Home » Notizie » Corsa in Montagna » Domenica prima tappa della Skyrunning World Series

Domenica prima tappa della Skyrunning World Series

14/05/10

Torna la classica maratona Zegama-Atzorri in terra basca Fonte Sportdimontagna.com

Ormai ci siamo, dopo qualche test primaverile e alcune prove di campionato italiano, domenica si comincia a fare sul serio con la prima tappa di Coppa del Mondo. Ai nastri di partenza troveremo diversi italiani e i ”Valetudo” praticamente al gran completo: «Finalmente si riparte nell’avventura World Series 2010 ? ci ha confidato lo stesso Pesenti alcuni giorni fa in quel di Sondalo -. Sarà emozionante ripartire da Zegama; questa skymarathon ha un pubblico meraviglioso: i baschi restano sul percorso per ore ed ore, anche sotto la pioggia ed in mezzo alla nebbia dell’Aizkorri, ad incitare tutti gli atleti chiamandoli per nome dal primo all’ultimo e aggiungendo i famosi incitamenti: ”animo-animo e venga venga”. Poi la partenza della gara, con le musiche e i balli tradizionali Baschi, fa venire la pelle d’oca».
Focalizzando l’attenzione sui propri atleti, Pesenti ha proseguito: «La Valetudo skyrunning Italia si presenta con un compatto gruppo di atleti, tutti sono desiderosi di fare bene secondo le proprie possibilità atletiche. Sperando che la nube del vulcano lasci liberi i cieli d’Europa da Orio al Serio partiranno per Zegama la campionessa mondiale di skyrunning 2009 Brizio Emanuela, la campionessa mondiale di ultratrail 2009 Mora Cecilia, Arrigoni Giuliana e Miori Luca. Con loro vi saranno pure Piffero Giordano, Tarantola Salvatore e Sobrero Claudio».
Non solo Valetudo, però, a questa prima di Coppa del Mondo. Ai nastri di partenza vi sarà anche l’esperto Fulvio Dapit (Aldo Moro Paluzza); uno che sul tracciato basco ha dimostrato di potere staccare piazzamenti importanti. Un’incognita invece la prestazione che potrebbero sciorinare i valtellinesi Giovanni Tacchini (Team Valtellina) e Laura Besseghini (Atletica Alta valtellina). Il primo, bronzo europeo a Canazei è in cerca di esperienze internazionali per crescere ulteriormente; la seconda, se solo puntasse su questa disciplina con maggiore convinzione, potrebbe togliersi delle belle soddisfazioni?

Articolo letto 28 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login