Home » Notizie » Corsa in Montagna » Monviso Vertical Race, Martin Dematteis impone la sua legge

Monviso Vertical Race, Martin Dematteis impone la sua legge

02/06/13

02-06-2013 Crissolo (Cn). Dalle Orobie alle Cozie. De Gasperi fa il record al Vertical di Valbondione (Bg), Martin Dematteis gli fa eco a quello di Crissolo (Cn). E’ la “vertical mania”, quella che ogni domenica anima centinaia di podisti amanti della salita estrema, a presentarsi al via di questo tipo di competizioni, con una tendenza che parla di numeri in costante crescita.

La piramide perfetta del Monviso

 

Complice una giornata di tempo finalmente clemente e con le temperature in aumento, anche la neve residua nella parte alta del tracciato di gara che a Crissolo non ha spaventato, ne tantomeno limitato, i 152 iscritti alla kermesse disputatasi stamani. In palio vi erano i titoli di campioni Regionali Fidal di chilometro verticale.

Da Crissolo al Monte Granè, 1000mt esatti di dislivello con uno sviluppo di 4050 i metri. La gara si sviluppa con una fase di lancio di circa 200 metri di asfalto per poi attaccare la pista di sci col celebre “muro di Culubrira”, che mette a dura prova i concorrenti con pendenze verticali. Successivamente, un alternarsi di erte su prato e tratti di “respiro”, conducono alla parte più alta del tracciato dove finalmente la salita diventa più corribile.

Dopo sette edizioni del Vertical all’ombra del Monviso, si è registrato anche il record assoluto del tracciato per opera di Martin Dematteis (Esercito), ovvero uno fra i più forti “verticalisti” in circolazione, che con il tempo di 37’37” riusciva ad abbassare il vecchio limite fissato da Massimo Galliano nel 2008. Paolo Bert (Pod. Valle Infernotto) in 39’49” e Max Di Gioia (Atl. Palzola) in 41’10” gli finiscono alle spalle nell’ordine e vanno a completare un podio di prestigio. Fabio Cavallo (Pod. Valle Grana) è quarto, e fratelli Bonetto, Fabio e Stefano (Atl. Val Pellice), quinti e sesti.

Il gemello della Valvaraita Martin Dematteis (Esercito)

Gara donne con Romina Cavallera (Roata Chiusani) che partiva con i favori del pronostico, ma a tagliare per prima il traguardo è stata Catarzina Kuzminska (Atl. Balangero) in 47.27”  con soli 32″ di vantaggio sull’atleta allenata da Mauro Riba. Rrika Alma (Stilcar Cumiana), chiudeva al terzo posto in 50.41”.

 

Articolo letto 788 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login