Home » Altre notizie » Alla BOclassic Lebid riprova a sfidare l’africa

Alla BOclassic Lebid riprova a sfidare l’africa

16/12/11

Dal 1990 la BOclassic è stata praticamente sempre in mano agli africani. Solo un europeo è riuscito a rovinar loro la festa. E quell’uomo è Sergey Lebid, che con cinque vittorie è anche il recordman di vittorie alla San Silvestro bolzanina. L’ucraino, beniamino del pubblico altoatesino, sarà presente anche questo 31 dicembre. Con Lebid, che qui ha vinto nel 1999 e dal 2001 al 2004, ci saranno anche il campione europeo Arturo Casado e, in campo femminlie, Ibtissam Lakhouad, la marocchina che è giunta quarta ai Mondiali.

Con la presenza degli attuali campioni iridati Imane Merga e Vivian Cheruiyot, in questa 37^ edizione la BOclassic schiera le due più grandi stelle. Ora arriva la notizia che anche il nove volte campione europeo di corsa campestre e uomo dei record alla BOclassic, Sergey Lebid, sarà della partita. Il 36enne ucraino è uno specialista delle gare invernali. Oltre ai nove titoli continentali, vanta anche un argento ai Mondiali del 2001. E naturalmente nella sua bacheca spiccano le cinque vittorie alla BOclassic, la gara di San Silvestro che vede al via gli atleti più forti al mondo.

Domenica, agli Europei di corsa campestre, Lebid ha fallito l’assalto al suo decimo oro continentale. Il motivo: dopo un infortunio, accusato lo scorso ottobre al Giro al Sas di Trento, l’ucraino non è ancora riuscito a raggiungere il top della forma. Ma ora ha nel mirino la “sua” gara, quella di San Silvestro, e ha ancora tempo per migliorare la sua condizione. In gare tattiche come queste, e anche grazie al suo sprint micidiale, può ancora dire la sua nella lotta per il podio. Il bilancio di Lebid a Bolzano è incredibile: in dodici anni, è salito otto volte sul podio. Nessuno come lui, capace di vincere nel 1999 e dal 2001 al 2004.

Il manager degli atleti, Gianni Demadonna, ha perfezionato in questi giorni un altro “ingaggio” importante, quello di Ibtissam Lakhouad. Quest’anno la 31enne marocchina ha chiuso quarta nei 1500 m dei Mondiali. Il suo personale è di 3:59.35. Nessuna, nel 2011, è stata più veloce. A Bolzano, però, si corre sui 5 km. Ma questo, guardando i precedenti, non dovrebbe rappresentare un problema, visto che un’altra specialista dei 1500, la slovena Sonja Roman, nella BOclassic del 2009 ha sfiorato la vittoria, mancandola per soli due secondi. Il 31 dicembre ci sarà un altro debuttante alla BOclassic e anche lui è uno specialista dei 1500. Si tratta del campione europeo in carica Arturo Casado. Assieme al campione italiano di maratona, Giovanni Gualdi, ci saranno anche gli altoatesini più forti, guidati da Silvia Weissteiner, anche lei al via. Ora sarà interessante vedere quali saranno le prossime stelle che Demadonna porterà a Bolzano.

Prima delle gare Elite (5 km femminile e 10 km maschile), si disputeranno l’ottava edizione del giro podistico amatoriale Ladurner, la 29^ edizione delle gare giovanili per la coppa Raiffeisen e la terza BOclassic Handbike. Le gare saranno trasmesse in diretta da Rai Sport 1 e su internet (www.raisport.rai.it).

www.boclassic.it

Articolo letto 189 volte

Devi essere registrato per inserire un commento Login