Home » Notizie » Corsa in Montagna » Valsabbia Half Marathon nel segno De Gasperi e Roberti

Valsabbia Half Marathon nel segno De Gasperi e Roberti

18/04/11

Al duo della Forestale anche il nuovo record del tracciato Provaglio Valsabbia (Bs). La data del 17 aprile è coincisa con l’apertura della stagione bresciana dello skyrunning. Giunta alla ottava edizione, la Valsabbia Half Marathon organizzata dalla Promosport Valli Bresciane, ha visto alla partenza ben 270 concorrenti con 254 classificati. Una Skyrace dal tracciato atipico di venti km, che si sviluppa sui sentieri dedicati alla VII Brigata Matteotti, e che riporta alla memoria di quando, durante la resistenza, i nostri partigiani combatterono per liberare l’Italia dagli oppressori. Alla partenza si segnalava l’ottimo livello qualitativo degli atleti e fin dalle prime battute, non si sono risparmiati con attacchi e sorpassi. Nella gara maschile erano i marocchini Rachid Jarmouni e Abderrahim Karim ad avvantaggiarsi, impostando un ritmo elevato nel primo tratto in discesa di tre km. Quando la strada ha iniziato ad inerpicarsi in salita, però, il forestale Marco De Gasperi andava a sorpassare il duo al comando e a scavava fra se e gli avversari un distacco che, al GPM posto al settimo km, si aggirava intorno ai 2′. Nel frattempo la gara femminile viveva sul bel duello fra due espertissime atlete dello Skyrunning e della corsa in montagna. Emanuela Brizio (Valetudo Skyrunning), vincitrice dell’ edizione 2010, prendeva il largo in salita, con Maria Grazia Roberti (G.S. Forestale) ad inseguirla da vicino per tentare di “assaporare una dolce vendetta” nei confronti dell’atleta della Valsesia che l’aveva relegata, nella passata edizione, a ruolo di comprimaria. Nel maschile De Gasperi non mollava l’acceleratore, transitando in testa sulle cime del monte Colmo a quota 1003 s.l.m. e sul Besume a 1115 s.l.m. , mentre dietro Jarmouni soffriva nei tratti più da grimpeur, lui che è un ottimo stradista, ed era costretto al ritiro a metà gara. All’arrivo Marco De Gasperi (G.S. Forestale) tagliava il traguardo nel nuovo tempo record di 1h20’02”, con il bravo Abderrahim Karim (Traversolo Running ) che riusciva nello strenuo tentativo di respingere la rimonta di Alessandro Rambaldini (Atl. Gavardo). 1h 24’53” per l’atleta del Magreb e 1h 26’15” per il bresciano Rambaldini. Al quarto posto il camoscio di Lizzola Michele Semperboni (G.S. Altitude) in 1h 26’47”, quinto Marco Zanoni (G.S. Legnami Pellegrinelli) in 1h 28’00”, sesto Franco Bani (Free Zone) 1h 28’19”, settimo Paolo Gotti (G.S. Altitude) 1h 28’42”. Nella gara femminile la Roberti riusciva ad avere la meglio sulla Brizio, riuscendo a sfruttare i tratti più filanti del percorso e mettendo fieno in cascina a sufficienza per mantenere la testa della classifica fino al traguardo. Anche per la forestale bresciana si trattava di questioni di record, 1h 40’01” per lei e seconda, 1h 42’35” per Emanuela Brizio, seguita da altre due compagne di squadra della Valetudo Skyrunning, Ester Scotti in 1h 51’08”, Isabella Labonia in 1h 52’29”, quinta la bergamasca Elisa Pelliccioli (Felter sport) in 1 h 53’31”. Marco De Gasperi in gara (foto Tonassi)

Articolo letto 85 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login