Home » Notizie » Corsa in Montagna » Collina internazionale: 50 anni di Tre Rifugi

Collina internazionale: 50 anni di Tre Rifugi

21/08/12

21 agosto 2012 – Cast di assoluto livello nella grande classica a staffetta della corsa in montagna friulana, la mitica  Tre Rifugi di Collina (Forni Avoltri – Ud), che domenica scorsa ha celebrato i suoi cinquant’anni con più di qualche bel nome internazionale, oltre a qualche altro talento preso in prestito dagli sport invernali. Vittoria slovena al femminile, britannica – la prima di sempre – al maschile. Spazio allora al racconto…

Una splendida e calda giornata di sole ha fatto da cornice alla staffetta alpina Tre Rifugi, a Collina di Forni Avoltri (Udine), giunta quest’anno alla sua 50a edizione. Competizione che negli anni ha visto gareggiare campioni della corsa in montagna, e non solo. Si sono infatti confrontati nelle scorse edizioni su questo percorso atleti del calibro di Marco De Gasperi, Jonathan Wyatt, Gino Caneva, Giorgio Di Centa, Manuela Di Centa e Gabriella Paruzzi, solo per citarne alcuni. Record maschile del percorso è ancora appannaggio del trio Wyatt-De Gasperi-Caneva in 1h 10’45”, mentre quelli
della salita e del traverso appartengono rispettivamente a Wyatt (29’11”) e De Gasperi (24’25”). Nomi di prestigio anche in questa edizione, con i nazionali femminili di corsa in montagna Mary Wilkinson, Pavla Schorna, Gregorova Kamila, Mateja Kosovelj e Lucija Krcoc, e maschili Mitja Kosovelj e Steve Vernon. Presenti anche i nazionali di biathlon Lukas Hofer e di fondo Virginia De Martin.

Il profilo altimetrico delle tre frazioni

Ben 109 squadre maschili e 12 femminili si sono confrontate sullo splendido percorso ad anello che si inerpica lungo le pendici del monte Cogliàns, su un tracciato estremamente tecnico. Tre le frazioni: la prima di sola salita con partenza dall’abitato di Collina ed un primo tratto su asfalto fino al rifugio Tolazzi, poi su sentiero fino al rifugio Lambertenghi; la seconda in traversata dal rif. Lambertenghi al rif. Marinelli lungo il sentiero Spinotti con tratti attrezzati; la terza di discesa tecnica dal rifugio Marinelli al rifugio Tolazzi ed ultimo tratto su asfalto fino al traguardo.

Nella gara femminile si distingue la slovena Kosovelj Mateja (detentrice del record della salita in 35’34”) che domina la salita da Collina al rifugio Lambertenghi con l’ottimo tempo di 36’24” imponendo un distacco di 1’33” alla britannica Wilkinson Mary (37’57”), terza la compagine Ceca con Schorna Pavla (39’35”), mentre la prima formazione friulana arriva al cambio in 4a posizione con Carla Spangaro del Timaucleulis (41’54”). La seconda frazione vede Virginia De Martin
Topranin (30’32” Timaucleulis), protagonista di un formidabile recupero che la porta seconda al cambio in prossimità del rifugio Marinelli, alle spalle della squadra slovena che con Krcoc Lucija (32’23” – detentrice del record sulla traversata in 30’03”) riesce a contenere i danni e mantenere la guida della gara. Terze le britanniche con Ridgway Sarah (36’48”) e quarta la formazione Ceca con Gregorova Kamila (34’47”). Nella frazione di discesa la formazione slovena controlla il comando della corsa fino alla vittoria finale con Mrak Valerija (23’11”); alle sue spalle Fines Hellen
con il tempo di 19’10” segna il nuovo record del tracciato riuscendo ad agguantare la seconda posizione proprio nel tratto finale ai danni di Laura Ursella del Timaucleulis (21’48”); quarta giunge Churanova Radka (Repubblica Ceca) in 21’37” e quinta Paola Romanin (20’55” – US Aldo Moro Paluzza). Podio femminile finale così composto: Sd Nanos (Kosovelj-Krkoc-Mrak) in 1h31’58”, Great Britain (Wilkinson-Ridgway-Fines) in 1h33’55” e Timaucleulis (Spangaro-De Martin-Ursella) in 1h34’14”.

La slovena Mateja Kosovelj, grande protagonista al femminile

La gara maschile vede invece maggior bagarre nella lotta per la vittoria, con una prima frazione nella quale il britannico Steve Vernon (31’13”) precede al traguardo di frazione Pivk Tadei di 20” (US Aldo Moro Paluzza – 31’33”); terzo Lukas Hofer (Timaucleulis – 32’14”) atleta di biathlon di rango che si cimenta durante la stagione estiva in questa disciplina con eccellenti risultati; quarto lo sloveno Kuhar Nejc (TK Kobarid – 32’46”). Nella seconda frazione il paluzzano Piller Hoffer Matteo (27’00”) riesce a raggiungere e superare Wild Finlay (Gran Bretagna 27’21”), ma entrambi devono cedere al recupero di Mitja Kosoveli del TK Kobarid che fa registrare il miglior tempo di frazione (25’04”) e porta al cambio la formazione slovena temporaneamente al comando.
Nell’ultima frazione Bell Carl (Gran Bretagna 15’36”) guadagna la vittoria finale, alle sue spalle in seconda posizione Morassi Alessandro (US Aldo Moro Paluzza 16’25”), terzo il TK Kobarid con il frazionista Oblak Matija (19’27”), quarta posizione per la formazione A della polisportiva Timaucleulis con Primus Marco (16’41”). Vittoria di squadra quindi per la Gran Bretagna (Vernon-Wild-Bell) in 1h14’10”, secondo posto per l’US Aldo Moro Paluzza (Pivk-Piller Hoffer-Morassi) in 1h 14’58” e terza piazza per il TK Kobarid (Kuhar-Kosovelj-Oblak) in 1h17’17”.

Laura Ursella

Tutte le classifiche al sito: http://digilander.libero.it/cronobl/trerifugi/2012/index.html e http://
www.3rifugi.com

Articolo letto 615 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login