Home » Notizie » Corsa in Montagna » Pronostici sovvertiti alla seconda tappa della Val di Fassa Running

Pronostici sovvertiti alla seconda tappa della Val di Fassa Running

25/06/13

Salvatore Concas prende il volo, Galliano deve inchinarsi

Mirella Bergamo beffa la Rudasso e balza al comando della generale

Domani si recupera la tappa innevata di ieri a Campitello

bergamo_rudasso_gruppo

 

Aria frizzante stamattina, spruzzata dalle cime dolomitiche ancora imbiancate e baciate da un sole tiepido, benvenuto dopo la nevicata improvvisa di ieri alla Val di Fassa Running, in Trentino.

Dunque oggi seconda tappa, a Campestrin, con un’inedita salita subito dopo Campitello che ha fatto selezione dura e alla fine dei 13,2 km di gara il successo è arriso ai secondi in classifica generale, un determinato Salvatore Concas (Genova di Corsa) ed una convincente Mirella Bergamo (GS Valsugana).

Come sempre il colpo d’occhio al via delle 9.30 è affascinante, oltre 400 runners che premono dietro l’arco di partenza, nel parterre lasciato libero dai “camminatori” partiti alle 9.

La gara è entrata subito nel vivo. I primi chilometri pianeggianti hanno incoraggiato i velocisti e così dopo i primi metri è passato a condurre Ridha Chihaoui tallonato da Vito Sardella, un allungo che ha sorpreso il gruppetto dei migliori e che li ha costretti a sostenere un’andatura molto “allegra”. Ma dopo il transito dal centro di Campitello la musica è cambiata. Una ripida e tecnica mulattiera ha subito messo a nudo le intenzioni dei più quotati. Il primo ad entrare nel bosco è stato il fassano Massimo Leonardi che era sfuggito alla grinfie di Galliano e Concas i quali si controllavano a vicenda inseguiti a loro volta da Di Cecco e da Chihaoui.

 

Man mano che il sentiero si inerpicava verso località La Crous la gara cambiava fisionomia, con Concas e Galliano ad imporre un ritmo impossibile per gli avversari. Leonardi, forse partito troppo forte, ha pagato dazio e si è fatto sorpassare dai due protagonisti annunciati di questa edizione della Val di Fassa Running.

Al ristoro di Baita Barcia Vecia, prima dell’ultima salita che conduceva i runners sulla forestale inizialmente pianeggiante e poi in picchiata, Concas aveva le redini della gara in mano, ma la sua ombra sullo sterrato si confondeva con quella di Galliano. I due erano vicinissimi, anche nello spettacolare guado che i due hanno affrontato come abili atleti del salto in lungo. Qualcuno, dietro, ha fatto un fresco pediluvio, ma non Mirella Bergamo che sulla prima salita si è messa a condurre la danza femminile. La Bergamo ha preferito allungare di un briciolo il tragitto e utilizzare la passerella, la Rudasso invece pur di rosicchiare qualche secondo è “volata” sul guado. Dietro la Nanu era ben staccata, con la Scarselli in recupero e la Fortin a distanza di sicurezza.

Tra i maschi, alle spalle di Concas, Galliano e Leonardi si è creato un piccolo gap e ad inseguire si sono messi Chihaoui, Di Cecco, Minici, Sardella, Ronca, Chiera e Piergiovanni, tutti ad alimentare la voglia di chiudere nei primi dieci.

Concas non ha più mollato la leadership, anzi l’ha difesa con i denti mentre Galliano era incapace di reagire, ma in grado di tenere sempre a vista il rivale.

Alla fine la gara non ha avuto scossoni. Concas è volato sul traguardo di Campestrin con 9” di vantaggio su Galliano, che si tiene ancora ben stretto il pettorale di leader della generale con oltre 2’ di vantaggio. Leonardi si è “accontentato” del terzo posto ed il suo imperativo ora è difenderlo fino al tappone di venerdì.

La gara femminile è stata comunque vivace. In discesa dopo il guado la Rudasso ha messo il turbo e sul fondovalle ha punzecchiato e sorpassato la Bergamo. Ma la trentina non si è data per vinta e con un colpo di reni ha messo il sale sulla coda della Rudasso ed è scappata via andando a vincere con 42” sulla ligure. Un distacco che ha consegnato alla Bergamo su un piatto d’argento anche il pettorale di nuova leader. Viviana Rudasso comunque non demorde, ed è pronta a ribattere colpo su colpo nella tappa di domani. Sul podio di  oggi anche la Nanu, terza, ma nettamente staccata in un momento in cui il suo stato di forma non è al massimo.

Domani si recupera la tappa di lunedì, annullata per neve. Stesso percorso in programma, partenza da Campitello e subito salita con un tratto molto tecnico nel bosco che catapulta i runners ad oltre 2.000 metri di quota con spunti al 25%. Poi un passaggio al rifugio Micheluzzi e giù a Pian, fino a raggiungere il traguardo in pieno centro a Campitello. La Val di Fassa Running domani attende la riscossa dei “battuti” di oggi, Galliano e Rudasso. Lo spettacolo ne guadagna di sicuro.

maschile

1 Concas Salvatore Genova Di Corsa 0:51:52; 2 Galliano Massimo Asd Roata Chiusani 0:52:01; 3 Leonardi Massimo Libero 0:52:22; 4 Chihaoui Ridha Genova Di Corsa 0:53:53; 5 Di Cecco Alberico Asd Farnese Vini 0:54:17; 6 Minici Giuseppe L.B.M. Sport 0:55:17; 7 Sardella Vito A Sarà Dura Ma Arivuma! 0:55:36; 8 Ronca Massimiliano La Recastello – Bg 0:57:20; 9 Chiera Franco A Sarà Dura Ma Arivuma! 0:57:47; 10 Piergiovanni Luca Atl. Val Tavo 0:58:01

 

femminile

1 Bergamo Mirella G.S. Valsugana 1:01:20; 2 Rudasso Viviana Genova Di Corsa 1:02:02; 3 Nanu Ana G.S. Gabbi 1:03:47; 4 Scarselli Francesca Olympic Runners Lama 1:05:34; 5 Fortin Aleksandra Sd Nanos 1:06:38; 6 Rrika Alma A Sarà Dura Ma Arivuma! 1:07:13; 7 Brusamento Lorena G.S. Gabbi 1:08:37; 8 Tiberi Lucia G.S. Il Fiorino 1:09:08; 9 Sihvola Elisa Libero 1:11:16; 10 L’epee Sarah Aimee A Sarà Dura Ma Arivuma! 1:11:24

 

Classifica dopo 2 tappe:

 

maschile: 1 Galliano Massimo Asd Roata Chiusani 1.34.35; 2 Concas Salvatore Genova Di Corsa 1.36.49; 3  Leonardi Massimo Libero 1.37.21

 

femminile: 1 Bergamo Mirella G.S. Valsugana 1.54.21; 2 Rudasso Viviana Genova Di Corsa 1.54.36; 3 Nanu Ana G.S. Gabbi 1.57.18

 

Articolo letto 235 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login