Home » Notizie » Altre specialità » Oggi Unesco City Marathon: i favoriti

Oggi Unesco City Marathon: i favoriti

30/03/14

Simon Rugut Kipngetich è il grande favorito della gara maschile, dove punta al podio anche il trentino Leonardi. Oxana Akimenkova e Tatiana Belkina si dividono il pronostico tra le donne, con la toscana Dardini in veste di outsider. Oggi, alla presentazione dei top runners a Palmanova, anche lo scienziato Mauro Ferrari, in gara domani nella maratona

Toprun

 

Palmanova (Ud), 29 marzo 2014 – Ruggero Pertile ed Elisa Stefani cercano eredi. Uganda e Russia si candidano ad essere le nazioni protagoniste della seconda edizione dell’Unesco Cities Marathon, in programma domani – domenica 30 marzo – sul nuovo percorso da Cividale del Friuli ad Aquileia. Simon Rugut Kipngetich (2h14’07” di personale) è il grande favorito della gara maschile. Persi per strada, alla vigilia, tre atleti kenyani, fermati nel loro Paese da problemi burocratici, Rugut Kipngetich – trainato dall’esperto connazionale Wilson Kipkemei Busienei (terzo domenica scorsa alla Stramilano) in veste di “lepre” – cercherà la seconda vittoria in maratona nell’arco di quattro settimane, dopo il successo ottenuto il 2 marzo a Treviso. Il trentino Massimo Leonardi, vicecampione italiano 2013 proprio all’Unesco Cities Marathon, può puntare al podio, così come l’esperto Saverio Giardiello, tra i migliori in Friuli anche l’anno scorso.  Le russe Oxana Akimenkova (2h39’40” di personale) e Tatiana Belkina (2h41’08”) si dividono il pronostico nella gara femminile, dove l’outsider è la costante toscana Claudia Dardini (2h41’27”). Tra le migliori anche la croata Marija Vrajic, accreditata di un record sensibilmente peggiore rispetto alle rivali, ma atleta d’esperienza e abituata a podi importanti. “Lepre” di lusso, per una trentina di chilometri, Micaela Bonessi, friulana di Cividale. Stamane, nello splendido scenario della Piazza Grande, a Palmanova, alla presentazione dei top runners, oltre al sindaco di Palmanova, Francesco Martines, e al campione azzurro Ruggero Pertile, c’era lo scienziato d’origine udinese, Mauro Ferrari, anch’egli atteso domani sulla linea di partenza a Cividale. “Sono felice di poter stringere la mano a tanti campioni – ha detto Ferrari, presidente e amministratore delegato del Methodist Hospital Research Institute di Houston, Texas, uno dei principali centri di ricerca degli Stati Uniti -. Io sono un maratoneta normale, anche peggio che normale, questi invece sono atleti che appartengono ad una dimensione diversa, le loro prestazioni sono ai limiti dell’incredibile, andrebbero studiate scientificamente. Ma la maratona è una grande opportunità, e sono contento che coinvolga un territorio come quello friulano che ha bellezze uniche al mondo”. L’Unesco Cities Marathon sarà anche valida come campionato regionale Fidal assoluto e master e come Campionato italiano dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport (UNVS). Un migliaio gli iscritti alle prove agonistiche, oltre 500 di questi gareggeranno sulla maratona.

I TRAGUARDI COLLATERALI – Non solo maratona.  L’Unesco Cities Marathon sarà un evento davvero per tutti. Sotto il profilo prettamente agonistico, ci sono anche la Iulia Augusta Run, gara individuale sulla distanza di 16,595 km, da Palmanova ad Aquileia, e la staffetta a coppie, sull’intero percorso della maratona (prima frazione di 25,600 km, seconda frazione di 16,595 km). Per gli sportivi senza particolari obiettivi agonistici, invece, la Iulia Augusta Nordic Walking (16,595 km), dedicata agli appassionati della Camminata Nordica (partenza da Palmanova, arrivo ad Aquileia), e la Run For Life, su tre distanze (5, 10 e 15 km), abbinata alla 18^ edizione della Marcia per la Vita (partenza e arrivo ad Aquileia).

 

GLI ORARI - L’Unesco Cities Marathon scatterà alle 9.30 a Cividale del Friuli. In contemporanea, il via della staffetta a coppie e, ad Aquileia, la partenza della Run for Life. Alle 11.15, da Palmanova, lo start della Iulia Augusta Nordic Walking e della Iulia Augusta Run. Uno spettacolo lungo 42 km, con mille ingredienti.

UNESCO CITIES MARATHON

In Friuli Venezia Giulia, all’inizio della primavera, si corre l’unica maratona al mondo che collega due siti appartenenti al Patrimonio Mondiale dell’Unesco: Cividale del Friuli, antica capitale longobarda, e Aquileia, centro dalle importanti vestigia romane. Le due cittadine distano l’una dall’altra esattamente 42 chilometri, la lunghezza classica della maratona. Da qui, l’idea di una corsa che unisca simbolicamente i due centri, passando anche per Palmanova, la celebre “città stellata”, a sua volta candidata a diventare parte del Patrimonio Mondiale dell’Unesco. La prima edizione dell’Unesco Cities Marathon si è svolta il 1° aprile 2013, in abbinamento ai campionati italiani assoluti e master (vittoria di Ruggero Pertile ed Elisa Stefani). La prossima è in programma il 30 marzo 2014 e, rispetto all’edizione inaugurale, proporrà un’inversione di percorso: da Cividale del Friuli ad Aquileia, dalle colline al mare. Quarantadue velocissimi chilometri, nel cuore di una delle regioni più affascinanti e ospitali d’Italia.             

 

UNESCO CITIES MARATHON

Ufficio stampa

Mauro Ferraro

Articolo letto 35 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login