Home » Notizie » Corsa in Montagna » Grand Prix WMRA: a Gaiardo la prima

Grand Prix WMRA: a Gaiardo la prima

10/06/07

Nella svizzera Sierre-Crans Montana vittorie da pronostico per il bellunese e la giovane elvetica Strachl. La Roberti è terza, mentre Abate chiude quarto

Pronostici rispettati nella prima prova del Grand Prix WMRA. A Sierre-Crans Montana, famosa località turistica svizzera che ospiterà la Coppa del Mondo nel 2008, le vittorie sono infatti arrise all’azzurro Marco Gaiardo e all’idolo di casa Martina Strachl, già argento lo scorso anno in Coppa del Mondo. Netti entrambi i successi, con il portacolori dell’Orecchiella Garfagnana a confermare il suo grande stato di forma e a dominare sin dalle prime rampe una prova in cui spazio sul podio trovano anche due elvetici, David Schneider e Jacques Krahenbuhl. Ma se Gaiardo impiega 1h00’35" a concludere i tredici chilometri di una gara dal profilo quasi costantamente verticale, Schneider fa segnare un tempo di 1h02’43" e Krahenbuhl 7" in più. Si ferma invece ai piedi del podio la prima vera esperienza nel Grand Prix WMRA di un’altra delle punte azzurre, il valsusino Gabriele Abate, anch’egli portacolori dell’Orecchiella Garfagnana. In un momento per lui difficile sotto più profili è comunque da salutare positivamente il suo quarto posto, sebbene con un distacco di 3’14" dal compagno di squadra. Alle sue spalle chiude, a 4’04", l’ex campione europeo Alexis Gex Frabry, poi il giovane scozzese Joe Symonds, il francese Emmanuel Meyssat, gli svizzeri Andy Sutz e Sebastien Epiney e lo sloveno Sebastjan Zarnik.

Doppietta elvetica invece in campo femminile, con la ventenne Martina Strachl a prevalere dopo 46’35" di gara su Bernardette Maier Dreien, unica a contenere il distacco dalla vincitrice al di sotto del minuto. A completare il podio è la tricolore in carica Maria Grazia Roberti (Forestale), al primo podio in una prova del Grand Prix e al traguardo distanziata di 2’56" dalla Strachl. Giù dal podio chiudono nell’ordine Marie Lucie Romanens (Svi), la britannica Victoria Wilkinson, la leggendaria Fabiola Rueda Oppliger, la scozzese Anne Buckley, Estelle Oberson (Svi), Rebecca Roberson (Gb) e Laura Hrebec (Svi). Per i colori italiani, da segnalare anche la sedicesima piazza di Angela Serena (Atl. Valle Brembana).

Articolo letto 30 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login