7 gennaio 2013 – Ad Alex Baldaccini e  Isabella Morlini la Ciaspolada 2013. Nella quarantesima edizione della “regina” delle corse con ciaspole in palio anche sperimentali titoli iridati di disciplina da tempo a caccia di un suo spazio e di una sua dimensione anche nell’ambito del riconoscimento istituzionale sportivo. E’ volata vincente quella del bergamasco del Gs Orobie, nel 2012 azzurro prima in montagna e poi nel cross. La salita finale, quella che porta al traguardo di Fondo (Tn), a premiare i suoi sforzi, nonostante la strenua resistenza dello specialista francese Stephane Ricard, alla fine staccato di circa cinque secondi dopo poco meno di venti minuti di gara. Nelle loro vicinanze, il podio premia anche il maratoneta Said Boudalia, altro abituale frequentatore di questa gara, che costringe al quarto posto il qui più volte vincitore Claudio Cassi. Tra gli altri italiani, chi in gara per il proprio abituale club chi per team sponsorizzati da aziende impegnate nel settore, ecco il quinto posto di Antonello Landi, il settimo di Antonio Santi, l’ottavo di Gerd Frick, il nono di Simone Faustini e il decimo dell’atteso Giuliano Battocletti.

Baldaccini e Morlini: loro la Ciaspolada 2013

In pochi secondi racchiuso anche il podio femminile: festa grande per la reggiana Isabella Morlini che di una decina di secondi stacca la catalana Laia Andreu Trias e Maria Grazia Roberti (Forestale), cui di poco sfugge ennesimo trionfo nella Ciaspolada. Appena giù dal podio Lyudmila Di Bert e Alessia Amore, con Mirella Bergamo, Anna Laura Mugno, la francese Djamila Bengueche e Sabrina Bampi a completare l’ordine delle migliori dieci. Solita grande festa sulle nevi trentine, nonostante un problema di natura tecnica – pare un cavo tranciato da motoslitta in zona partenza –   abbia costretto il Comitato Organizzatore agli straordinari per ricostruire le classifiche al traguardo, essendo andato in tilt il sistema di rilevamento con chip. Tutte le classifiche nell’apposita sezione.