Home » Notizie » Corsa in Montagna » I Falchi Lecco dominano la Rasura Bar Bianco

I Falchi Lecco dominano la Rasura Bar Bianco

22/07/07

La classica sondriese si conferma gara di livello

Falchi Lecco show,  alla Rasura Bar Bianco 2007. Anche se il record di 33’18” stabilito nel 2005 da Alain Bonesi  non è caduto, un super Carlo Ratti ha davvero impressionato sui 5.750m di sola ascesa che dal borgo orobico di Rasura (800mslm) portano sino ai 1506m del Bar Bianco. Per lui meritata vittoria in 33’39” dinnanzi al compagno di club Silvio Gatti 33’54” e allo scalatore gerolese Mattia Curtoni 34’15”. Nella gara in rosa la semoghina Alessandra Valgoi ha regolato le avversarie passando sotto il traguardo in 43’53”. Seconda è invece giunta la vincitrice dell’edizione 2006 Annalisa Ongania (Falchi Lecco) in 44’18”, mentre terza si è piazzata Marina Testini del Santi in 47’10”. Passando alla non competitiva, andata in scena sul medesimo tracciato, da segnalare l’ennesimo successo del diciassettenne corridore di Gerola Filippo Curtoni. Mettendo dietro numerosi atleti della competitiva, la giovane stella del Csi Morbegno ha infatti fermato il crono sul tempo di 39’19”. Alle sue spalle Paolo Cassina del Valgerola – 40’59”- e  l’altro gialloblù Paolo Cazzola – 43’04”-. Tornando alla cronaca della gara, il treno dei Falchi Lecco ha subito forzato il ritmo mettendo nelle prime tre posizioni Carlo Ratti, Silvio Gatti e Enrico Ardesi. L’obiettivo dichiarato era fare gioco di squadra per provare ad abbattere il record del campioncino di casa Alain Bonesi. Con la spavalderia dei giovani, l’unico valtellinese a tenere loro testa nel passaggio in Rasura è stato il giovane Emanuele Rampa. Quando la stanchezza ha cominciato ad affiorare il discorso per la prima piazza è subito parso ristretto alla premiata ditta Gatti – Ratti. Il primo ha condotto sino a tre quarti del percorso per poi cedere il passo la compagno di club: «Sapevo che Enrico è fortissimo sul corribile, ma meno nei tratti duri – ha confermato al traguardo un euforico Carlo Ratti -. L’ho quindi tenuto per poi attaccarlo in una rampa nel bosco». Se il giovane Rampa ha dimostrato di esserci con l’8° posto finale, in grande spolvero è parso pure il portacolori dell’Adm Mattia Curtoni: «Ho fatto una buona gara e sono contento di come è andata – ha tagliato corto l’atleta di Gerola Alta -. Pur essendo vicino a casa questa gara l’avevo corsa solo anni addietro vincendo la camminata». Pur non avendo abbassato il proprio personale best – 43’07”- che è poi anche record femminile della manifestazione, pure Alessandra Valgoi ha girato su ottimi ritmi:  «Nel primo tratto di gara Annalisa Ongania ha esordito con un ritmo insostenibile – è stato il suo commento a caldo -. Sapevo che andarle dietro sarebbe stato un suicidio». Meglio quindi aspettare tempi più propizi per la stoccata vincete: «Giunti nel bosco, in un pezzo veramente tosto, l’ho agganciata a e passata . Non ho abbassato il mio record, ma sono comunque soddisfatta di questa vittoria». Maurizio Torri  

Articolo letto 81 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login