Home » Altre notizie » Dal 5 al 12 luglio mondiali di orienteering in Trentino e Veneto

Dal 5 al 12 luglio mondiali di orienteering in Trentino e Veneto

12/06/14

 Presentati oggi a Trento i Campionati del Mondo di Orienteering e Trail Orienteering 2014

Trentino e Veneto ospitano la prima edizione italiana dei Campionati del Mondo WOC-WTOC

Trento, Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna e la Valsugana le sedi “iridate” trentine

Il saluto delle istituzioni e dei vertici del comitato organizzatore italiano

01

 

 

Si è svolta oggi a Trento presso la Sala Fedrizzi del Palazzo della Provincia Autonoma di Trento la conferenza stampa di presentazione dei Campionati del Mondo di Orienteering e Trail Orienteering (WOC-WTOC) in programma dal 5 al 12 luglio prossimi. La prima edizione “italiana” della rassegna iridata si svolgerà in Trentino e Veneto e le sedi coinvolte saranno Trento, gli Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna e la Valsugana, mentre per quanto riguarda il Veneto si gareggerà a Venezia e sull’Altopiano dei Sette Comuni.

L’assessore allo sport e alla cultura della Provincia Autonoma di Trento Tiziano Mellarini ha fatto per primo gli onori di casa. “Esprimo volentieri il pensiero mio e del collega che si occupa del settore turistico, impegnato ora al Consiglio Provinciale. Quando mi fu proposto questo progetto, quattro anni fa, ho subito dato una risposta affermativa: lo sport non ha confini e apre orizzonti. Organizzare un campionato del mondo in collaborazione con il Veneto è stata una sfida positiva sotto tutti i punti di vista. L’orienteering porta a conoscere il territorio e le bellezze del paesaggio, per cui oltre ad essere pratica sportiva è anche pratica culturale. Il Campionato del Mondo è, dunque, un importante progetto che coniuga sport, ambiente e rientro economico e turistico per i nostri territori. I valori dello sport e dell’orienteering, in particolare, sono importanti per accrescere la forza della comunità ed è per questo che, anche a nome del collega Dallapiccola, ribadisco che come Provincia Autonoma siamo orgogliosi di ospitare questa rassegna”.

Dopo Mellarini ha preso la parola Gian Pietro Mazzeni, presidente del Comitato Organizzatore italiano della manifestazione: “Voglio salutare tutti, anche da parte dell’assessore al turismo della Regione Veneto Marino Finozzi che oggi non è presente. Organizzare i mondiali è un’esperienza di altissimo livello perché a luglio non ospiteremo solo le competizioni, ma anche il congresso della Federazione Internazionale Orientamento e un evento di contorno da 2000 partecipanti come la 5 Days of Italy. Il programma è molto articolato e le gare coinvolgono in egual misura Trentino e Veneto, a partire dai due capoluoghi, Trento e Venezia. Sarà un mondiale dei record con 54 nazioni, 500 atleti e 20.000 presenze turistiche complessive nei territori coinvolti. Voglio anche menzionare due partnership importanti che abbiamo siglato: quella con PEFC Italia e con il Tavolo delle Pari Opportunità dello Sport”.

La Federazione Italia Sport Orientamento era rappresentata dal vicepresidente Giuseppe Simoni: “Porto il saluto del presidente e di tutto il Consiglio Federale. Per la FISO è motivo d’orgoglio ospitare un mondiale in Italia. Abbiamo tanti volontari impegnati e molti tecnici di alto livello nello staff organizzativo. Terremo sicuramente alto il nome dell’Italia a livello internazionale perché l’assegnazione di questo mondiale è un riconoscimento delle nostre grandi capacità organizzative, già dimostrate in passato ai Mondiali Junior del 2009 e ai Mondiali Master 2004. Questo sport rispetta l’ambiente e l’interesse nei confronti della nostra disciplina sta crescendo sempre di più, sicuramente con i Campionati del Mondo 2014 altra gente si avvicinerà all’orienteering”.

Anche il presidente del CONI Trentino Giorgio Torgler non è voluto mancare alla conferenza: “Il grande “villaggio trentino” dello sport si è messo a disposizione per organizzare questo Campionato del Mondo. Voglio sottolineare il grande valore educativo della disciplina perché sviluppa molte abilità nei ragazzi. Sono sicuro che i Campionati del Mondo di Orienteering saranno un successo, proprio com’è accaduto di recente per i Campionati del Mondo di Sci Nordico e per le Universiadi Invernali”.

Michael Rech, AD dell’ApT Folgaria, Lavarone e Luserna ha evidenziato l’importanza del mondiale per i territori coinvolti: “Saluto tutti anche a nome delle tre amministrazioni comunali dell’Alpe Cimbra. Questo è un evento strategico: da un lato ci consente di ospitare un campionato del mondo, dall’altro conferma l’alta vocazione “orientistica” degli Altipiani dato che da anni siamo impegnati con iniziative dedicate all’orienteering nelle scuole e per i turisti. Stando agli ultimi riscontri i flussi di presenze saranno importanti, per cui questo è un fatto molto positivo. Il nostro territorio, così ricco di storia con le numerose testimonianze della Grande Guerra e della Guerra Fredda aggiunge ancor più valore ai percorsi iridati. Concludo, dicendo che l’orienteering è uno strumento chiave per i giovani, non solo dal lato sportivo, ma anche per l’importanza del sapersi orientare anche nella vita”.

L’ultimo a prendere la parola è stato Stefano Ravelli, presidente dell’ApT Valsugana ed Event Manager dei Campionati del Mondo WOC-WTOC. “Riporto solo alcuni dati significativi sulla copertura televisiva della rassegna iridata: i mondiali verranno trasmessi in diretta in Svezia, Norvegia e Finlandia e stiamo conducendo trattative anche per avere la copertura live anche in Francia, Repubblica Ceca e Svizzera. Gli highlights saranno trasmessi negli Stati Uniti, in Nuova Zelanda ed in Australia. Stiamo ultimando anche un accordo con la Rai, che seguirà le gare con uno studio mobile. Coinvolgere i territori di Trentino e Veneto è stato un grande risultato, ottenuto anche grazie alle due ApT trentine e al Consorzio Asiago Sette Comuni. Infine, tenteremo di inserire quest’iniziativa nell’ambito delle celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale, che per il Trentino ricorre già da quest’anno”.

Nel corso della conferenza ha preso la parola anche Stefano Raus, giovane atleta della nazionale italiana di Trail Orienteering, che parteciperà alla rassegna iridata assieme ad una squadra azzurra “giovane” e ambiziosa di fare esperienza sulle arene mondiali.

Info: www.woc2014.info.

Articolo letto 104 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login