta) o i lombardi Sebastiano Parolini (10^ cadetto) e Francesco Agostini (11^ cadetto).

TV - Una replica della sintesi della manifestazione sarà trasmessa su RaiSport 2 lunedì 5 marzo, a partire dalle ore 18:25.

Articolo letto 518 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login