Gli organizzatori del Licony trail stanno ultimando i preparativi per la gara che varrà come penultima tappa del Tour Trail della Valle d’Aosta e che si svolgerà sabato 13 ottobre. La data era stata cambiata per impraticabilità dei sentieri nel mese di giugno, ma l’entusiasmo è rimasto immutato. I comuni di Morgex e La Salle sono pronti per la consueta festa che coinvolgerà volontari e trailers.

I sentieri sono pronti, puliti e sono già stati tracciati in questi giorni. È confermata la gara regina della manifestazione, la 70 chilometri che varrà anche quattro punti ITRA. Partirà dalla piazza centrale di Morgex alle 4 di mattina, con direzione Villottaz, Licony, Planaval, Bonalex per poi arrivare a La Salle. Il passaggio a Morgex avverrà a metà gara, poi i sentieri torneranno a salire verso Col Croce e il lago di Pietra Rossa, con passaggio anche dal lago d’Arpy. Arrivo sempre a Morgex, dopo essere transitati da Lazey.

Il tracciato della 70 chilometri potrà anche essere diviso in due e percorso a staffetta. È questa la grande novità dell’edizione 2018 del Licony Trail. Due concorrenti, 35 chilometri a testa con passaggio del testimone a Morgex. Partenza di questa prova mezz’ora dopo quella della 70 chilometri individuale. Alle 9 invece scatterà la 25 chilometri sul tradizionale percorso sempre molto apprezzato dagli amanti dei trail.

Nel trail più lungo è confermata la presenza di Giuliano Cavallo, l’atleta del Team Salomon reduce dal Tot Dret. In griglia di partenza, nella stessa distanza, anche Nadir Vuillermoz e Marco Béthaz. Tra le donne ci saranno la lombarda Emanuela Scilla Tonetti e Federica Fazari, leader del Tour Trail della Valle d’Aosta. Mattia Colella, vicino al successo nel circuito, gareggerà invece nella 25 chilometri.

Venerdì 12 alle 17 spazio ai bambini per il tradizionale Baby Licony, aperto ai più giovani. Un evento che inaugurerà la due giorni del Licony trail. L’iscrizione è gratuita e dovrà essere formalizzata alla proloco di Morgex.

L’organizzazione precisa che nella giornata di sabato 13 ottobre la caccia sarà chiusa su tutto il territorio interessato dalla gara. Una misura di sicurezza per evitare incidenti e per lasciare via libera ai concorrenti.