Home » Notizie » Altre specialità » La classica di San Geminiano a Morano e Kamalla

La classica di San Geminiano a Morano e Kamalla

02/02/12

Sono le 12:00 quando i primi fiocchi di neve cominciano a cadere su Modena e sul percorso che tra due ore e mezza riempirà di corridori le strade della Corrida di San Geminiano, edizione numero 38. L’organizzazione di Serafino Ansaloni targata Fratellanza 1874 ha già preparato tutto e la neve (che per fortuna non si attacca al suolo) scongiura ogni rimando. Così alle 14:30 viale Berengario è gremita di persone: 700 i competitivi che non hanno voluto perdersi lo spettacolo di questa corsa, e quasi 4000 non competitivi che potranno raccontare di essere stati presenti a questa “Bianca Corrida”. E’ da subito gara, ed in testa si forma una coppia di atleti: il keniano Ljokitok Daudi Makalla ed il “principe ucraino” Vasyl Matviychul. I due passano davanti al Duomo già al comando e così a Cognento dimostrano un discreto vantaggio su Jan Baptiste Simukeka che incalza a mezzo minuto. Dietro segue un gruppo di cinque inseguitori tra cui il modenese Omar Choukri (Mds Panariagroup) ed il primo italiano Domenico Ricatti (Aereonautica). La gara femminile intanto vede in testa Veronica Paterlini, l’atleta del Cus Parma che da settembre si è trasferita a Modena per essere allenata da Renzo Finelli. Un’atleta allenato da Finelli, ideatore e organizzatore della Corrida, non ha mai vinto la corsa modenese. Il passaggio a Cognento segna il giro di boa e per molti è il momento della verità. La verità per Makalla significa un allungo deciso per staccare l’ucraino compagno di corsa e per involarsi verso la vittoria. La Paterlini invece comincia a subire una partenza piuttosto veloce e viene rimontata dalla torinese Giorgia Morano. Così al Novi Sad Ljokitok Daudi Makalla raccoglie gli applausi concludendo in 39’06”, davanti a Vasyl Matviychul (39’28”) e Jan Baptiste Simukeka (40’00”). Per gli atleti della Fratellanza il primo a tagliare il traguardo è Davide Uccellari (12° in 41’27”), davanti ad Antonio Santi (16° in 42’46”) e Daniele Zanasi (28° in 44’30”). La prima donna a tagliare il traguardo è Giorgia Morando del Cus Torino in 46’08” che completa la rimonta su Veronica Paterlini (46’23”) mentre al 3° posto ha conlcuso Martina Celi in 48’14”.

Il dopo Corrida porta tutti all’interno del PalaMolza dove la priorità è riscaldarsi. Ad allietare l’attesa delle premiazioni ci ha pensato la Red House Blues Band, che suonando per Telethon, ha ricevuto i complimenti dal pubblico presente. Il momento delle premiazioni ha visto sul palco il presidente della Fratellanza Serafino Ansaloni, il vicepresidente Maurizio Borsari, l’assessore Stefano Vaccari in rappresentanza della Provincia e del Comune di Modena, Gianandrea Raisi e Claudio Saccomanni dirigenti del Banco San Geminiano e San Prospero, Alessandra Grosoli dell’Aceto Balsamico del Duca, Ermanno Zanotti di Telethon, Gino Montecchi presidente della Consulta di Modena, Giancarlo Iattici presidente della società del Sandrone, Romano Maletti presidente della corale Rossini e Simona Arletti Assessore del Comune.

“Abbiamo portato a termine – le parole di Serafino Ansaloni-  una Corrida che è stata un grande successo. La neve non ha fermato i tanti iscritti, sono veramente soddisfatto che in 700 competitivi siano giunti al termine e che quasi 4000 dei 5000 non competitivi hanno deciso di correre sotto la neve. Ringrazio  quindi tutti i modenesi che anche quest’anno si sono dimostrati fedeli alla Corrida ed hanno preso parte a questa manifestazione. Sono sicuro che “con la pioggia, la neve o la tempesta, la Corrida è sempre Festa”; ma per l’anno prossimo mi piacerebbe avere il sole dalla nostra parte.”

Fonte: Sito Comitato organizzatore – Fabio Spezzani

Articolo letto 237 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login