Home » Notizie » Corsa in Montagna » Marmitte Dei Giganti, a Chiavenna passerella per l’iridata Gaggi e trionfo delle Valli Bergamasche

Marmitte Dei Giganti, a Chiavenna passerella per l’iridata Gaggi e trionfo delle Valli Bergamasche

23/09/13

Archiviata la 32^ edizione del Trofeo Marmitte dei Giganti a Chiavenna (So), gara nazionale a staffetta a tre elementi al maschile e individuale al femminile.

Una bella giornata di sole quella di ieri, ideale per un tracciato ormai storico che necessità dell’asciutto per esaltare le caratteristiche di un percorso saliscendi a tratti tecnico di circa 7,5 km. La storia della corsa in montagna italiana, un po’ come lo è per il “cugino” Trofeo Vanoni di Morbegno, è passata da qui. A riprova della bontà della gara Valtellinese c’è stata la partecipazione della neo iridata di corsa in montagna Alice Gaggi (Runner Team ’99).

La sondriese ha voluto onorare la manifestazione chiavennasca, dopo aver affrontato una trasferta piuttosto lunga agli italiani CDS su strada a Molfetta (Ba) il giorno prima, dove ha conseguito una eccellente quinta piazza assoluta in mezzo a tante specialiste della corsa su strada e su pista.

La gara femminile aveva quindi una favorita d’obbligo e i pronostici sono stati rispettati. Alice Gaggi ha vinto abbassando il suo precedente record, portandolo a 24’10”, ma ha anche dovuto contenere l’esuberanza della giovane Sara Bottarelli (Un. Atl. Val Trompia) che ha chiuso al secondo posto con il tempo di 24’45. Terza piazza per Lorenza Combi (Runners Colico) e prima m35, quarta Elisa Sortini (Talamona), quinta Annalisa Ongania (As Falchi Lecco). Tra le master successi per Monia Acquistapace (Santi) tre le M40, Ivonne Martinucci (Valchiavenna) tra le M45, Natalia Alberti (Valgerola) tra le M50, Zita Rogantini (Valchiavenna) tra le M60.

La partenza della gara maschile (foto http://pizzoscalino.blogspot.it)

La partenza della gara maschile (foto http://pizzoscalino.blogspot.it)

A livello maschile si è vista una grande prima frazione del lariano della Recastello Radici Group Fabio Ruga, il quale ha duellato nelle prime fasi di gara con il bellunese delle Valli Bergamasche Luca Cagnati, per poi attaccare nel finale e tagliare il traguardo in un ottimo 28’06”, miglior performance di sempre per il trentaduenne comasco. Al cambio, nessun compagno aspettava Ruga, che ha comunque deciso di correre individualmente questa competizione che molto spesso gli ha regalato ottimi riscontri cronometrici. Strada libera per gli alfieri delle Valli Bergamasche, in formazione rimaneggiata per via dell’assenza del “cavallino” Xavier Chevrier, ma comunque in cerca di conferme in vista del campionato italiano a staffetta di Malonno (Bs), in programma il 6 ottobre. Dopo Cagnati (autore del secondo tempo di giornata con 29’20”), il testimone è passato a Christian Terzi (quinto tempo assoluto) e poi a Massimiliano Zanaboni, che ha saputo amministrare un buon margine di vantaggio fino a tagliare il traguardo finale, aggiudicandosi inoltre il il 6° Trofeo Marmitte, con il tempo di 1h 30’39″.

Seconda piazza a 1’21” per il Csi Morbegno  grazie alla bella gara del giovane Marco Leoni (terzo miglior tempo), assieme ai più esperti compagni di squadra Giovanni Tacchini e Stefano Sansi. Terza piazza per il Gs Orobie A (orfano di Baldaccini) in 1’34’04″, che schierava Vincenzo Milesi, Riccardo Faverio e Franco Zanotti. A seguire in quarta piazza i padroni di casa del G.P. Valchiavenna, e in quinta il G.P. Talamona.

Il premio a ricordo di Ferruccio Triulzi è andato allo Junior Nadir Cavagna (Atl. Vallebrembana), protagonista del quarto miglior tempo individuale.

 

Classifica Maschile a staffetta:

1. Cagnati, Terzi, Zanaboni 1h30’39” Valle Bergamasche

2. Morbegno Leoni, Tacchini, Sansi 1h33’00” Morbegno

3. Milesi, Faverio, Zanotti 1h43’04”  Gs Orobie

4. Silvani, Panatti, Triulzi 1h34’41” Valchiavenna

5. Rovedatti, Torri, Fracassi 1h34’48” Talamona

Femminile:

1. Alice Gaggi 24’11”

2. Sara Bottarelli 24’45”

3. Lorenza Combi 25’58”

4. Elisa Sortini 26’12”

5. Annalisa Ongania 26’32”

 

 

 

Articolo letto 358 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login