Home » Notizie » Corsa in Montagna » A Malonno trionfano l’Atletica Alta Valtellina di Elisa Desco e la Podistica Valle Varaita dei gemelli, impressionante la rimonta finale di Martin Dematteis!

A Malonno trionfano l’Atletica Alta Valtellina di Elisa Desco e la Podistica Valle Varaita dei gemelli, impressionante la rimonta finale di Martin Dematteis!

06/10/13

Trionfo di pubblico e di sport per i campionati di corsa in montagna a staffetta oggi a Malonno, in Alta Valle Camonica. In un vero visibilio di pubblico è stata, un’altra volta, GRANDE corsa in montagna !

Duello mondiale tra Desco e Gaggi, trionfo juniores per GS Quantin e Atletica Trento, incredibile rimonta finale della Valle Varaita, che mangia oltre 1 minuto di vantaggio ad una Atletica Valli Bergamasche che ha sognato fino a pochi metri dal traguardo.

Alla fine maestosi Gemelli Dematteis che ammettono sportivamente: “se c’era Xavi, vincevano loro”, gli fa eco Max Zanaboni, capitano coraggioso delle Valli: “onore a loro, sono i più forti”.

Centro storico invaso dai tifosi, ed in diretta su TeleBoario® le voci ed i colori di un percorso spettacolare

 

Malonno Staffette-2013: la sfida al femminile è stata tutta tra Elisa Desco ed Alice Gaggi, qui sulla salita di Ledola

Malonno Staffette-2013: la sfida al femminile è stata tutta tra Elisa Desco ed Alice Gaggi, qui sulla salita di Ledola

Palpitanti ed emozionanti come sempre, anche in questa occasione la prova a staffetta dei campionati italiani di corsa in montagna non ha tradito le aspettative ed i tantissimi tifosi accorsi in alta Valcamonica hanno potuto ammirare grandi campioni darsi battaglia su un tracciato rivelatosi assolutamente azzeccato. In palio c’era davvero molto, con l’ultimo tricolore da assegnare e tante conferme o rivincite di fine stagione che hanno fatto in modo di tenere col fiato sospeso gli appassionati fino all’ultimo.

 

GARE FEMMINILI – Desco monumentale, sorpresa Valle Varaita, GS Quantin regine juniores.

Pronostici in gran parte rispettati quelli delle categorie femminili. Nella gara senior l’attesa era soprattutto di poter assistere ad una sorta di “rivincita” mondiale tra le due medagliate azzurre della recente rassegna iridata. In Polonia lo scorso settembre Alice Gaggi si laureò campionessa del mondo, lasciando il Bronzo ad Elisa Desco. Le due si studiavano nella prima parte, dove Desco sembrava però avere qualcosa in più a livello di brillantezza sulla dura salita dopo San Faustino. Il verdetto era rimandato in discesa, notoriamente specialità di ambedue. Desco più fresca ed efficace nei lunghi pianori filanti che portavano da località “Corne” al cambio di Palazzo Celeri-Martinengo, alla fine per lei un vantaggio intorno ai 25” su Alice, la cui gara qui però terminava, visto che il Runner Team Volpiano non schierava la 2^ frazionista. Il rimpasto alle spalle dell’Atletica Alta Valtellina, i cui colori erano ora difesi da Elisa Compagnoni, vedeva risalire in 2^ posizione l’Atletica Dolomiti Belluno grazie all’azione di Ilaria Dal Magro. La gara alle spalle della Compagnoni si trasformava ben presto in un contesto a sé stante, con la lotta per le posizioni sul podio che coinvolgevano anche la FreeZone di Angela Serena e Monica Pontchafer e la sorpresa di giornata: la Podistica Valle Varaita che con Elena Bagnus in 2^ frazione  (dopo una prima convincente di Maria Laura Fornelli) tentava il grande colpo.

Malonno-staffette 2013: Elisa Compagnoni riceve sul traguardo i complimenti di Elisa Desco. Per l'Atl. Alta Valtellina è vittoria tricolore

Malonno-staffette 2013: Elisa Compagnoni riceve sul traguardo i complimenti di Elisa Desco. Per l’Atl. Alta Valtellina è vittoria tricolore

All’ultimo rilevamento radio arrivavano conferme importanti: per Elisa Compagnoni c’era il margine di sicurezza che garantiva un finale di gara tranquillo ed il titolo italiano 2013. Dietro era bagarre, brava nel finale Ilaria Dal Magro a non mollare ed a chiudere per l’argento delle Dolmiti Belluno, il tutto a danno di una Podistica Valle Varaita comunque vera sorpresa di giornata, come dimostrava l’abbraccio di prorompente felicità tra Fornelli e Bagnus sul traguardo.

 

Grande Valle Varaita in quel di Malonno...anche al femminile, dove arriva un bel bronzo finale.

Grande Valle Varaita in quel di Malonno…anche al femminile, dove arriva un bel bronzo finale.

Decisamente più a senso unico la prova juniores: una favorita c’era, il GS Quantin, e la favorita trionfava. Gara condotta senza troppi patemi quella della campionessa italiana in carica Laura Maraga e della compagna Iris Facchin. Alle loro spalle, con distacco di 2’41”si piazzavano il Pont San Martin ed a 3’40” l’AS Premana.

 

GARE MASCHILI – emozioni a gogo fino all’ultimo, poi è Valle Varaita ! Michele Vaia, ennesimo capolavoro…

Solo la cronaca può rimettere parzialmente ordine nella condensata overdose di emozioni, capovolgimenti di fronte, rimonte e cedimenti che hanno caratterizzato le prove maschili. Ci proviamo partendo dagli Junior, che distribuivano la loro fatica su due sole frazioni: pronti via ed era il camuno Giampaolo Crotti a fare il vuoto, nella salita verso Tedda per il già vincitore della Malonno-Narcos c’era quasi un minuto di vantaggio sul portacolori dell’Atletica Trento Hasani Veton e su quello della Valle Brembana Elia Balestra. Nella discesa di Frai per Crotti si trattava di controllare e portare al traguardo un vantaggio che il compagno di squadra Micheal Monella doveva provare a difendere. Nella seconda frazione si scatenava però l’uragano Michele Vaia che da campione italiano in carica decideva di rimettere le cose a posto. Per Monella la resa arrivava già in cima alla salita di Tedda dove oltre a Vaia arrivava anche il riaggancio operato da Nadir Cavagna. Pur forte di buone doti di discesista per Monella non rimaneva altro da fare se non curare un 3° posto divenuto a quel punto vitale per l’Atletica Valle Camonica. Davanti era passerella per Michele Vaia che si presentava solo sul traguardo e dopo il titolo italiano individuale ed il bronzo europeo aggiungeva il tricolore a staffetta, completando una stagione perfetta.

Giampaolo Trotti tenta il tuttoper tutto ma non basterà. La rimonta di Michele Vaia sarà vincente

Giampaolo Crotti tenta il tuttoper tutto ma non basterà. La rimonta di Michele Vaia sarà vincente

Ma quella junior, pur vivace e combattuta, era solo la “gara nella gara” di quello che per qualcuno è già ricordato come il “miracolo di Malonno”, la gara assoluta.

In effetti quando all’ultimo cambio Christian Terzi lanciava Max Zanaboni in pochi non hanno pronosticato l’Atletica Valli Bergamasche col tricolore sul petto. Nella 1^frazione Bernard Dematteis aveva avuto il compito di accumulare quanto più vantaggio possibile per il compagno Manuel Solavaggione, ma il piano dei Gialloneri andava in porto solo parzialmente perché alle spalle di Berny un grande Luca Cagnati, con spettacolosi passaggi soprattutto nella discesa di Frai, riusciva a rintuzzare l’attacco ed a consegnare al cambio per Christian Terzi un ritardo di solo 16” ed una gara sostanzialmente ancora tutta da correre.

la fantastica sfida in 1^ frazione tra Berny Dematteis e Luca Cagnati

la fantastica sfida in 1^ frazione tra Berny Dematteis e Luca Cagnati

La chiave di volta diveniva cosi la famigerata 2^ frazione, quella dove Manuel Solavaggione era chiamato per la Valle Varaita a perdere il meno possibile da Cristian Terzi, il tutto in un evolversi fin li favorevole ad ambedue le squadre in testa, visto che le più accreditate inseguitrici Orecchiella Garfagnana e GS Orobie gravitavano tra la 5^ e la 8^ posizione con Gallo in evidente difficoltà per l’Orecchiella e Milesi comunque ben oltre le migliori aspettative per le Orobie.

Il 2° round era insomma tutto da giocare e prometteva fuochi d’artificio. Il Banco saltava ben presto e sulla prima salita dura di Dùrna Christian Terzi prendeva e passava Solavaggione, involandosi alla ricerca di un consistente vantaggio da lasciare in eredità al 3° frazionista, Max Zanaboni. Ma era alle spalle dei due che si consumavano le rimonte più incredibili con un Alberto Mosca indiavolato che di peso riportava l’Orecchiella Garfagnana in zona podio, compiendo una rimonta magistrale e riprendendo nell’ordine, Legnami Pellegrinelli, GS Orobie, La Recastello ed un magnifico GS Genzianella, sospinto fino al 3° posto provvisorio da un sontuoso Rolando Piana. All’imboccare dell’ultimo tratto d’asfalto per Christian Terzi e tutta l’atletica Valli Bergamasche Leffe cominciavano già ad incrociarsi idealmente le dita nell’attesa macerante di sapere se il vantaggio accumulato fosse stato sufficiente per respingere la furia di uno scalpitante Martin Dematteis.

Manuel Solavaggione nella parte centrale della 2^ frazione

Manuel Solavaggione nella parte centrale della 2^ frazione

Quando la 3^ frazione prendeva il via per tutto il pubblico cominciava davvero un finale di gara che nemmeno nelle più ottimistiche previsioni gli addetti ai lavori e gli organizzatori dell’US Malonno avrebbero immaginato: grande pathos e grande attesa, con un orecchio allo speaker ed un occhio ai monitor di Teleboario che trasmetteva in diretta.

1’19”, un minuto e diciannove secondi, che un grande ed esperto atleta  di corsa in montagna come Max Zanaboni ha cercato in ogni modo di difendere, dando tutto senza calcoli o timori. Al GPM di Tedda il crono sentenziava già 43”, tutto sommato un risultato  confortante per gli orobici, ma nella discesa di Frai la radio e le immagini in diretta TV mostravano Martin Dematteis transitare al rilevamento con solo 25” di ritardo, per il pubblico che gremiva Piazza Roma era ormai l’ufficialità che la rimonta si sarebbe completata.

Max Zanaboni, strenuamente impegnato a difendere il sogno delle Valli Bergamasche Leffe

Max Zanaboni, strenuamente impegnato a difendere il sogno delle Valli Bergamasche Leffe

Facendo ricorso a tutto il proprio coraggio Max Zanaboni riusciva a rimanere in testa fino all’imbocco del tratto finale, ma in prossimità della “Santella del Radel”, ai 500 metri, l’aggancio era realtà. Nel finale drammatico la Valle Varaita aveva la meglio, e dallo scalone interno di palazzo Martinengo sbucava per primo Martin Dematteis che andava anche a registrare il 2° best-crono di giornata dietro e Bernard. Titolo alla Valle Varaita, ma onori ad una grande Valli Bergamasche Leffe che chiudeva con solo pochi secondi di ritardo. Podio completato dall’Orecchiella Garfagnana, che alla rimonta di Alberto Mosca aggiungeva una 3^ frazione convincente di Gabriele Abate, necessaria come non mai per tenere a distanza di sicurezza il GS Orobie che con un bel finale di Alex Baldaccini strappava il 4° posto.

è trionfo per la Podistica Valle Varaita

è trionfo per la Podistica Valle Varaita

 

Bilancio altamente positivo per l’US Malonno, che chiudeva oggi con le staffette i festeggiamenti per il suo 50° anniversario di fondazione. Tanti eventi da Maggio ad Ottobre, a celebrare la storia ed il prestigio sportivo di quello che anche una specifica delibera del consiglio comunale ha ratificato come IL PAESE DELLA CORSA IN MONTAGNA. Dalla rivisitazione della storica Malonno-Narcos, allo spettacolo internazionale del FlettaTrail® fino ad una stupenda edizione dei campionati italiani a staffetta, combattuta ed incerta, in cui a farla da padrone sono stati spettacolo e grandi campioni ma anche tanta passione trasudata dai master e dagli amatori che hanno onorato come meglio non potevano una giornata di sport esaltante.

 

ON LINE SUI SITI : www.memorialbianchi.it  – www.corsainmontagna.it  ricchissime gallerie fotografiche e classifiche complete.

Da non perdere poi i notiziari su TeleBoario e su PiùValliTv, che dalla piazza di Malonno e dal percorso hanno anche curato diretta e realizzato contributi filmati

 

ALEX SCOLARI – Addetto Stampa 50° Memorial Bianchi Malonno

alessandro.scolari@hotmail.it  – cel: 3467964362

 

Lore Bianchi portava in alto i colori della squadra di Casa: US MALONNO

Lore Bianchi portava in alto i colori della squadra di Casa: US MALONNO

 

Articolo letto 1.353 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login