Home » Notizie » Corsa in Montagna » Bernard Dematteis, cronaca di una vittoria europea tanto sognata. Terzo il gemello Martin. GRANDITALIA D’ORO

Bernard Dematteis, cronaca di una vittoria europea tanto sognata. Terzo il gemello Martin. GRANDITALIA D’ORO

12/07/14

 

La partenza della gara più attesa, quella che assegnava il titolo di campione continentale fra i Seniores maschili, partiva alle 11.30. Subito nella bagarre iniziale si buttavano gli azzurri, dove Ahmed Arslan e i sui “gregari” della Turchia, decidevano di partire a tutta per saggiare la resistenza degli avversari in salita.

Arslan davanti a tutti nelle fasi iniziali di gara

Arslan davanti a tutti nelle fasi iniziali di gara

Ahmed Arslan, una messe di titoli d’Europa individuali dal 2007 al 2012, cercava di ritornare di nuovo re incontrastato, ma a Gap, quest’oggi, non ha trovato lo smalto delle stagioni scorse. Nella seconda parte della prima ascesa, saliva in cattedra l’uomo più atteso.

Bernard, già solo durante la discesa del primo giro

Bernard, già solo durante la discesa del primo giro

Il nostro uomo più atteso. Bernard Dematteis, scavava subito una buco fra se e il gruppo, transitando nella prima discesa (non difficile, per la verità), con 30” di vantaggio su Julièn Rancon, anima e cuore di questi Europei in terra francese, e sul gemello Martin. Un quadro stupendo per noi, così come per i numerosi cuneesi della Valvaraita, la terra di questi due campioni, giunti in massa a tifare gli azzurri. Ad inseguire il podio a poca distanza, l’altro azzurro Baldaccini il rumeno Ionut Zinca, il britannico Robbie Simpson,. Leggermente staccati, ma in rimonta su questo trio, Ahmet Arlsan Mitja Kosovelj (Slo) e Luca Cagnati.

_DSC3830

Primo giro con Martin che “tira” il gruppo degli inseguitori

Passaggio al secondo giro per Bernard

Passaggio al secondo giro per Bernard

Si riprendeva a salire e Bernard Dematteis non molla il piede sull’acceleratore, visto che il distacco era consistente ma non ancora rassicurante. Infatti al secondo rilevamento, dopo due terzi di gara, Berny faceva segnare 37’ 21”. Secondo transitava in rimonta Robbie Simpson in 37’44”, e terzo Martin Dematteis in 37’50”.  Arslan era quinto in 38’10”, Luca Cagnati ottavo, mentre perdeva un po’ di terreno Alex Baldaccini, undicesimo.

_DSC3866

Berny sulla salita dell’ultimo giro

Ultima tornata, con tutti a sospingere idealmente i sogni di questo ventottenne  piemontese, con forza e determinazione da vendere, per riconfermarsi dopo lo splendido successo dello scorso anno a Borovez (Bul), al netto di qualche problema fisico che ne aveva minato la preparazione durante l’inverno. Robbie Simpson è talentuoso. Scozzese, ventitrè anni, ha deciso di accasarsi per un paio di stagioni in terra austriaca a Leutasch, terra in cui alcuni campioni della corsa in montagna del recente passato, su tutti Jonathan Wyatt, usarono come palestra naturale per preparare grandi obiettivi della corsa in montagna. Martin, il gemello azzurro aveva vissuto settimane di vigilia travagliate, durante l’attesa della nascita del suo primogenito, Matteo, avvenuta solo pochi giorni prima della trasferta francese. Ma il suo grande impegno non è venuto meno neanche durante la lunga permanenza in un luogo, non certo ottimale per preparare la corsa in montagna, come Torino.

_DSC3994

Finisce così, con la favola di Bernard d’oro a Gap in 56’10”. Robbie Simpson gli arriva a 9”, felicissimo del suo grande argento. E di bronzo è Martin, dopo l’argento di Separeva Banya (Bul) 2010, per una podio di fratelli – gemelli in questo caso – che non ha precedenti nella storia della corsa in montagna. Martin chiude a 22” da Bernard, mentre quarto finisce Ionut Zinca, anch’egli in recupero, in 56’45”. Quinto posto per lo sloveno Mitja Kosolvelj. L’eroe della Francia, Julièn Rancon, è sesto, mentre l’altro azzurro Luca Cagnati è settimo, e con i suoi punti determinanti, chiude il conto per il risultato tanto atteso, anche se dal sapore così abituale per gli azzurri: l’oro continentale a squadre. Arslan chiude mestamente all’ottavo posto, davanti al russo Yuriy Chechun e ad Andrew Duglas (GBR).  Solo ventesimo Alex Baldaccini, lontano dalla forma che lo vide sul secondo gradino del podio continentale, la scorsa stagione.

Dietro a GRANDITALIA, nella classifica per nazioni, giungono la Gran Bretagna e la Francia.

_DSC4067

Articolo letto 1.139 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login