Home » Notizie » Altre specialità » Italiani protagonisti nel vertical running a Parigi

Italiani protagonisti nel vertical running a Parigi

20/05/14

Ruga e Martinucci d’argento alla  VertiGO’  di Parigi

IMG_20140516_190557

I protagonisti della VertiGo di Parigi

La seconda edizione VertGO’ di Parigi, inserita nel Vertical Word circuit ,  ha visto al via anche alcuni atleti italiani che hanno ottenuto ottimi risultati. Su tutti il Lariano Fabio Ruga 5’01” e la chiavennasca Ivonne Martinucci  6’40” che hanno colto due brillanti medaglie d’argento ,  alle spalle ,rispettivamente del Polacco Lobodzinsky 4’52” e dell’australiana Walsham  5’43” .Un secondo posto per Ivonne Martinucci che ha ancora un alone di mistero, non essendo partito il cronometraggio del suo chip, il suo crono non è mai stato ufficializzato, e pertanto mai inserita “ufficialmente” nella classifica. La partenza in linea degli atleti ” elite stranieri”,  ha permesso comunque, di confermare la sua posizione davanti alle altre due italiane in gara , la valtellinese Valgoi Alessandra 7’03” , alla fine 4^ e della lecchese Bonacina Cristina  7’38” alla fine 5^ classificata. Il vantaggio della Martinucci  rispetto alla Valgoi è stato comunque considerato, a vista,  più elevato rispetto ai 12 secondi di vantaggio della Francese MC Donald 6’51” che ha corso successivamente una prova individuale. La seconda edizione della prova francese si sviluppava sui 52 piani, 954 gradini  della Tour First  situato nel quartiere d’affari della Défense . Quasi 1000 i partecipanti divisi in varie categorie partendo con la formula a staffetta per passare a quella in gruppo riservata agli atleti stranieri e  concludere  con  la formula individuale e staffette miste uomo-donna. Al nastro di partenza altri due italiani  abbastanza noti a questa disciplina:  Sara De Maria 8^ in 7’38” e Dario Fracassi 9° in 5’54”.

Soddisfatto il Lariano Fabio Ruga che sintetizza così la sua prova: ” Sono rimasto un pochino sorpreso dalla partenza in linea, che prediligo alla prova a cronometro,  e mi sono trovato leggermente attardato sulle prime rampe, forse è stato anche un bene in quanto altri atleti che mi precedevano poi hanno pagato dazio e li ho agevolmente superati. Forse se avessi potuto essere in scia del Polacco avrei potuto giocarmela meglio ma va benissimo anche un secondo posto. Ora vedrò di fare bene ai campionati italiani di staffetta  a Leffe”

IMG_20140516_175052

I coniugi Fracassi e Bonacina prima del via

Meno soddisfatta la Calolziese Bonacina che commenta la sua prova :

” E’stata una gara impegnativa, non sapevo della partenza  in gruppo e tanto meno insieme agli uomini; speravo in una prova individuale senza lo stress della partenza in massa, che ha parecchie incognite e dove mi sono fatta condizionare troppo. Sono stata poco lucida e mi sono fatta trascinare per non rimanere imbottigliata . Ho fatto una partenza  troppo veloce e ho capito  quasi subito di aver sbagliato. A parte l’australiana che mi ha raggiunta subito , al 20° piano mi sono vista raggiungere dalle mie dirette avversarie che mi hanno superata a velocità doppia e non sono riuscita più a reagire ”

Nella prova maschile chiude il podio in 5’09” il Belga Omar Bekkali, vincitore della prima edizione del 2013.

D.F.

 

Articolo letto 89 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login