Home » Notizie » Corsa in Montagna » Occhi…Mondiali

Occhi…Mondiali

07/09/12

7 settembre 2012 – Immagini, commenti, emozioni,  soprattutto. A rileggerle a qualche giorno di distanza, un poco cambiano forma, un poco sedimentano, un poco, quello anche, si trasformano in parole. O in riletture di sguardi che parlano per loro…

Gli occhi, allora. Quelli che brillano o si spengono al traguardo, diventando specchio di quello che c’è nel cuore. Al termine della fatica, un passo più in là del traguardo, non c’è spazio per la finzione. Nelle ore, nei giorni che seguono, magari cambiano e si articolano le valutazioni. Ma sotto lo striscione d’arrivo…soltanto gli occhi: rileggiamolo così questa volta il Mondiale.

Gli occhi, allora. Gioia allo stato puro in quelli di Andrea Mayr e della nostra Valentina Belotti: invasi dalle lacrime, salutano il mondo dell’atletica quelli dell’austriaca – sarà poi addio definitivo? – , mentre un poco pure ringraziano che sia finita vigilia colma d’ansia quelli dell’azzurra. Sorridono, in ogni caso, gli occhi di Valentina, risorta in gara, come tante altre volta nella sua vita agonistica e ora attesa…da altro traguardo, da altro coronamento di sogno.

Pieni di luce e di sogni che prendono forma anche quelli di Alex Baldaccini e di Xavier Chevrier, ma anche di Alice Gaggi: i volti più giovani dello squadrone azzurro, sul Tonale capace di spostare più in alto il livello della propria personale crescita agonistica. 

 A sorridere sono anche gli occhi di Gabriele Abate , come in fondo quelli di Marco De Gasperi: lo fanno in modi e in chiavi diverse, ma la loro è gioia intrisa di consapevolezza. Di chi ha posto altro tassello, di chi ha scalato altro gradino, di chi ha già fatto lungo percorso, e che qui o altrove trova motivi e stimoli per sognare ancora.

 Occhi delusi, e per questo forse più catalizzatori di empatia: quelli di Berny Dematteis, quelli di Tonino Toninelli, così come quelli di Renate Rungger o Antonella Confortola: Qualcosa, per motivi diversi, prima o durante, per loro non è esattamente andato così come volevano:  i loro occhi, allora, a dirlo sinceramente, cercando il conforto – che puntuale arriva – di chi più vicino era loro stato anche nel cullare i sogni di questo appuntamento…

D’argento pure lui vestito, poco sorride lo sguardo di Azerya Teklay Woldemariam: vaglielo a dire, all’eritreo, che ancora una volta è secondo. Occhi forse più sbarrati che trionfanti, quelli del connazionale Petro Mamo o dell’altra Africa che ugualmente vince: lo sguardo in festa di un Cherop quasi smarrito nel ritrovarsi solo e quello terrorizzato, in partenza, dei suoi connazionali:Gli occhi degli altri due ugandesi, quelli solo, nel realizzare che la prova juniores nel frattempo già era partita.

Foto di Elio Panciera

Occhi segnati dall’emozione quelli di Michael Monella: quanto pesa, a volte, correre in casa. Valli a notare invece gli occhi di “Neka” Crippa, per lui in fondo parla quella cresta: impegnativa portarla, ma…alzata con coraggio anche nel momento topico della gara. Occhi provati dalla fatica, ma anche premiati da un bronzo che non poco vale: sono quelli di Dylan Titon e di Cesare Maestri. Lì nel mezzo, da scovare nel tempo, gli occhi di chi a breve, chissà, luce  nuova potrà portare anche in campo assoluto…

Occhi intimiditi, poi più sollevati una volta in cima. Occhi belli, in ogni caso, e magari pure azzurri come le loro maglie: sono quelli delle juniores, di una più soddisfatta Ilaria Dal Magro e delle un poco meno contente Samantha Bottega e Sara Lhansour.

Occhi che scrutano e che poi scovano da lontano, occhi che trepidano nell’attesa. Occhi che inseguono e che poi riconoscono, che poi urlano e sospingono, quasi fossero delle mani: sono gli occhi dei tifosi. A ciascuno il proprio campione, a ciascuno la propria parrocchia, non giusta, non sbagliata, ma soltanto magari un poco diversa. Lì in mezzo l’azzurro che unisce, mentre l’entusiasmo dei tifosi, i loro occhi per l’appunto, una delle pagine più belle di questi Mondiali.

Occhi carichi di passione, quelli di chi un motivo, uno qualsiasi, ma fondamentale, ha trovato per essere presente sul Tonale. Occhi che svelano ambizione e protagonismo e che sbranerebbero un leone pur di guadagnarsi…una fotina in prima fila. Occhi che poi invece tornano a parlare della stessa passione: quelli che ancora sognano più visibilità, più interesse e una crescita complessiva del movimento. Occhi stanchi, ma poi in fondo felici: due per tutti, ma è come se rappresentassero un po’ tutto il Comiatto Organizzatore: sono quelli di Marco Agostini, l’uomo che sulle spalle, magari anche un pochino nell’ombra, si è preso o ritrovato buona parte del carico organizzativo.

Paolo Germanetto

 

Articolo letto 416 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login