Home » Notizie » Corsa in Montagna » 10mila Cassano d’Adda: la montagna in trasferta

10mila Cassano d’Adda: la montagna in trasferta

14/04/14

Baldaccini e Galassi conquistano anche la città

alex

L’idea era di quelle impegnative, avvicinare la corsa in montagna alla città, questa era la sfida che il G.s. Orobie si era posto.

E’ nata così la prima edizione della 10.000 di Cassano d’Adda, grazie soprattutto all’impegno del vicepresidente Fabio Chindamo, residente proprio in questa cittadina, che ha ideato un percorso veramente spettacolare che unisce i classici passaggi nel centro storico con quelli in mezzo alla natura del parco dell’Adda, tratti sterrati, ripide scalinate e repentini cambi di ritmo fra le viuzze del paese; insomma, non la solita 10.000 pianeggiante ma qualcosa che vuole essere divertente, emozionante e alternativo.

Alla manifestazione si sono presentati circa 200 podisti, fra i quali molti atleti di livello assoluto ed in particolare alcuni assi della corsa in montagna azzurra, Baldaccini Alex, Abate Gabriele e Galassi Samantha e il futuro maratoneta Palamini Michele.

La gara che si sviluppa in 3 giri ha preso il via alle ore 9.30 e subito in testa si sono portati i protagonisti annunciati, con Palamini e Baldaccini che si sono continuamente alternati al comando lungo tutti i 10km del tracciato; a rivelarsi decisiva è stata l’ultima ripida gradinata, dove l’atleta del G.S. Orobie Baldaccini ha sfruttato le sue doti da scalatore riuscendo a scavare un piccolo gap nei confronti del forte portacolori del GAV Vertova Palamini ed a chiudere vittorioso nell’arrivo sulla piazza centrale. Completavano il podio il già citato Palamini, seguito a circa mezzo minuto dal marocchino Batel ( San Rocchino), Gallo (G.S. Orobie)  e Tosi ( San Rocchino).

Nella competizione femminile ha subito preso il comando l’atleta de la Recastello Radici Group Samantha Galassi con al suo inseguimento l’azzurrina Simona Pelamatti.

L’atleta toscana, bergamasca d’adozione, ha progressivamente aumentato il suo vantaggio fino a chiudere con oltre 2 minuti di vantaggio a braccia alzate sotto la finish line.

Comunicato stampa e foto organizzazione

 

 

Articolo letto 196 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login