Home » Mondo Corsainmontagna » Fis Marathon Cup: il racconto della Confortola

Fis Marathon Cup: il racconto della Confortola

10/01/12

Antonella Confortola

Prendi un nome difficile, Jizerska Padesatka, aggiungici vento, tecnica classica, chilometri e pure tanta di quella neve che sulle Alpi italiane davvero quest’anno fatica ad arrivare…Del debutto di Antonella Confortola nella Fis Marathon Cup, nel circuito delle Lunghe Distanze dello sci di fondo, già si era detto. Non vi avevamo però avvisati che il racconto della trasferta ce lo avrebbe fornito la stessa Antonella, all’esordio o quasi con…la penna in mano.

Una penna da cui traspare quella stessa genuinità, quegli stessi modi gentili che un po’ da tutti l’hanno fatta in questi anni apprezzare anche nel mondo della corsa in montagna.

Buona lettura, allora!

Mamma mia che dura…

Prima gara delle Fis Marathon Cup, 50km in classico, con neve, nebbia e vento! Un’avventura: già  il procedere a spinte – per i non fondisti, l’avanzare sfruttando solo la spinta delle braccia -, vista la mia struttura fisica da corsa in montagna, non è mai stato il mio forte…Immaginate col vento contro e con nessuno davanti a farmi la scia…

Come al solito nel tratto di saliscendi iniziale mi son difesa bene, poi nei lunghi tratti di spinta controvento ho davvero rimpianto la corsa!  (e subito alcuni sorpassi!) Comunque ho chiuso quinta, non troppo staccata dalla terza .

E in gare come questa, quando passi il traguardo, qualunque sia il risultato, vivi una grande soddisfazione.

Ce l’hai fatta, hai combattuto per 50km contro neve, bufera,  stanchezza,  crisi e avversari! E finalmente sei lì.

Come sempre nel classico tutta la squadra ha un po’ sofferto e gli scandinavi l’hanno fatta da padroni.

…ci rifaremo alla Dolomitenlauf in pattinaggio!

Noi delle Lunghe Distanze siamo un bel gruppo:  sette ragazzi e tre ragazze,  e lo spirito è diverso da quello della Coppa del Mondo tradizionale perché il tipo di gare, le difficoltà logistiche, l’organizzazione dei rifornimenti, dell’alloggio, della cucina,dei materiali  crea molta più fraternità, una sensazione di “famiglia” che combatte la stessa battaglia.

Siamo partiti venerdì  mattina per Bedrichov, una giornata sui pulmini, con gli skimen che hanno dovuto sobbarcarsi dodici ore di guida, per gran parte sotto la neve.

Arrivati da Kucera – così si chiama il proprietario della casa  presa in affitto che gli altri ragazzi conoscono ormai da anni –  verso le 20, abbiamo  cucinato  – e un ringraziamento va allora ai nostri sponsor che ci hanno rifornito  di ottimi prodotti- e mangiato su un lungo tavolo, con una stufa di ghisa da un lato ed il labrador dei padroni di casa che scodinzolava felice .

Sabato prova della parte iniziale del percorso  e dei materiali,  e ricerca delle scioline per gli skimen. Il tutto, sempre sotto la neve…

Domenica sveglia per tutti alle sei, gli skimen subito via  a cercare una sciolina, noi a preparare i rifornimenti, alle nove tutti in partenza,  noi gara , skimen ai rifornimenti, sempre con l’immancabile nevicata, accompagnata da vento… Il tempo di finir la gara, poco più e di nuovo via, a ricaricare i pulmini pronti  per il viaggio di ritorno: neve anche qui! Alcuni di noi un po’ delusi, tutti in ogni caso stanchi, ma sempre pronti a scherzare e riderci sopra…

Alla prossima,

Antonella Confortola

Fis Marathon Cup Jizerska Padesatka (Cze) – I risultati

Ordine d’arrivo 50 km TC maschile
1. Stanislav Rezac (Cze)  02:21:49
2. Jimmy Johnsson (Sve) 02:21:57
3. Joergen Auckland (Nor) 02:21:58
4. Jerry Ahrlin (Sve) 02:22:07
5. Anders Auckland (Nor) 02:22:09
6. Toni Livers (Svi) 02:22:20
7. Tore Svein Sinnes (Nor) 02:22:36
8. Audun Laugaland (Nor) 02:23:00
9. Boerre Naess (Nor) 02:23:30
10. Mathias Fredriksson (Sve) 02:23:30

13. Florian Kostner (Ita) 02:24:07
19. Marco Cattaneo (Ita) 02:25:10
22. Simone Paredi (Ita) 02:26:21
26. Sergio Bonaldi (Ita) 02:27:51
27. Fabio Santus (Ita) 02:28:06

Ordine d’arrivo 50 km TC femminile
1. Sara Svendsen (Sve) 02:42:19
2. Tatjana Mannima (Est) 02:46:38
3. Jenny Hansson (Sve) 02:48:52
4. Stephanie Santer (Ita) 02:49:23
5. Antonella Confortola Wyatt (Ita) 02:49:34
6. Laila Kveli (Nor) 02:49:48
7. Susanne Nystroem (Sve) 02:51:04
8. Klara Moravcova (Cze) 02:51:47
9. Tatjana Jambaeva (Rus) 02:57:21

 

 

 

Articolo letto 443 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login