Raggiunto il numero massimo dei 500 iscritti alla seconda edizione della “21 chilometri” in programma domenica 6 luglio sull’Alpe di Siusi. Tra gli iscritti élite spicca il nome di Danilo Goffi, il campione italiano di maratona in carica. La macchina organizzativa è in moto per allestire domenica prossima l’evento podistico che vedrà l’esordio di una iniziativa benefica in favore dell’associazione “Medici dell’Alto Adige per il Mondo”.
Correre al cospetto dello Sciliar, è forse questa la principale ragione che ha spinto cinquecento atleti amatori e non a iscriversi alla Mezza Maratona dell’Alpe di Siusi in programma domenica 6 luglio sull’altopiano altoatesino, terreno ideale per un evento podistico unico nel suo genere. Dopo l’esordio dello scorso anno che ha dimostrato di essere una competizione in grado di attirare l’attenzione dei podisti in cerca di “qualcosa di originale”, la 21 chilometri dell’Alpe di Siusi si appresta a celebrare la seconda edizione con un traguardo raggiunto. «Ci eravamo posti l’obiettivo di schierare al via 500 runner e a una settimana dall’evento abbiamo chiuso le iscrizioni – commenta Alex Andreis responsabile di Alpe di Siusi Marketing – e questo risultato conferma che la gara sta crescendo nei cuori dei podisti italiani e non solo, perché abbiamo riscontrato un buon numero di partecipazione straniera». E a impreziosire la manifestazione, è giunta nelle ultime ore la conferma della partecipazione di Danilo Goffi, maratoneta di fama internazionale, che domenica prossima si schiererà al via con i favori del pronostico e che dovrà misurarsi con il campione in carica, l’altoatesino Hannes Rungger. Nato a Legnano 42 anni fa, Danilo Goffi in carriera ha ottenuto prestigiosi traguardi come l’argento europeo in maratona a Budapest 1998 che affianca i due titoli italiani sulla stessa distanza, l’ultimo dei quali ottenuto a Milano lo scorso 6 aprile. Una gara che, per il portacolori dei Carabinieri, potrà anche essere considerato come un allenamento intenso, in quanto il tracciato prevede 600 metri di dislivello e, lo sforzo atletico sarà rilevante perché si correrà a quasi duemila metri di quota. LA CARICA DEI 500 Saranno, veramente, in metà di mille i podisti sulla linea di partenza della Mezza Maratona dell’Alpe di Siusi. La maggioranza dei partenti è ovviamente italiana, ma saranno ben sette le nazioni rappresentate dai corridori. Folta la presenza dei tedeschi con 26 iscritti e con loro austriaci, svizzeri, inglesi, spagnoli e sloveni. DI CORSA VERSO LA TORTA Tra concorrenti preparati e preparatissimi c’è anche chi, il 6 luglio, invecchierà proprio percorrendo i 21,095 chilometri della mezza maratona. I festeggiati della giornata sono Marco Mario Conti, che spegnerà sull’Alpe di Siusi 63 candeline, e Michele Pedron, che compirà invece 47 anni. Rimanendo sui dati “anagrafici” il concorrente più agé sarà il classe ’42 Franz Trogmann, mentre il più giovane iscritto alla gara è Patrick Schmider, nato nel 1995. Le cinquantatre primavere di differenza fra i due dimostrano quanto la Mezza Maratona dell’Alpe di Siusi sia una gara adatta a tutti. STAFFETTA DI BENEFICENZA Novità di questa seconda edizione è la staffetta che il comitato organizzatore ha voluto per raccogliere fondi in favore dell’associazione “Medici dell’Alto Adige per il Mondo”. Saranno ventuno le personalità di spicco a dividersi la gara, percorrendone un chilometro a testa, nel nome della beneficenza. Tra i vip al via anche nomi provenienti dal mondo sportivo, come il bronzo olimpico di Nagano 1998 Karin Moroder, l’azzurro della discesa libera Peter Fill, il golfista di Bolzano Aron Zemmer e il campione di slittino su pista naturale Patrick Pigneter. Per informazioni sulla Mezza Maratona dell’Alpe di Siusi visita il sito www.alpedisiusi.info.