Home » Altre notizie » Il Monte Terne si fa verde velenoso…

Il Monte Terne si fa verde velenoso…

29/05/14

Una splendida giornata di sole ha riscaldato più di 600 atleti per la prima edizione de “ LA VELENOSA” di Bolzano Bellunese che si e’ svolta domenica 25 Maggio 2014, con i suoi 14 km e 900mt d+.

FOLLAVELENOSO

 

Una partenza spettacolare su uno dei pochi tratti asfaltati, ha portato i podisti ad affrontare il primo tratto di salita su una strada sterrata che permetteva da subito di scremare il gruppo.

Da subito il trio Follador, Costa, Barattin ha imposto un ritmo infernale agli altri partecipanti che si sono subito dovuti mettere a dura prova con un tratto di discesa tecnica, che li avrebbe portati ad affrontare la scalata alla mitica “Croda Rossa” , uno dei molti luoghi caratteristici del percorso.

Una salita spezza gambe ha condotto il gruppo al gran premio della montagna che e’ stato assegnato al verdissimo Gianpietro  Barattin, ricordiamo infatti che il regolamento dettava che il premio sarebbe stato attribuito  al primo concorrente vestito di verde che sarebbe transitato sul punto più alto del percorso.

Dopo una serie di saliscendi e passaggi spettacolari, il serpentone di atleti  e’ giunto in località “Bus del Buson” dove un paio di musicisti allettavano gli atleti al transito, un tocco di classe che e’ servito a far rimanere “La Velenosa “ nei cuori della gente, spiega lo staff organizzatore.

Nel frattempo Alessandro  Follador lasciava il gruppo e proseguiva con la sua fuga solitaria verso “ Gioz” dove lo aspettava l’ultima velenosa fatica , ovvero salire la scalinata della chiesa di Bolzano Bellunese per giungere al traguardo con il tempo di 1:10:13 , precedendo Elia Costa e Gianpietro Barattin .

In campo femminile ottima prestazione di Stefania Zanon, che sul percorso di casa ha preceduto la sempre presente Angela  De Poi  e la trevigiana Tina Sbrissa, con un tempo di 1:31:54 , tempo che avrebbe fatto gola a molti concorrenti uomini .

 

 

 

Articolo letto 187 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login