Home » Mondo Skyrunning » Kilian Jornet prende gli sci e se ne va in Himalaya

Kilian Jornet prende gli sci e se ne va in Himalaya

21/02/13

Lo ha annunciato pochi giorni fa attraverso il suo sito questo grande personaggio del mondo della corsa in montagna e lo sci alpinismo: “È arrivata ora di cambiare gli orologi, fermare il tempo e trasportarlo in un’altra dimensione, né più veloce né più lenta, una dimensione, il tempo dei giganti” .
Dopo una notevole prestazione globale sulle piste innevate di Pelveux, in Francia, dove Jornet ha saputo collezionare un paio di medaglie preziose ai mondiali di scialpinismo, oro nella Vertical, e bronzo nell’individuale, l’atleta catalano afferma che: “Dopo i campionati del mondo pieni di gioia e di divertimento è giunto il momento di cambiare borse, raccogliere altro materiale e partire, con due amici, lontano” … Jornet si riferisce ai due “Jordis”, Tosa e Corominas, due alpinisti catalani di fama mondiale con un bagaglio impressionante nell’ambiente himalayano.

Sembra che Kilian senta la necessità di cambiare il suo “terreno di gioco”, e di staccare per qualche settimana dall’intensità della vita competitiva. Dice: “Sarà il momento di allontanarsi da tutto ciò che ci lascia senza tempo (internet, social media, mobile, formazione, carriere …), al fine di concentrarsi sui movimenti, del corpo e su ciò che ci circonda.” La loro destinazione, Kathmandu fino alla fine di marzo. “Parto con solo uno zaino, un paio di sci, una tenda e un sacco di entusiasmo, ed io per primo, voglio imparare da questi due maestri e da queste montagne”, ha detto Jornet.

Siamo sicuri di indovinare che dietro a questa partenza, ci sia “Summits of my life”, il progetto che senza dubbio inquieta l’animo del corridore della Salomon, desideroso di essere presto al cospetto delle grandi montagne. Guardandole bene, sentirsi bene trovando il giusto feeling, e diventare “buon amico” come prima cosa di questi colossi di oltre 8000 metri. Senza andare oltre al 2013, Jornet ha in programma alcune sfide, come ad esempio il tentativo di migliorare il record di Bruno Brunod del Cervino (3h14 ‘) o l’assalto al Monte Elbrus (la montagna più alta d’Europa, con 5648mt). Tutto questo in un “crescendo”, al fine di provare nel 2015, la salita e discesa in velocità del tetto del mondo, il Monte Everest.

Parlando della vetta più alta del mondo, Kilian ha risposto con una saggia riflessione su una questione posta dal Jot Down Magazine su come ritiene di raggiungere l’apice della sua carriera. Questo è quello che ha detto:
“Una cima non viene raggiunta fino a che non scendi e ritorni al campo base. E la parte più alta può essere una metafora per la carriera. Ci sono molti atleti che raggiungono la cima e poi falliscono la discesa. Ci sono molte cose, per esempio ora mi sto divertendo con la slackline e mi motiva allenarmi e salire fino a 40-50 metri di altezza. Salire di grado nell’arrampicata è un’ altra motivazione che ho. Ci sono molte cose da fare. Anche a livello personale, familiare, ci sono cose che finiscono per piacerti. Ovviamente nella competizione arriva il momento il momento in cui ti mancano le motivazioni perché magari non sei competitivo ad alto livello, ma a parte questo, la montagna ci regala una vasta gamma di possibilità motivazionale . La verità è che io mi vedo sempre a fare le cose in montagna. Ci sono momenti in cui il tuo corpo ti dice che devi andare piano, allora hai bisogno di più giorni di riposo. Ora mi posso allenare un paio di volte al giorno, ma quando  avrò 50 anni, sono sicuro che non lo potrò fare, oltre che probabilmente necessiterò di 3 giorni per recuperare l’attività fisica. Ma l’obiettivo sarà quello di arrivare a fare altre cose in maniera più tranquilla. ”

Kilian Jornet, corre e scia molto veloce, ma questo non gli impedisce di rimanere un ragazzo tranquillo e riflessivo, e la sua testa continua a pensare nel modo giusto per soddisfare il presente e il futuro della sua vita. Chapeau. Un grande esempio per l’umanità.

Grazie a http://www.corredordemontana.com

 

Articolo letto 686 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login