Home » Notizie » Altre specialità » Boclassic: le volate della Kibet e di Merga

Boclassic: le volate della Kibet e di Merga

31/12/12

31 dicembre 2012 – E’ clima piuttosto mite quello che accoglie i protagonisti della trentottesima edizione della classica di San Silvestro a Bolzano. Boclassic, dunque, con il solito pubblico entusiasta a sostenere gli atleti nei loro numerosi passaggi sotto lo striscione d’arrivo di Piazza Walther, salotto buono del capoluogo altoatesino.

E’ volata a tre, tutta africana, a decidere la prova femminile. Sui cinque chilometri di gara, ritmo tattico nelle prime fasi, poi è l’attesa keniana Sylvia Kibet ad allungare. Con lei se ne vanno anche le etiopi Afera Godfay e Worknesh Degefa, che nella sua scia chiuderanno anche al traguardo. Quarta e migliore delle azzurre è la forestale Silvia Weissteiner che precede la sorprendente mezzofondista veloce delle Fiamme Gialle Margherita Magnani. Sesta la marocchina Btissam Lakhouad, seguita da terzetto di ulteriore azzurre: settima allora Angela Rinicella (Esercito), poi Giulia Viola (Fiamme Gialle) e Valeria Roffino (Fiamme Azzurre).

Sylvia Kibet (Ken), vincitrice al femminile

Classici dieci chilometri, invece, per gli uomini. Dopo tre chilometri di gara la Boclassic perde il suo protagonista più atteso, il bronzo olimpico dei 5000 metri Thomas Longosiwa (Ken), debilitato dall’influenza. Davanti rimangono allora in dieci, ivi compresi gli azzurri La Rosa, Floriani, El Mazoury e Ploner, mentre dietro è un pimpante Alex Baldaccini a guidare ulteriore gruppetto di inseguitori. La svolta della gara a tre chilometri dall’arrivo, con l’allungo degli etiopi Muktar Edris e Imane Merga, iridato juniores in pista il primo, nel cross tra i seniores il secondo: sul traguardo di Piazza Walther a festeggiare sarà il secondo, più esperto nel gestire l’avvincente e lunga volata finale.

L'etiope Imane Merga, trionfatore al maschile (foto archivio IAAF)

Per il terzo posto il solito allungo finale del qui cinque volte vincitore Sergey Lebid (Ukr), che ha la meglio sul keniano Kipruto, sullo statunitense Scott Bauhs e sul brillante azzurro Stefano La Rosa. Più staccati gli altri, con Ahmet El Mazoury (Fiamme Gialle) settimo davanti al compagno di squadra Yuri Floriani e al tricolore juniores di cross Rachik Yassine. Al termine di ulteriore ristretta volata, decimo è Simone Gariboldi (Fiamme Oro), undicesimo Manuel Cominotto (Esercito), dodicesimo Matvichuk (Ukr) e tredicesimo Alex Baldaccini (Gs Orobie). Alle spalle del bergamasco, ecco poi l’altoatesino Markus Ploner, il portoghese Ferreira, Gabriele De Nard (Fiamme Gialle), Giovanni Gualdi (Fiamme Gialle) e Peter Lanziner (Quercia Rovereto).

Paolo Germanetto

Articolo letto 145 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login