Home » Notizie » Corsa in Montagna » Le telecamere di Sky Sport ai Mondiali

Le telecamere di Sky Sport ai Mondiali

12/09/07

Un’iniziativa promossa e finanziata dall’Associazione Nazionale Amici della Corsa in Montagna. Per la prima volta al seguito degli azzurri in una rassegna iridata al di fuori dei confini nazionali

Ci sarà anche Sky Sport alla ventitreesima Coppa del Mondo di corsa in montagna.  Saranno i programmi "Icarus" e "Punto Sport"  a dare risalto, nei giorni successivi all’evento, a quelle che si sperano possano davvero essere le imprese degli azzurri. Una novità importante per il movimento della corsa in montagna italiana, un piccolo successo per l’Associazione "Amici della corsa in montagna" che questo progetto ha seguito negli ultimi mesi. Sky Sport sarà dunque a Ovronnaz per seguire da vicino gli azzurri e per offrire agli appassionati della corsa in montagna immagini e commenti sull’evento clou della stagione. Già negli scorsi anni era accaduto che le telecamere – in quelle occasione della RAI – seguissero delle rassegne iridate, ma sempre soltanto quando esse si svolsero sul suolo italiano. Fu il caso, ad esempio, di Arta Terme 2001 e Sauze d’Oulx 2004, eventi che la RAI propose in diretta, con ottimi risultati quanto ad audience. Ma ad Ovronnaz, per la prima volta, un’emittente italiana specializzata nello sport varcherà i confini nazionali per seguire una specialità come quella della corsa in montagna da sempre alla ricerca di maggiore visibilità.

Un punto di partenza importante che si spera possa avere sviluppi successivi. Il progetto degli "Amici della Corsa in Montagna" non si esaurisce infatti al solo appuntamento iridato. Anzi, lo scopo è proprio quello di cercare di dare alla visibilità mediatica della specialità quella continuità che ha sempre fatto difetto in passato. Con l’aiuto di sponsor disponibili ad investire sulla corsa in montagna, l’obiettivo – magari ambizioso, ma vitale per il settore – è quello di portare avanti un progetto non finalizzato alla promozione di un singolo evento, ma tendente a conglobare tutto un insieme di competizioni di alto livello. Nell’interesse dell’intero settore.

In quest’ottica, dopo l’appuntamento iridato, anche i campionati italiani di corsa in montagna a staffetta (Trofeo Vanoni – Morbegno, 21 ottobre prossimo) dovrebbero avvalersi della copertura delle telecamere di "Icarus" e "Punto Sport". Un ulteriore banco di prova per arrivare ad un progetto ben più organico per la stagione 2008.

Articolo letto 54 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login