Home » Altre notizie » Dominio norvegese e russo nella prima giornata di gare

Dominio norvegese e russo nella prima giornata di gare

22/02/13

Prima giornata di gare oggi ai Mondiali di Fiemme 2013

Marit Bjoergen e Nikita Kriukov campioni del mondo nella sprint

Pubblico da stadio a Lago di Tesero

Azzurri presenti e in ascesa

Se non fosse perché lo speaker parlava italiano ogni tanto, oggi si poteva pensare di essere in Scandinavia.

Le bandiere norvegesi e svedesi presenti allo Stadio del Fondo di Lago di Tesero sin dalla mattina hanno colorato, assieme ai tricolori, alle bandiere russe e di altre nazioni, le tribune di questa prima giornata mondiale avvolta da una magica nevicata.

Prime medaglie assegnate in una gara, la sprint femminile e maschile, che non è stata una passeggiata per nessuno dei concorrenti.

Titolo iridato per una scoppiettante Marit Bjoergen (NOR), dominatrice assoluta di questa sprint in tecnica classica, che non ha lasciato spazio alla svedese Ida Ingemarsdotter e alla connazionale Maiken Caspersen Falla. La norvegese sorride quando ricorda che dieci anni or sono, proprio qui in Val di Fiemme nel 2003, vinse già il titolo mondiale nella sprint: “Ho corso la mia gara oggi, volevo vincere ancora qui dopo dieci anni, e sono soddisfatta di esserci riuscita nonostante il fisico di dieci anni meno giovane”.

Il pubblico è stato protagonista di questa prima giornata, sempre comunque sportivo tifando per tutti gli atleti in pista e partecipando emotivamente a quanto succedeva tra i binari di gara: ecco che quindi una desolata esclamazione di stupore ha accompagnato il passo falso di una delle favorite di oggi, la polacca Justyna Kowalczyk che purtroppo, causa una caduta proprio in finale, è rimasta lontana dal podio.

Anche in campo maschile la lotta è stata serrata con un duello da Mondiale tra il russo Nikita Kriukov e il vichingo Petter Northug. Il russo non si è fatto intimorire né dagli avversari né dal travolgente gruppo di tifosi norvegesi posizionati nel rettilineo del traguardo: è suo il titolo iridato, conquistato con una grinta inarrivabile dal tirato Northug e da un inaspettato Alex Harvey (CAN), un po’ la sorpresa della sprint di oggi. Probabilmente il podio sarebbe stato diverso se uno dei favoriti non fosse uscito dai “giochi”: Alexey Poltoranin, caduto appena uscito dal cancelletto di partenza della semifinale.

L’Italia c’è, almeno nel maschile: due atleti nei migliori dodici al mondo non è certo cosa da poco. Fabio Pasini e Federico Pellegrino hanno fatto “scaldare” le migliaia di tifosi italiani presenti, qualifica dopo qualifica fino a giungere alle semifinali. “è andata bene – ha dichiarato Pasini subito dopo la gara – avevo buoni sci nonostante le condizioni meteo, dovevo forse crederci un po’ di più. La concorrenza in pista era molto alta, ho provato a stare dietro allo svedese (Calle Halfvarsson, ndr), ma poi il divario era troppo e non sono riuscito a stare al passo”. Gli fa eco Pellegrino, anch’egli comunque soddisfatto della propria prestazione: “Ho dato tutto quello che potevo. Non è da molto che mi dedico allo sprint in classico quindi questo è senza dubbio un grande risultato”. E da sportivo non se l’è presa dello “scherzetto” che Northug gli ha tirato quando, rallentato in prossimità dell’arrivo della prima semifinale, ha poi allungato all’ultimo tagliandolo fuori. “Di certo non è stato un gesto da sbruffone”, ha commentato Pellegrino, “nei prossimi giorni vedrò di rifarmi”.

Per le donne non è andata così bene, ma le azzurre non si aspettavano nulla se non di fare una bella gara, penalizzata forse dalla preparazione degli sci sicuramente non facile dato il meteo ballerino tra umidità e neve.

Il direttore tecnico Silvio Fauner è contento dei propri ragazzi: “Due atleti in semifinale è un risultato più che buono, nessuno fino a ieri se lo aspettava probabilmente. Pensiamo positivo, domani ci si riposa e poi vedremo di rifarci”.

Stasera alle 19 ci saranno le premiazioni in Piazza dei Campioni a Cavalese. Le festa mondiale è iniziata, ora davvero vinceranno i migliori.

Questa mattina momento toccante a Lago di Tesero, quando è stata dedicata la sala stampa a Lorenzo Lucianer, giornalista Rai recentemente scomparso.

Info: www.fiemme2013.com

 

Ladies 1.2 km Sprint C

1 BJOERGEN Marit NOR 3.16.6;

2 INGEMARSDOTTER Ida SWE +2.32;

3 FALLA Maiken Caspersen NOR +3.78;

4 VISNAR Katja SLO +4.62;

5 NILSSON Stina SWE +4.89;

6 KOWALCZYK Justyna POL +6.34

 

Men 1.5 km Sprint C

1 KRIUKOV Nikita RUS 3:29.75;

2 NORTHUG Petter jr. NOR +0.40;

3 HARVEY Alex CAN +0.84;

4 JOENSSON Emil SWE +2.61;

5 GOLBERG Paal NOR +9.27;

6 BRANDSDAL Eirik NOR +27.17

 

Comunicato stampa www.newspower.it

Foto: sito organizzazione Fiemme2013

 

 

 

Articolo letto 35 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login