Home » Notizie » Corsa in Montagna » Romagnolo, donna sola al comando

Romagnolo, donna sola al comando

18/02/08

A Monza la biellese domina il lungo femminile La copertina spetta di diritto ad Elena Romagnolo, non tanto per la sua vittoria nel cross lungo che poteva anche essere preventivata, quanto per come essa è arrivata. La portacolori dell’Esercito ha controllato la gara nella sua prima parte con il piglio di chi sa di poterne tenere saldamente le redini in mano, incurante della presenza della Maraoui (Esercito) a cui si è ben presto aggiunta la Rungger (Forestale). Nell’ultimo giro, sulla salita finale di 600 metri, la Romagnolo ha impresso un’accelerazione impressionate che alla fine le ha fatto guadagnare ben 19 secondi sulla Rungger che in volata ha avuto ragione della Maraoui. Per la Romagnolo è la prima vittoria stagionale: "Questo percorso così veloce mi si addice, ma una gara come i Societari non è mai facile. Adesso mi aspettano i 3000 di Genova indoor e soprattutto i Tricolori di cross a Carpi, poi si comincerà a pensare alla stagione su pista, anzi ci sto già pensando: se riesco a tornare sui tempi del primato italiano dei 3000 siepi (9:41.12, ndr) potrò andare a Pechino. I 9:30? No, la soglia dell’eccellenza internazionale è ancora lontana". Il titolo a squadre non poteva sfuggire all’Esercito, estremamente compatto con tre atlete nelle prime 9 posizioni, davanti a Forestale e Runner Team 99.

La gara del corto maschile è stata per lungo tempo (anche se parliamo di una prova di meno di 15 minuti…) una sfida fra italiani e marocchini, ma a giocarsi la vittoria sono stati poi i corridri nostrani. La prima parte di gara è stata contraddistinta dall’offensiva di Goran Nava, il portacolori della Pro Patria specialista degli 800 che ha dato subito scacco matto a molti "mammasantissima" del cross come De Nard e Maurizio Leone. A tenere il suo passo sono stati Floriani (FF.GG.) e i marocchini Mouakri e Laalami. Nell’ultimo giro però c’è stato il ritorno di Floriani, andato a vincere in bella scioltezza per raccogliere l’eredità del compagno di squadra Caliandro primo nel 2007, davanti a Nava e a Cannata (Aeronautica) autore di una splendida progressione finale. Titolo a squadre alle Fiamme Gialle, mai in discussione.

Nelle prove giovanili conferma del talento di Valeria Roffino fra le juniores. La portacolori del Runner Team 99 ha staccato sui 5 km del percorso Veronica Inglese (Atl.Gran Sasso) di 12 secondi. Il sodalizio teramano si conferma però tricolore di categoria staccando il biglietto per la Coppa del Campioni 2009. Fra le allieve successo netto e preventivato della sarda Jessica Pulina (Atl.Ploaghe) mentre la prova a squadre è andata alla Pro Patria. Fra gli allievi vittoria del marocchino Maouan Razine (Cus Torino) davanti a Federico Viviani del Marathon Uoei Trieste, primo nella competizione per club.

Gabriele Gentili
La copertina spetta di diritto ad Elena Romagnolo, non tanto per la sua vittoria nel cross lungo che poteva anche essere preventivata, quanto per come essa è arrivata. La portacolori dell’Esercito ha controllato la gara nella sua prima parte con il piglio di chi sa di poterne tenere saldamente le redini in mano, incurante della presenza della Maraoui (Esercito) a cui si è ben presto aggiunta la Rungger (Forestale). Nell’ultimo giro, sulla salita finale di 600 metri, la Romagnolo ha impresso un’accelerazione impressionate che alla fine le ha fatto guadagnare ben 19 secondi sulla Rungger che in volata ha avuto ragione della Maraoui. Per la Romagnolo è la prima vittoria stagionale: "Questo percorso così veloce mi si addice, ma una gara come i Societari non è mai facile. Adesso mi aspettano i 3000 di Genova indoor e soprattutto i Tricolori di cross a Carpi, poi si comincerà a pensare alla stagione su pista, anzi ci sto già pensando: se riesco a tornare sui tempi del primato italiano dei 3000 siepi (9:41.12, ndr) potrò andare a Pechino. I 9:30? No, la soglia dell’eccellenza internazionale è ancora lontana". Il titolo a squadre non poteva sfuggire all’Esercito, estremamente compatto con tre atlete nelle prime 9 posizioni, davanti a Forestale e Runner Team 99.

La gara del corto maschile è stata per lungo tempo (anche se parliamo di una prova di meno di 15 minuti…) una sfida fra italiani e marocchini, ma a giocarsi la vittoria sono stati poi i corridri nostrani. La prima parte di gara è stata contraddistinta dall’offensiva di Goran Nava, il portacolori della Pro Patria specialista degli 800 che ha dato subito scacco matto a molti "mammasantissima" del cross come De Nard e Maurizio Leone. A tenere il suo passo sono stati Floriani (FF.GG.) e i marocchini Mouakri e Laalami. Nell’ultimo giro però c’è stato il ritorno di Floriani, andato a vincere in bella scioltezza per raccogliere l’eredità del compagno di squadra Caliandro primo nel 2007, davanti a Nava e a Cannata (Aeronautica) autore di una splendida progressione finale. Titolo a squadre alle Fiamme Gialle, mai in discussione.

Nelle prove giovanili conferma del talento di Valeria Roffino fra le juniores. La portacolori del Runner Team 99 ha staccato sui 5 km del percorso Veronica Inglese (Atl.Gran Sasso) di 12 secondi. Il sodalizio teramano si conferma però tricolore di categoria staccando il biglietto per la Coppa del Campioni 2009. Fra le allieve successo netto e preventivato della sarda Jessica Pulina (Atl.Ploaghe) mentre la prova a squadre è andata alla Pro Patria. Fra gli allievi vittoria del marocchino Maouan Razine (Cus Torino) davanti a Federico Viviani del Marathon Uoei Trieste, primo nella competizione per club.

Fonte: fidal.it – Gabriele Gentili

Articolo letto 38 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login