Home » Notizie » Altre specialità » A Oderzo rientra Andrea Lalli

A Oderzo rientra Andrea Lalli

25/04/14

La 19^ edizione della gara internazionale “Oderzo Città Archeologica”, presentata ufficialmente ieri sera, proporrà la sfida tra il rientrante Lalli ed El Mazoury, primo in Piazza Grande nel 2013. Weissteiner e Romagnolo tra le stelle della prova femminile. Spazio anche al debutto del Grand Prix Strade d’Italia, alla terza tappa del Grand Prix Giovani e al 18° Trofeo Mobilificio Vittoria per atleti diversamente abili. Organizza la Nuova Atletica Tre Comuni

Lalli

 

Oderzo (Treviso), 24 aprile 2014 – Quattro mesi d’assenza, ora il rientro: Andrea Lalli ha scelto Oderzo per il primo impegno agonistico del 2014. Il fuoriclasse molisano, campione europeo di corsa campestre nel 2012, ormai avviato sulla strada della maratona (debutto a Venezia, lo scorso ottobre, in 2h14’26”), sarà tra i protagonisti della 19^ edizione della corsa internazionale “Oderzo Città Archeologica”, in programma giovedì 1° maggio.

La sua ultima gara, in ordine di tempo, risale alla fine del 2013 (terzo, il 31 dicembre, nella We Run Rome). Poi un infortunio al ginocchio l’ha costretto a rivedere i programmi, facendogli perdere l’intera stagione invernale.

Sulle strade trevigiane troverà il giovane Ahmed El Mazoury, talento emergente (argento nei 10.000 metri agli Europei under 23 del 2011), a caccia di conferme dopo il sorprendente successo dell’anno scorso, quando Lalli finì al terzo posto: la gara del 1° maggio ha tutta l’aria di una rivincita ad altissimo livello.

Sui 9,8 km del veloce tracciato opitergino (partenza e arrivo nella centralissima Piazza Grande) faranno passerella anche i maratoneti Domenico Ricatti (quarto a Roma) e Francesco Bona, l’azzurro del cross Riccardo Sterni e il poliziotto trevigiano Paolo Zanatta, oltre ai gemelli Lorenzo e Samuele Dini (argento agli Europei juniores 2013 rispettivamente nei 10.000 e nei 5.000 metri), due tra i migliori prospetti nel panorama del mezzofondo azzurro.

Sul fronte straniero, occhio soprattutto al marocchino Abdoulla Bamoussa, sesto l’anno scorso, e al campione ungherese Tamás Kovács.

Nella gara femminile (5,4 km), annunciate le azzurre Silvia Weissteiner ed Elena Romagnolo: insieme fanno quattro partecipazioni olimpiche e sei vittorie a Oderzo (storico il pokerissimo messo a segno dall’altoatesina tra il 2004 e il 2009). Da seguire anche Giovanna Epis, la maratoneta Ivana Iozzia, la junior Anna Stefani e la stella del mezzofondo ungherese Livia Toth.

Curiosità, inoltre, per due atlete ai primissimi impegni agonistici dopo la maternità: l’azzurra Federica Dal Ri e la cubana Yusneysi Santiusti Caballero, un paio di stagioni fa segnalatasi tra le migliori ottocentiste al mondo.

Organizzata dalla Nuova Atletica Tre Comuni, la 19^ edizione della corsa internazionale “Oderzo Città Archeologica” – presentata ufficialmente ieri sera, con l’azzurro Gabriele De Nard tra gli ospiti d’onore – inizierà al mattino con la prova inaugurale del Grand Prix Strade d’Italia. A seguire, nel pomeriggio, la terza tappa del Grand Prix Giovani e il 18° Trofeo Mobilificio Vittoria, riservato agli atleti diversamente abili. In chiusura, le due gare internazionali. Spettacolo garantito. Con l’assegnazione di un premio aggiuntivo: la Coppa “Silvana Magris” all’atleta grintoso di giornata.

Il programma tecnico della 19^ corsa internazionale “Oderzo Città Archeologica”, con i migliori iscritti alle gare internazionali. Ore 9.30 – Master maschili e femminili, 1^ prova Grand Prix Strade d’Italia (10 km). 14.45 – Gare giovanili, 3^ prova Grand Prix Giovani. 16.15 – Gara diversamente abili – 18° Trofeo Mobilificio Vittoria (9,8 km). 17.30 – Gara internazionale femminile (5,4 km): Silvia Weissteiner, Elena Romagnolo, Giovanna Epis, Federica Dal Ri, Anna Stefani, Ivana Iozzia, Teresa Montrone, Isadora Castellani, Yusneysi Santiusti Caballero (CUB), Livia Toth (UNG), Anissa Badis (UNG). 18.15 – Gara internazionale maschile (9,8 km): Andrea Lalli, Ahmed El Mazoury, Domenico Ricatti, Lorenzo Dini, Samuele Dini, Francesco Bona, Riccardo Sterni, Paolo Zanatta, Mattia Padovani, Simone Gobbo, Daniele D’Onofrio, Markus Ploner, Peter Lanziner, Abdoulla Bamoussa (MAR), Rok Puhar (SLO), Urban Jereb (SLO), Tamás Kovács (UNG), Zsolt Koszar (UNG).

Articolo letto 112 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login