Il Campionato Italiano skyrunning ha avuto la conferma di Mickhail Mamleev ed Emanuela Brizio. Nel Campionato Regionale vittoria per Matteo Piller Hoffer e Paola Romanin Una giornata speciale per la quarta edizione della Skyrace Monte Cavallo organizzata dal Team Montanaia Racing. Una giornata di sport e divertimento che ha fatto segnare due nuovi record, partecipanti e tempo di percorrenza in campo maschile. I primi raggi di sole hanno illuminato la partenza della carica dei trecento che hanno iniziato a salire verso la Val Grande. Il menu della giornata prevedeva ventuno chilometri e milleseicento metri di dislivello positivo, correndo tra il confine delle Province di Pordenone e di Belluno. A tirare il gruppo si sono incaricati subito Tadei Pivk e Matteo Piller Hofer, qualche metro più staccati, Paolo Larger e il nuovo Campione Italiano Mickhail Mamleev. Mamleev, avendo già sulle spalle sia la maglia tricolore skyrunning sia il tricolore di orienteering conquistato a meno di ventiquattro ore dalla partenza della Skyrace Monte Cavallo, ha corso la gara senza mai entrare in lotta per la vittoria. Il forte atleta friulano dell’Us Aldo Moro è stato in compagnia di Matteo Piller Hofer, sino a metà della prima salita. Al passaggio del Rifugio Semenza, Pivk aveva un vantaggio di un minuto su Piller Hofer. Dopo i primi due sono transitati Paolo Larger e Mickhail Mamleev. Per quanto riguarda la gara femminile, l’atleta di casa Jennifer Senik ha preso il comando della gara davanti a Debora Cardone ed Emanuela Brizio. Purtroppo Raffaella Rossi che combatteva per il titolo italiano non è mai entrata in gara ed è stata costretta al ritiro. Nella lunga discesa che assegnava anche il Trofeo Benito Saviane, il sappadino Piller Hofer ha ripreso e superato Pivk. Pivk non si è allarmato, ha continuato a tenere il suo ritmo e quando la strada ha ripreso a salire ha messo la freccia e ha lasciato sul posto Piller Hofer. Per Pivk il resto della gara è stata una lunga galoppata verso lo striscione d’arrivo di Piancavallo. Purtroppo Matteo Piller Hoffer non è riuscito a tenere la seconda posizione, infatti è stato sorpassato da Paolo Larger e Mickhail Mamleev. Tra le donne, Jennifer Senik, anche se abbassando un po’ il ritmo di gara ha continuato a mantenere la prima posizione. Pivk taglia il traguardo a mani alzate con il tempo di 2.11.21, facendo registrare il nuovo record della manifestazione. In seconda posizione arriva Paolo Larger con oltre sette minuti di ritardo. Sul terzo gradino del podio sale il Campione Italiano Mamleev. Nel Campionato Italiano oltre al russo naturalizzato italiano premia Paolo Larger, secondo, e Matteo Piller Hoffer, terzo. La classifica femminile sul finire di gara subisce uno stravolgimento, la Senik non riesce a tenere il passo della Cardone che sul finire della discesa l’ha raggiunta e superata. La Cardone vince con il tempo di 2.41.34. L’atleta dell’Aldo Moro Paluzza chiude in seconda posizione con circa un minuto di ritardo. Il fenomeno della corsa in montagna, Emanuela Brizio a Piancavallo è terza, ma conquista il titolo italiano. Il Trofeo Benito Saviane è vinto da Matteo Piller Hofer con il tempo di 16.19 e da Debora Cardone con 18.22. A Piancavallo va in archivio un’altra edizione della Skyrace che con il convegno “Progetto Sport Endurance Piancavallo-Dolomiti Friulane” e con la gara riservata ai ragazzini ha movimentato, interessato e appassionato un intero territorio. Il Team Montanaia Racing, ringraziando con il cuore l’esercito dei volontari promette che questo Campionato Italiano non è un traguardo, ma un punto di partenza.