Home » Mondo Skyrunning » Kinabalu Climbathon 2011 nel nome di Kilian Jornet

Kinabalu Climbathon 2011 nel nome di Kilian Jornet

24/10/11

Il campione catalano sorpassa Marco De Gasperi negli ultimi 2000 mt di asfalto!!!!

Una Skyrunning Super Cup davvero intensa quella disputata questa mattina a Kinabalu Park nel Borneo malese. Piatto ricco davvero nella venticinquesima edizione della “Climbathon”, quasi sicuramente al suo ultimo anno con questa formula. Niente piu’ vetta dal 2012, troppi sforzi economici senza contare le perdite di clienti nei tre giorni in cui la montagna rimane off limits a causa dell’ evento. Un vero peccato! Ma dicevamo del cast dei partecipanti. Al via il vincitore delle “Skyrunning World Series” Luis Alberto Hernando, il nepalese Sudup Kulung, argento lo scorso anno proprio qui dietro all’ Italiano Marco De Gasperi, il giapponese Toru Myahara, vincitore del Mount Fuji e anch’egli secondo in un’edizione del Kinabalu, e ovviamente il campione spagnolo Kilian Jornet Burgada. La partenza dal “Thyphoon Gate” avveniva alle 7 locali ( ore 1am italiane), con il nepalese ad incaricarsi di fare il ritmo. Ma solo dopo un kmIl forestale bormino Marco De Gasperi decideva di mettere tutte le carte in tavola. Testa bassa e ritmo alto per guadagnare quanto piu’ margine possibile sugli inseguitori. 1′ 1′ di vantaggio dopo 1500mt di dislivello e cinque km di sviluppo sulla coppia Hernando-Jornet, piu’ staccato il giapponese. Ma dall’ inizio del tratto roccioso che conduce al magnifico “plateau” granitico che rende il Kinabalu una montagna maestosa, il vantaggio di De Gasperi sale inesorabilmente fino a toccare quasi i 4′ sulla vetta del ” Low Peak” a 4095 mt di altitudine! 1h37’49” il giro di boa in cima per l’italiano (1h35’27” lo scorso anno), 1h41’28” per Kilian, 1h41’33” per Hernando. In discesa tutto appare facile per il bormino, ma una banale scivolata senza conseguenze, ne rallentano sicuramente l’incedere verso l’arrivo. Kilian sale in cattedra e ci prova seriamente, buttandosi a capofitto tra le rocce insidiose del tracciato in mezzo alla jungla. Il vantaggio del bormino cala, senza che egli possa comunque saperlo. E la sorpresa piu’ grande avviene proprio sull’ ultima leggera asperita’ di giornata, l’ uscita del ” Tiphoon Gate” che conduce agli ultimi 3,5 km di asfalto! Il catalano piomba su De Gasperi e per quest’ ultimo e’ come ricevere un colpo piu’ forte di quello gia’ avuto fisicamente nella caduta precedente. I due atleti proseguono appaiati fino a circa 2 km dal traguardo, quando nella guerra di nervi fra i due, Kilian prova l’affondo e per De Gasperi si rimaterializza lo stesso incubo del Giir dei Mont di quest’anno, così, come il pittore che ha praticamente terminato un bel quadro, decide di tirargli una riga sopra. Apoteosi e Ok Super Cup e’ giusta per Kilian Jornet Burgada in 2h37’04”, a 44″ secondi il detentore del record del tracciato Marco De Gasperi, e terzo classificato lo spagnolo di Burgos, Alberto Hernando in 2h42’36”. Dai tempi ancora ufficiosi si segnala l’incredibile discesa di Kilian Jornet Burgada in 55’56” e del nepalese Kulung, anch’egli abbondantemente sotto i 56’! A breve seguiranno le classifiche ufficiali.

 

Articolo letto 542 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login