Home » Notizie » Corsa in Montagna » Angolo Terme: pillole di un debutto tricolore

Angolo Terme: pillole di un debutto tricolore

11/06/12

Dai sorrisi di Alice Gaggi e Bernard Dematteis si riparte allora. Giorno di pioggia, e di fango non di meno, quello che riserva la prima tricolore: così è talvolta la montagna e ad Angolo Terme, dopo nottata di tempesta, solo in tarda mattinata arriva il sole.

Prime fasi della prova maschile

A vincere, in ogni caso, i più forti di giornata, coloro che pure meglio hanno saputo adattare le proprie cadenze ad un terreno giocoforza divenuto a tratti viscido ed insidioso. Così, insieme alla valtellinese del Runner Team Volpiano e al cuneese dell’Esercito, braccia al cielo anche per l’enfant du pais Michael Monella (Atl. Vallecamonica) e Ilaria Dal Magro (Dolomiti Belluno), protagonisti vincenti in ambito juniores.

Frammenti di giornata rivissuta in pillole, dopo la cronaca in diretta di qualche ora fa. Pillole che ricomprendono più di qualche ruzzolone, peraltro privo di particolari conseguenze data la “morbidezza” del terreno su cui poggiare membra eventualmente libratesi in volo.

Scivolata Confortola, sorpasso Gaggi

Pillole che documentano le paure di qualcuno e le grandi doti tecniche di altri, in giornata in cui, vincitori a parte, sono forse quelli di Maria Grazia Roberti (Forestale) e Xavier Chevrier (Valli Bergamasche) i sorrisi che più odorano di entusiasmo e soddisfazione.

Maria Grazia Roberti

La prima torna a scalare il podio, accarezzando il fango e pennellando da maestra le discese; il secondo porta per la prima volta il suo ritrovato talento a sfidare a viso aperto i mostri sacri della specialità, peraltro con esiti anche più rosei delle speranze della vigilia. Terzi entrambi, con Antonella Confortola e Jean Baptiste Simukeka (Orecchiella Garfagnana) a precederli all’arrivo: tanto la forestale quanto il ruandese dell’Orecchiella a lungo rimangono appaiati ai di lì a poco vincitori, ultimi ad arrendersi al loro incedere. Gaggi incontenibile in discesa, Bernard Dematteis a piazzare accelerazione impressionante nell’ultima ascesa: il campo, quello che mai mente, applausi tributa a chi meritatamente mette tutti in fila e che ora tenta la prima fuga nella corsa verso il tricolore.

Xavier Chevrier

Tra le donne, alle difficoltà di tenuta in discesa di Renate Rungger, fanno da contraltare le prestazioni di Maura Trotti (Csi Morbegno) e Ana Nanu (Gs Gabbi), che ai piedi del podio nell’ordine precedono la promessa Sara Bottarelli (Valtrompia), ritrovatasi a meraviglia sul difficile tracciato camuno e sempre più vicina al vertice assoluto. Al maschile, invece, tocca a Gabriele Abate (Orecchiella) e Marco De Gasperi (Forestale) accomodarsi nelle immediate vicinanze del podio di giornata. Il primo recupera spazio nel finale, il secondo poi gli chiude in scia: per entrambi, in ogni caso, fari ora puntati verso l’appuntamento continentale di inizio luglio. Tra i migliori di giornata anche Alex Baldaccini (Gs Orobie), sesto al traguardo con margine sul quartetto che in volata si spartisce il resto delle più nobili posizioni: Luca Cagnati (Esercito) è settimo e secondo delle promesse, poi è la volta di Regazzoni (Valli Bergamasche), Mosca (Orecchiella) e Zanaboni (Valli Bergamasche).

Pillole di giornata che se allora pescano tra quanto in parentesi, con certa facilità pure riportano gli esiti della prima sfida tra i toscani e i bergamaschi, tra quell’Orecchiella e quelle Valli che di un punto soltanto alla fine saranno divise nella classifica di società dei seniores maschili. In Garfagnana il primo atto di un confronto che, inevitabilmente, animerà l’estate della corsa in montagna. Con loro sul podio anche il Gs Orobie, mentre al femminile è dominio della Forestale su Runner Team Volpiano e Atl. Valtrompia.

Pillole di un debutto tricolore che ci riportano in chiusura alle prove dei più giovani. E se Belluno primeggia in campo societario, grazie alle sue…Dolomiti  tra le donne e al Gs Quantin tra gli uomini, sul podio individuale sono Cesare Maestri (Valchiese) e Dylan Titon (Assindustria Pd) ad affiancare Monella, non diversamente da quanto facciano Samantha Bottega – lei pure Dolomiti Belluno – e Sara Lhansour (Valgerola) accodandosi alla Dal Magro.

Michael Monella

Ultime pillole di racconto  dedicate allora alla grande cavalcata del giovane asso dell’Atletica Vallecamonica, protagonista incontrastato della seconda  parte di gara: quella in cui a qualche difficoltà in più va incontro il prima fuggitivo Dylan Titon, proprio qui scavalcato dal rientrante e ancora un po’ acciaccato tricolore in carica Cesare Maestri. Il tutto mentre dal sorriso di Ilaria Dal Magro, quello pure, riparte una sfida tricolore che ora attende le “sole salite” dei Colli di San Fermo (29 luglio) e della Bolognano-Velo (19 agosto).

Ilaria Dal Magro

Paolo Germanetto

Foto: Marica Martinelli – galleria completa nell’apposita sezione

Articolo letto 863 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login