Home » Notizie » Altre specialità » Correggio, il cross e una sfida dal sapore antico

Correggio, il cross e una sfida dal sapore antico

02/03/12

La carica dei 2000 e più sui prati di Correggio. Tra gli iscritti alle finali nazionali dei Cds di cross e i giovani partecipanti al Campionato Italiano individuale e per Regioni dei cadetti, numeri decisamente importanti quelli che il comune reggiano si appresta a mettere in campo. Domenica, allora, il giorno delle grandi sfide del cross, quelle che riguardano i principali sodalizi, militari e non, dell’atletica italiana. Sfide i cui risvolti si perdono e si ritrovano nella storia della corsa sui prati: una storia cui fango, pioggia, fatica hanno spesso saputo dare quel vieppiù di fascino che il cross da sempre si porta con sé.

Di fango, domenica, non troppo dovrebbero trovarne gli atleti: così almeno dicono previsioni meteorologiche che pur ipotizzando cielo coperto tengono per ora a riposo Giove Pluvio. Si correrà nel Parco della Memoria cittadino, orgoglio dell’amministrazione comunale, per i suoi 11 ettari di verde scenografico, progettato dall’architetto Riccardo Merlo secondo il tema conduttore dell’evoluzione vegetale del paesaggio padano a partire dal tardo Miocene.

Definito lo scenario, proviamo allora ad addentrarci maggiormente nelle vicende agonistiche. Lo facciamo prendendo in esame le quattro prove assolute.

Lungo donne: Esercito nel ruolo di squadra da battere, forte di Nadia Ejjafini, Veronica Inglese, Fatna Maraoui ed Elena Romagnolo. Con la Forestale a dirottare le sue pedine migliori sul cross corto, affidandosi qui a Silvia La Barbera, Giorgia Vasari e alle “donne di montagna” Renate Rungger e Maria Grazia Roberti, tocca allora al Runner Team 99 Volpiano provare a tenere aperta la sfida. Sulla condizione atletica di Valeria Straneo, reduce dalla splendida prova della RomaOstia, dubbi non paiono potercene essere. Con lei, molta “montagna” ancora: a Valentina Belotti, argento individuale un mesetto fa a Borgo Valsugana, e Alice Gaggi, decima in quella stessa prova, si affidano le speranze del sodalizio torinese, che al via schiera anche la maratoneta Marcella Mancini e la promessa Gloria Grossi. Per il podio societario, attenzione anche al Running Club Futura guidato da Meryem Lamachi.

Corto donne: per replicare il successo del 2011, la Forestale punta su di una Silvia Weissteiner già proiettata verso i Mondiali indoor di Instanbul, sulla giovane siepista Giulia Martinelli, su Agnes Tschurtschenthaler, Giovanna Epis e Ilaria Di Santo. Esercito a rispondere con Angela Rinicella, Federica Dal Ri, Giulia Francario e Valentina Costanza, mentre le Fiamme Gialle alla maratoneta Rosaria Console affiancano Giulia Viola, Margherita Magnani e la rientrante Federica Bevilacqua. Attenzione anche alla Fanfulla Lodigiana e, in chiave individuale, pure alle keniane Emily Chepkorir e Vicky Chebet e alle italiane Valeria Roffino e  Irene Antola.

Lungo uomini: Fiamme Gialle nuovamente alla caccia della doppietta. Nella prova più lunga ecco Gabriele De Nard, Daniele Caimmi, Patrick Nasti e Giovanni Gualdi a sfidare l’Esercito di Daniele Meucci, Riccardo Sterni, Giammarco Buttazzo e Bernard Dematteis. Con l’Aeronautica guidata da Domenico Ricatti proveranno a giocarsi il podio anche altri sodalizi, con parecchi africani al via. Tra le società legate alla corsa in montagna, le migliori carte pare averle in serbo l’Orecchiella Garfagnana, forte di Jean Baptiste Simukeka e di Gabriele Abate, ma anche di Alberto Mosca e Paolo Gallo, cui si aggiunge la promessa Matteo Pieri. A dire la propria ci proveranno anche le Valli Bergamasche di Max Zanaboni, Xavier Chevrier, Andrea Regazzoni, Cristian Terzi e Pietro Regazzoni.

Corto uomini: sfida qui più aperta, sebbene le Fiamme Gialle di Lalli, El Mazoury, Perrone, Floriani e Benedetti paiano avere un lieve margine sulle altre. Tra queste, i Carabinieri si affidano soprattutto al neo tricolore di mezza maratona Stefano La Rosa, l’Aeronautica al giovane Michele Fontana, l’Esercito a Crespi e Salami, la Pro Patria a Nava e Scapini, le Fiamme Oro a Gariboldi.

Si parte alle 9.45 con la prova delle allieve, si chiude alle 14.15 con il lungo uomini. In mezzo la meglio gioventù del cross e le battaglie, piccole o grandi che siano, tra le migliori società italiane. Un appuntamento da non perdere, anche sugli schermi televisivi. Diretta su su RaiSport 2 dalle 13 alle 15 e replica, sempre domenica 4 marzo sulla stesso canale, dalle 18:25 alle 20:20.

Paolo Germanetto

Articolo letto 342 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login