Home » Altre notizie » Corritreviso: una gara davvero di Marca…

Corritreviso: una gara davvero di Marca…

29/06/13

Paolo Zanatta e Silvia Pasqualini trionfano in Piazza dei Signori e, per la prima volta in 24 edizioni, entrambi i vincitori della kermesse sono trevigiani. Grande pubblico e record di partecipazione: di sera è più bello     

Podio

Treviso, 29 giugno 2013 – Piace, eccome se piace. La Corritreviso sotto le stelle archivia uno dei più grandi successi della sua storia.

Alla ventiquattresima edizione, la kermesse trevigiana, abbinata al Trofeo Lattebusche, ha voltato pagina e le novità (la collocazione serale e un cartellone snello, con due partenze e un’unica distanza di gara – poco meno di 10 km – per tutti) sono state largamente apprezzate. Il resto, in una serata dal clima ideale per correre e con una grande cornice di pubblico, l’ha fatto il fascino di uno dei centri storici più belli d’Italia.

Il risultato? Record assoluto di iscritti, circa 600. E un’accoppiata inedita da consegnare agli annali. Paolo Zanatta, di Volpago del Montello, due anni dopo Paolo Sandali, è diventato il secondo trevigiano di sempre a trionfare in Piazza dei Signori. E lo ha fatto in una serata in cui, con il secondo posto di Dylan Titon e il terzo di Simone Gobbo, l’intero podio maschile è stato occupato da trevigiani. Silvia Pasqualini, mammina volante di Fagarè, non ha invece avuto rivali in campo femminile, rispettando in pieno i pronostici.

Due atleti di Marca sul gradino più alto del podio rappresentano una novità assoluta per la Corritreviso. Paolo, andato a fare compagnia alla sorella Michela (tripletta dal 2004 al 2006) nell’albo d’oro della gara, ha dovuto faticare per liberarsi della compagnia del giovane Dylan Titon, in questi giorni impegnato anche con l’esame di maturità. “Dylan – ha detto Zanatta – è stato la sorpresa della serata, il futuro è lui. Per me la strada è solo un diversivo, continuerò a puntare sui 3000 siepi”.Passaggio

La Pasqualini ha dominato la gara femminile, regalando sorrisi ad ogni passaggio in Piazza dei Signori. “Il percorso è bellissimo, vario come piace a me. E poi ho trovato un pubblico che mi ha incitato ad ogni metro”, ha detto, raggiante, la trevigiana, premiata sul podio proprio mentre papà Benvenuto, classe 1934, il suo primo tifoso, concludeva la gara al terzo posto tra gli ultrasettantenni.

Festa doppia, infine, per Denis Vettorel, miglior junior e premiato con una mountain bike Pinarello per essere terminato al 91° posto in classifica generale: 91 come gli anni che il 10 luglio compirà Giovanni “Nane” Pinarello, mitico fondatore dell’azienda. La Treviso che corre, a piedi o in bicicletta, è anche merito suo.

Le classifiche. UOMINI. Ordine d’arrivo assoluto: 1.  Paolo Zanatta (FF.OO.) 29’29”, 2. Dylan Titon (Assindustria Pd) 29’34”, 3. Simone Gobbo (Atl. San Rocco) 29’47”. Seniores/promesse/juniores: 1.  Paolo Zanatta (FF.OO.) 29’29”.  Amatori: 1.  Sandy Ballis (Atl. Fassa ’08) 31’07”. MM35: 1. Ezio Casagrande (Sernaglia Villanova) 31’28”. MM40: 1. Ivan Basso (Villanova Sernaglia) 31’09”. MM45: 1. Domenico Lorenzon (Valdobbiadene) 32’19”. MM50: 1. Giorgio Centofante (Atl. Riviera del Brenta) 33’31”. MM55: 1. Virginio Trentin (Idealdoor Lib. S. Biagio) 33’52”. MM60: 1. Gianfranco Zeni (Us Primiero) 36’48”. MM65: 1. Salvatore Puglisi (Athletic Club Belluno) 37’19”. MM70 e oltre: 1. Giuliano Bastianon (Mastella Quinto) 42’49”.  

DONNE.  Ordine d’arrivo assoluto: 1. Silvia Pasqualini (S. Giacomo Banca della Marca) 34’43”, 2. Francesca Iachemet (Atl. Trento Cmb) 35’11”, 3. Monia Capelli (Atl. Vittorio Veneto) 35’59”.  Seniores/promesse/juniores: 1. Francesca Iachemet (Atl. Trento Cmb) 35’11”.  Amatori: 1. Lauren Irwin (Percorrere il Sile) 37’27”. MF35: 1. Ilaria Gurini (Essetre Running) 37’28”. MF40: 1. Silvia Pasqualini (S. Giacomo Banca della Marca) 34’43”. MF45: 1.  Flavia Zanoni (Gagno Ponzano) 41”50. MF50: 1. Elsa Mardegan (Idealdoor Lib. S. Biagio) 39’35”. MF55: 1. Maria Urbani (Pol. Valdagno) 45’07”. MF60 e oltre: 1. Valeria Benedetti (Nuova Atl. Roncade) 43’16”.  

Articolo letto 63 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login