Non mancheranno certo i motivi di interesse sabato 13 ottobre al Giro Internazionale Città di Trento, con in palio il Trofeo Cassa Rurale di Trento. Lo hanno ribadito gli organizzatori e le autorità intervenute alla conferenza stampa di presentazione dell’evento che è andata in scena presso la sede del Clm-Bell di Trento e che ha visto la presenza di Tiziano Bisoffi (presidente del Comitato Organizzatore), Gianni Demadonna (direttore tecnico dell’evento), Giorgio Fracalossi (presidente della Cassa Rurale di Trento), Paolo Castelli (Assessore allo Sport del Comune di Trento), Elda Verones (direttore dell’azienda per il turismo di Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi), Ezio Zappini (presidente del Csi) e Diego Pedrotti (presidente del Clm – Bell). Bisoffi e Demadonna si sono soffermati soprattutto sui motivi della decisione di cambiare la denominazione dell’evento, legata ad un aspetto di royalty pretesa dalla società titolare del vecchio marchio. Decisione sostenuta e appoggiata soprattutto dal main sponsor Cassa Rurale di Trento e perfino dal Comune di Trento, per voce dell’assessore allo sport. Sabato sarà una grande giornata di atletica, con oltre 1000 partecipanti complessivi fra le gare giovanili, che inizieranno alle 15, la novità della sfida «Seven Laps – 7 giri al cadiopalma» e la prestigiosa gara internazionale (ore 18.30), che prevede una starting list di assoluto livello. A partire dalla recente medaglia di bronzo nei 5000 metri alle Olimpiadi di Londra, Thomas Longosiwa. Il trentenne keniano si presenta al giro cittadino di Trento, che si sviluppa su un anello di un chilometro ripetuto per dieci volte, con tutte le carte in regola per lasciare il segno proprio nella sua migliore stagione di sempre, nella quale è riuscito ad ottenere il record personale sui 5000 metri lo scorso luglio a Parigi (12’49″04). La sua esperienza contro la vivacità del connazionale Edwin Soi, che a Trento ha già corso lasciando più volte il segno, anche se la sua stagione è stata finora meno gratificante rispetto a quella di Longosiwa. Il ruolo dell’outsider spetta poi all’etiope Muktar Edris, il promettente diciottenne che quest’anno ha vinto il titolo mondiale juniores a Barcellona e vanta un personale di 13’04″34 sui 5000 metri. Da non sottovalutare poi la pattuglia italiana e in particolar modo il terzetto composto dai due toscani Daniele Meucci e Andrea Lalli e dal friulano Patrick Nasti. Risultati e cronometro alla mano chi ha le carte in regola per far registrare una prestazione importante è senza dubbio il pisano Meucci. Proprio quest’anno il portacolori del Centro sportivo Esercito ha fatto registrare il proprio personale sui 10 mila metri in occasione del Payton Jordan Cardinal Invitational del 30 aprile scorso, quando fermò il cronometro sul tempo di 27’32″86, il quarto miglior tempo nelle graduatorie italiane. Andrea Lalli, alfiere delle Fiamme Gialle, nel 2012 vanta invece come migliore prestazione il secondo posto alla Stramilano con il tempo di 1h01’11”, che rappresenta il suo primato personale nella mezza maratona, mentre sui 10 mila metri ha un tempo di 28’17″64. Sarà interessante poi vedere all’opera uno degli azzurri più promettenti, il 23enne triestino Patrick Nasti. Occhio poi all’ucraino Sergey Lebid e al trentino Yuri Floriani, reduce da una positiva esperienza alle Olimpiadi di Londra. Fra le iniziative che rendono originale il Giro Internazionale Città di Trento, primeggia senza dubbio la certificazione come manifestazione green event, che prevede una serie di attenzioni al rispetto ambientale. Inoltre il Comitato Organizzatore, in collaborazione con il Servizio istruzione coordinamento attività sportive, venerdì 12 ottobre ha previsto un interessante incontro che vedrà coinvolta l’atleta paralimpica Annalisa Minetti, bronzo nei 1500 metri ai Giochi di Londra. Dalle 10.30 alle 12.30 la campionessa, nonché cantante, milanese di Rho racconterà la propria esperienza affrontando il tema “La motivazione nello sport” presso l’Aula Magna dell’ITT Buonarotti, in via Brigata Acqui a Trento. Il Giro Internazionale Città di Trento avrà un’importante esposizione mediatica con una sintesi su Rai Sport commentata da Franco Bragagna Dal sito http://www.giroditrento.it/notizie2.asp?s=97&l=0