Home » Notizie » Corsa in Montagna » Il 30 maggio al via i tricolori giovanili a staffetta in Val Comelico (Bl)

Il 30 maggio al via i tricolori giovanili a staffetta in Val Comelico (Bl)

10/05/10

Val Comelico (Belluno), maggio 2010 ? Appuntamento con il Campionato italiano di corsa in montagna sulle Dolomiti Bellunesi. La rassegna tricolore si svolgerà domenica 30 maggio a Padola, in Val Comelico, dove verranno assegnati i titoli italiani di staffetta per le categorie Allievi e Allieve. Nella stessa giornata saranno di scena gli atleti e le atlete della categoria Cadetti, impegnati, sempre un staffetta, nel Trofeo nazionale.
La manifestazione, valida per l’assegnazione del memorial Riccardo De Martin, è proposta dall’Atletica Comelico, società la cui attività ufficiale comincia nel 1987 ma le cui radici affondano nei primi anni del secondo dopoguerra. Una storia, quella della corsa in montagna in Comelico, che negli anni ha saputo proporre diversi momenti di eccellenza a livello organizzativo (dal trofeo ”Caduti Cima Vallona” al ”Monte Cavallino” , dal ”Monte Zovo” al ”Ribul Nin”, oltre a diverse prove di Campionato Cadorino) e che ha saputo formare parecchi atleti di ottimo livello (da Massimo Caracoi a Prosdocimo Costan, da Vittorio De Candido a Franco Pocchiesa, da Pierluigi Maddalin ai fratelli Pietro e Paolo Unterpertinger).
A fine maggio l’Atletica Comelico sarà dunque chiamata a un altro impegno organizzativo, impegno che avrà al centro i giovani. «Per noi l’attività giovanile è fondamentale e i campionati italiani che si svolgeranno tra una ventina di giorni a Padola si inseriscono in un ampio progetto di rilancio di questa attività ? spiega il presidente dell’Atletica Comelico, Nunzio Pocchiesa ? Nei giorni scorsi abbiamo ottenuto l’omologazione ufficiale del tracciato a parte dei delegati Fidal e in queste ore stiamo mettendo a punto gli ultimi dettagli organizzativi. Puntiamo a fare sì che questi tricolori ? conclude Pocchiesa ? possano essere un’occasione per scoprire nuovi talenti della corsa in montagna, ma anche un’opportunità di promozione per tutto il territorio del Comelico».

Articolo letto 31 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login