Home » Notizie » Corsa in Montagna » Sergio Chiesa: un maratoneta che va forte pure in montagna

Sergio Chiesa: un maratoneta che va forte pure in montagna

14/10/07

Alla Molina – Rifugio Elisa (Lc) vittoria bergamasca pure al femminile

Vittoria orobica sia al maschile che al femminile, domenica scorsa, all’edizione 2007 della Molina – Rifugio Elisa. Pur non battendo il record griffato Marco De Gasperi – 51’41” – a spuntarla nella classica Fidal only up di Mandello è stato il maratoneta Sergio Chiesa. Per lui un riscontro cronometrico di 53’50” che gli ha permesso di mettere dietro molti dei nostri migliori specialisti. Profeti in patria ed entrambi sul podio, sono saliti i “Falchi” Silvio Gatti – 55’03”- ed Enrico Ardesi -55’48”-. Al 4° posto da segnalare un ottimo Massimo “Paolino” Colombo.  Al Rientro dal brutto infortunio di Premana, l’esperto skyrunner di Santa Maria Hoè sembra quindi essere tornato ad esprimersi su ottimi livelli. Prova ne è il 2° posto alla Como – Valmadrera e questo 4° posto scaturito in una gara dal parterre invidiabile. Nella gara in rosa, con un finish time di soli 2” sopra il record femminile ha vinto la skyrunner bergamasca Daniela Vassalli che nell’ordine ha regolato Ilaria Bianchi della Comense e la valmadredese Daniela Gilardi. Euforico per il 2° posto assoluto Silvio Gatti ci ha raccontato : «Sono davvero soddisfatto. Questo è sicuramente il mio miglior tempo su questo tracciato. Dopo la bella prova chiavennasca alle Marmitte dei Giganti ero in cerca di conferme pre Vanoni e le ho trovate». Ora l’obiettivo è staccare il miglior piazzamento possibile agli italiani a staffetta di domenica: «A Morbegno ci troveremo di fronte l’elite italiana ed internazionale. Non sarà facile, ma quello del Trofeo vanoni è un tracciato che conosciamo e che ci piace. Faremo sicuramente bene». In lizza per la prima squadra agli italiani si è proposto anche il suo compagno di club Enrico Ardesi. Reduce da una stagione difficoltosa e condizionata da continui acciacchi fisici, il polivalente runner di casa si è, infatti, dimostrato in grande spolvero con una conduzione di gara tutta in progressione: «Sono felicissimo – è stato il suo commento a caldo -. Quest’estate non sono ai riuscito ad esprimermi come avrei voluto, ma qui all’Elisa sono andato davvero forte. Questo piazzamento in parte mi ripaga di molti sacrifici». Con un lotto di oltre 150 partenti, molti dei quali di buon livello, salire sul podio è stato oltremodo gratificante: «Conosco molto bene il tracciato di gara. Le pendenze sono sempre importanti, con tratti veramente duri; per questo ho preferito non seguire i primi che hanno esordito con un ritmo a dir poco sostenuto. Salendo ho fatto tutta la gara con Paolino Colombo. Man mano che guadagnavamo posizioni ho capito che ero in giornata. Poi, vinto il testa a testa, salire sul podio è stato il massimo».  Podio F: 1. Daniela Vassalli; 2. Ilaria Bianchi; 3. Daniela Gilardi. Classifica Maschile: 1 Sergio Chiesa 53’50”; 2. Silvio Gatti 55’03”; 3. Enrico Ardesi 55’48”; 4. Massimo Colombo 55’56”; 5. Carlo Ratti 55’59”. Maurizio Torri 

(immagine www.asfalchi.it)

Articolo letto 197 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login