Home » Allenamento » Allenamento: il test da sforzo per il corridore in montagna. Kilian ci racconta il suo.

Allenamento: il test da sforzo per il corridore in montagna. Kilian ci racconta il suo.

08/03/12

Giovedì, giornata dedicata all’allenamento. Quest’oggi desideriamo proporvi un articolo relativo al test sulla prova da sforzo del catalano Kilian Jornet. Un protocollo prodotto in laboratorio, non dissimile da quanto viene effettuato da alcuni anni per lo scialpinismo (con la variante costituita dall’utilizzo dei bastoncini), e per lo skyrunning (i quali medici hanno sperimentato persino dei test da sforzo sul tapis roulant in discesa).

Insomma come ci spiega il campione iberico, un mezzo utile per monitorare il proprio stato di forma e di salute, che può essere complementare all’allenamento per ogni corridore in montagna.

Spazio dunque alle parole di Kilian, in quest’intervista concessaci dal nostro portale spagnolo di riferimento http://www.corredordemontana.com/

Ti sottoponi ogni anno al test per la prova da sforzo?

Si ogni anno, all’inizio di ogni stagione agonistica con gli sci e a piedi, mi sottopongo ad un test da stress.

-Nel tuo caso, quali sono gli obiettivi di questo test, salute, sport e prestazioni?

L’obiettivo è quello di controllare che tutti i parametri fisici siano corretti e per leggere il mio stato di forma tramite i dati scientifici che il test produce.

- Dove si svolge questa prova e in quale istituto?

Questo test è coordinato congiuntamente con il FEDME (Federazione di montagna di sport e scalata)  e quest’anno l’abbiamo eseguito  con il Dr. Garrido,  del General Hospital della Catalogna.

- Che tipo di protocollo viene utilizzato ?

Oltre prendere i dati fisici personali, misurarsi, pesarsi e controllare i propri parametri, come un elettrocardiogramma, misurazione della pressione sanguigna a riposo, la spirometria (quantificare la capacità polmonare), ecc .., il test stesso, viene effettuato su un tapis roulant, seguendo un protocollo che aumenta gradualmente la velocità e la pendenza, quindi vengono  analizzati tutti i parametri fisiologici e le prestazioni. Questo protocollo può essere fatto anche con una cyclette.

- Puoi dirci quali dati sono scaturiti dal test?

Ho raggiunto dopo i vari step la  velocità di 12km / h con una pendenza del 20%. Il mio battito ha raggiunto i 205 battiti al minuto. Il mio massimo consumo di ossigeno è stato di 83 ml / min / kg e la capacità polmonare misurata con la spirometria è stata pari a 5,3 litri.

- Come sono questi valori rispetto allo scorso anno?

Questi valori sono molto simili allo scorso anno. Da un certo numero di stagioni ottengo risultati molto simili.

- Raccomanderesti a tutti gli appassionati di trail running di effettuare annualmente uno di questi controlli/test?

Assolutamente sì. Penso che sia utile anche per una buona prevenzione, oltre che aiutare a trovare la propria forma. Quindi  oltre a misurare il grado del vostro allenamento si possono avere delle indicazioni per migliorare ulteriormente.

immagini di Kilian Jornet

Articolo letto 10.898 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login