Home » Notizie » Corsa in Montagna » Pasquetta montana

Pasquetta montana

16/04/09

Tra i protagonisti, Galliano e Abate, Arafi e Passuello, oltre ai soliti gemelli Dematteis

Oltre ai convincenti successi di Valentina Belotti ed Emanuele Manzi a Mezzegra, nel comasco, – di cui si da conto nelle news flash – il lunedì di Pasquetta ha dato anche qualche altro segnale circa la condizione di alcuni protagonisti della corsa in montagna italiana.

A Neive, nel cuneese, gemelli Dematteis in evidenza, con Martin e Bernard a tagliare insieme e per primi il traguardo di una prova di circa dieci chilometri e dal profilo collinare, con il magrebino-astigiano Rachid El Yazioui terzo a quasi un minuto dai due. Al femminile, ancor più netto il successo di Monica Panuello (dragonero) su Elena Bagnus (Valle Varaita).

Da Neive a Porte di Pinerolo: ci si sposta di poco, per registrare le vittorie di Massimo Galliano (Roata Chiusani) e Khadija Arafi (Tranese) nella nona edizione della cronoscalata Porte – Fontana degli Alpini. Gara secca e breve, con l’ex campione europeo di corsa in montagna – correva l’anno 2000 – ad imporsi nel notevole tempo di 11’11", a due soli secondi dal record di Fabrizio Cogno. Solamente due anche i secondi che separano Galliano da Gabriele Abate (Orecchiella), qui già vincitore in passato, ma comunque mai così veloce sul ripido tracciato pinerolese. Per la terza piazza, seppur a distanza, sorprende il giovane Fabio Brunetto (Valpellice – 12’03"), che a sua volta mette in fila Francesco Bianco (Crc Alpignano – 12’12), Abdessamia Mountasser (Saluzzo – 12’21"), Maurizio Gemetto (Saluzzo – 12’24") e Paolo Bert (Infernotto – 12’40").

La gara femminile finisce invece nelle mani della stradista e crossista marocchina Arafi: per lei il cronometro si ferma su 14’43", dodici secondi in meno di Cinzia Passuello (Vittorio Alfieri Asti), una delle atlete più attese a livello nazionale in questa stagione. Per il podio, ecco anche Giorgia Morano (Atl. Saluzzo), che chiude in un valido 15’12". Poi Marina Plavan e Giovanna Malan.

Gabriele Abate

Articolo letto 60 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login