Ci siamo, round one domenica della Mountain Running World Cup !!!

Una Grossglockner da sold-out che gronda attesa per il grande evento annuale, molto sentito dagli austriaci, sarà anche il banco di prova per gli elites che puntano al trofeo iridato, un trofeo che quest’anno torna ad avere un peso specifico assoluto ed alla cui caccia si metteranno davvero i migliori mountain-runners in circolazione.

Si è detto e si sa del percorso, che è una pietra miliare della corsa in montagna internazionale: da Heligenblut alla Kaiser-Franz-Josefs-Höhe, 13 km e 1500 metri D+ con un finale spettacolare strizzando l’occhiolino al ghiacciaio Pasterze. Uphill Race classica se ce n’è una, ed infatti gli specialisti di questo format di gara ci saranno.

Women: subito “Die Kaiserin”, le altre dietro, a meno che….

Il tavolo è apparecchiato, inutile nascondersi. Regolamento alla mano le prime due prove (Grossglockner e PizTriVK) dovrebbero servire all’Imperatrice d’Austria Andrea Mayr (numero spropositato di titoli mondiali ed europei) per mettere in chiaro le cose, verosimilmente tirare il fiato in occasione di Zinal e poi sferrare la mazzata decisiva con Bergen e SmarnaGora, ossia il suo parco giochi privato dove le altre sono ridotte ai minimi termini.

Domenica mattina non vediamo davvero chances per le avversarie, o meglio, non vedremmo, ma il rispetto che merita e la classe pari se non superiore in tecnica ed estetica rispetto alla sua bestia nera ci fanno dire che prima bisogna comunque fare i conti con Valentina Belotti, che sarà anche lei ad Heiligenblut (per la 1^ volta) ad onorare la Coppa del Mondo che ha già vinto in passato.

Si rinnova insomma la sfida delle sfide, il derby epocale della corsa in montagna degli ultimi 10 anni, le due atlete più forti, vincenti e continue a livello internazionale, meglio di cosi questa World Cup non poteva iniziare !

Alè Vale, ti vogliamo vedere cosi !

Doveva esserci la Murigi, vincitrice 2107, ma la medaglia d’oro di Premana è ancora infortunata dopo la debacle del Nasego ed ecco allora che a provare ad inserirsi tra le due protagoniste annunciate ci prova altra keniana, la giovane (22 anni) Purity Kajuju Gitonga, gia 2^ qui nel 2016 e lo scorso anno in evidenza in svariate gare austriache come  Kitzbühler Hornlauf (4^), Cityrun Villach (1^) e soprattutto Schlickeralm Berglauf (2^). Non sarà la sola da tenere d’occhio anche perché le chances pesanti di podio le ha la tedesca 27enne Michelle Maier, la trionfatrice di Zinal nel 2016 (e 2^ lo scorso anno) ed argento alla Jungfrau Marathon. Lo scorso anno fu 2^ qui al Grossglockner, occhio!

Ma il lotto delle pretendenti ad un posto sul podio è lungo, c’è la Ceka Pavla Schorna, classe ed esperienza, ci sono le nostre Ivana Iozzia e Gloria Giudici che cosi con Valentina formano un bel tridente in una stagione un pò strana per il movimento italiano femminile, costellato da tante atlete ferme o non in perfetta forma. Una prova solida e convincente è quello che si chiede alle due azzurre che nelle ultime uscite hanno comunque dimostrato di stare discretamente.

Chiusura del lotto di osservate speciali con tre austriache: Susanne Mair, atleta polivalente che qui ha vinto il duathlon nel 2016, Alexandra Hauser, skimountaineer e vicecampionessa nazionale 2017 di mountain running, ed infine Ina Forchthammer, qui 3^ lo scorso anno.

Men: tutto aperto, rebus Gikuni ma ci sono Douglas, Puppi, Janu….

Spartito di gara completamente diverso al maschile, almeno secondo noi. Il detentore del titolo Gikuni Ndungu torna per riprovarci e non ha escluso di presentarsi anche alla 2^ prova in quel di Malonno, sarebbe mossa non da poco. Il Kenyano di Run2Gether è capace di numeri notevoli come testimoniato dalla Jungfrau vinta qualche stagione fa e dal PB in maratona di 2h08’ che non è facile trovare nel curriculum di atleti che fanno la montagna. E’ il favorito d’obbligo ma in ottica World Cup peserà tutto ed allora ecco che l’attenzione si focalizza sullo scozzese Andy Douglas, vincitore di coppa nel 2015 ed imbufalito parecchio da un europeo non andato come voleva, il 5° posto di Skopjie sarà la benzina sul fuoco dello scottish. Anche il nostro Francesco Puppi è uscito un pò cosi dalla trasferta macedone, tuttavia il Campione del Mondo Long 2017 ha già chiaramente fatto intendere di aver messo il circuito WMRA tra i suoi obiettivi di stagione e chi alzava le sopracciglia un anno fa quando dichiarò che andava al Giir di Mont a cercare la vittoria è stato servito, quindi la presenza di Puppinho va presa davvero con le pinze da parte degli avversari.

Puppi…..

Il contingente Italico è risicato in Austria, oltre a Puppi ci affidiamo ad Emanuele Manzi che ha recuperato dal fastidio al tendine patito al mondiale e proverà a ridare corso ad una stagione che non era partita affatto male prima del calvario polacco. Nel 2016 era stato 5° quassù, e di sicuro “sa come si fa”.

Ma non finisce qui, dalla Rep. Ceka ecco due pezzi da 90 come Milan Janata e soprattutto ”the future” Jan Janu, sempre un pò sopravvalutato rispetto ai reali risultati conseguiti ma capace delle consuete sortite ad effetto che nella recente storia lo hanno messo sul podio dei alcune grandi classiche alpine e gli fanno meritare credito. Janata è un habitué del Grossglockner mentre Janu è all’esordio su questi schermi. Super attesa per il britannico Chris Arthur, 11° ed euroskopjie nemmeno a farlo apposta proprio dietro a Janu ed a Puppi, bella mina vagante.

Toroitich Kosgei

La lista élite prosegue, il keniano Japhet Mwenda ha dichiarato di venire per una top three mentre c’è curiosità intorno all’esordio di Anton Palzer, skialper di quelli tosti ma capace anche di exploit importanti in gare come dolomitenmann e Bergen. Chiusura e nostri favori per uno dei runner cult del circuito, il simpatico Isaac Toroitich Kosgei, Austriaco naturalizzato e grande esperto di questo tipo di gare.

Ricordiamo sempre per il suo curriculum le vittorie in serie alla Thyon Dixence ma soprattutto il 2° posto sorprendente al Nasego 2018, dove ha dimostrato di averne….

Grande Gara signori!! che potrete seguire con i nostri contributi sulle pagine twitter, Facebook ed instagram dove troverete aggiornamenti, foto esclusive e dopo la gara sul sito e su FB con report, classifiche e gallery.

WORLD CUP 2018, NOI CI SIAMO !