Home » Altre notizie » Arriva l’Etna Valetudo Skyrace

Arriva l’Etna Valetudo Skyrace

31/10/11

Il 6 novembre le pendici del vulcano più alto d’Europa ospiteranno l’Etna Valetudo Skyrace – Un interessante convegno farà da corollario alla manifestazione

 

Il 6 novembre, lo scenario unico al mondo del vulcano più alto d’Europa ospiterà l’Etna Valetudo Skyrace, tappa finale del Mountain Running International Cup – Gran Premio delle Nazioni 2011.

Alle pendici di uno dei vulcani più attivi del mondo, sul versante settentrionale dell’Etna, quello più selvaggio, dove le colate laviche e i crateri si alternano a foreste di pini, betulle e faggi.

Uno spettacolo naturale di grande prestigio per il gran finale di un circuito che vede al momento in classifica 1496 runners per 557 team di 31 nazioni. Molto incerta la vittoria sia in campo maschile che femminile.

La gara è organizzata da Skytribe in collaborazione con Mandala Tour.

Per informazioni: www.etnamarathon.it

La sera prima della competizione verrà tenuto un convegno dal titolo:
Skyrunning e Trail Running, correre a contatto con il cielo.

Catania 5 novembre ore 18,15 – presso il Ristorante La Collegiata, Via Collegiata 3/5(all’angolo con Piazza Università), nel centro di Catania.
Perchè correre sulle montagne e superare ostacoli naturali crea uno stato di benessere dell’anima? Perché la sofferenza nelle corse di skyrunning e trail running aiuta ad elevare lo stato psico-fisico? Perché skyrunning e trail running calamitano cosi tanti atleti? Queste faticose corse podistiche, che rompono i freni inibitori dell’istinto, sono accessibili a tutti? Quali sono i primi consigli per chi vuole iniziare a correre nella natura a stretto contatto con le difficoltà del terreno e gli ostacoli imprevisti?
Saranno presenti al dibattito gli atleti della Valetudo skyrunning: Emanuela Brizio campionessa di skyrunning e ultraskymarathon, Cecilia Mora campionessa di ultra trail e skyrunning, Mikhail Mamleev campione di skyrunning e Orienteering, Fenaroli Maurizio campione di skyrace, Giancarlo Costa


Articolo letto 232 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login