Nelle prossime ore, il Comitato Organizzatore renderà operative le possibilità di percorso di riserva in base alle condizioni meteo previste per domenica. Becca di Nona, condizioni meteo incerte, ma la gara si svolgerà in qualsiasi caso.. Le previsioni meteo non fanno fare sonni tranquilli a Stefano Mottini, coordinatore della Becca di Nona, che passerà il testimone a Stefano Mosca proprio in occasione delle premiazioni della decima edizione. ”In questi giorni ? ha detto Mottini ? seguo costantemente l’andamento della meteo. Purtroppo le previsioni non sono incoraggianti, ma stiamo già lavorando per allestire anche un tracciato di riserva. La Becca di Nona si farà, anche con il brutto tempo”. ”Per questo motivo ? ha ribadito Mottini – abbiamo reso obbligatorio l’uso dei pantaloni a gamba lunga e di una giacca a maniche lunghe, oltre ad avere l’abbigliamento tradizionale. Insieme ai miei collaboratori abbiamo studiato quattro soluzioni. La prima: si corre lungo il percorso originale, ma ci sarà l’obbligo di coprirsi con un altro strato al Rif. Federigo. La seconda: salita verso la vetta dal percorso in originale dalla parte in cui normalmente si scenderebbe. Per quelli che fanno solo salita, l’arrivo è previsto al Bivacco Giallo sotto la vetta a 3100 metri di quota. La discesa avverrà verso il Bivacco Federigo, dove in base alle condizioni meteo ci saranno le sacche con i vestiti di ricambio. La terza soluzione: da Comboé a quota 2122 metri si sale al bivio per Arbolle a quota 2250 metri, si prosegue in salita sino al Rif. Arbolle a 2500 metri di quota. Per chi fa la gara in sola salita arrivo ad Arbolle, per chi s’impegnerà nella salita e nella discesa continuerà al Colle di Chamolé a 2641 metri, prendendo la discesa al Lago di Chamolé a 2325 metri, poi passaggio a Col Fenètre 2234 metri, e Comboé a 2122, dove si riprenderà il percorso originale. Infine la quarta soluzione, quelli che fanno solo salita arriveranno a Ponteille, mentre quelli che faranno anche la discesa, arrivati a Ponteille tornano verso l’arrivo”. Da segnalare che i premi in denaro delle premiazioni rimarranno invariati, anche se la gara si svolgerà sul percorso ridotto. Nelle prossime ore, il Comitato Organizzatore renderà operative le possibilità di percorso di riserva in base alle condizioni meteo previste per domenica. Calendario Mountain Running International Cup Valetudo Skyrace (Italy) 3 Aprile 2011 III Ternua Arratzu Urdaibai Mendi Lasterketa (Euskadi – Basque Country) 30 Aprile 2011 Olympus Marathon (Greece) 26 Giugno 2011 5^ Olla de Núria (Catalonia) 17 Luglio 2011 Course des Perics (France) 21 Agosto 2011 Becca di Nona (Italy) 4 Settembre 2011 Etna Sky Marathon (Italy) 6 novembre 2011 Percorso – sviluppo di 30 Km e un dislivello in salita di 2562 m. La corsa podistica ha come punto di partenza la Piazza Chanoux nel centro di Aosta. Il primo tratto risulta pianeggiante e collega la suddetta piazza al Ponte Suaz; da qui ci si inerpica lungo la vecchia e ripida strada per Charvensod costeggiando i numerosi vigneti. Giunti nei pressi del Capoluogo ci si dirige in direzione della Chiesa di Santa Colomba dove la strada asfaltata lascia spazio ad una caratteristica mulattiera che, con numerosi tornanti, porta a lambire l’abitato di Bondina. Il tracciato prosegue poi in direzione della frazione di Champex, dove si attraversa la strada regionale, il che permette al numeroso pubblico di incoraggiare e applaudire gli atleti. La mulattiera inizialmente larga si fa sempre più stretta e prende le sembianze di un sentiero all’interno di un fitto bosco di conifere. In breve si raggiungono gli ampi pascoli di Charvensod che accompagnano gli atleti fino alle imponenti e spettacolari cascate di Ponteille che vengono superate in destra idrografica fino a giungere all’imbocco del conosciuto Vallone di Comboé. Le pendenze qui si fanno più dolci e permettono agli atleti di rifiatare un poco. Dopo circa un chilometro, seguendo la traccia di un sentiero scavato dal bestiame nel periodo estivo, si svolta a sinistra seguendo un evidente e altrettanto ripido canalone che raccorda il suddetto vallone al sovrastante pianoro di Plan Valé. Qui le verdi praterie lasciano spazio a diffuse coltri detritiche che rendono più difficile la corsa e più severo l’ambiente. Giunti al colle Carrè, sella posta tra le piramidi della Becca di Nona e del Monte Emilius, si svolta nuovamente a sinistra per compiere gli ultimi 150 metri di dislivello che conducono alla vetta. Il primo tratto di discesa non segue l’itinerario di salita ed opta per il costone sud-occidentale della Becca di Nona che, in breve, porta al pianoro di Plan Valé. Da tale punto il tracciato di discesa ripercorre quello di salita fino al borgo storico di Charvensod, dove si prosegue diritti fino alla chiesa del capoluogo e poi si segue una strada carrozzabile che lo collega alle frazione alte di Félinaz. Il traguardo è collocato all’interno del campo sportivo di Plan Félinaz. I dettagli del percorso La gara ha uno sviluppo di 30 Km e un dislivello in salita di 2562 m. È obbligatorio rimanere sul sentiero segnalato con bandierine e nastri, passando nei punti di controllo, pena la squalifica. ?Partenza piazza Chanoux q. 580 m ?Pont Suaz q.590 m ?Charvensod, Bondine q. 1043 m ?Ponteille q. 1706 m ?Comboé q. 2122 m ?Le Plan Vallée q. 2316 m ?Gran Sex q. 2609 m ?Bivacco Federigo q. 2907 m ?Becca di Nona q. 3142 m ?discesa Costone Nord Occidentale sino a Gran Sex q. 2609 m ?discesa stesso percorso fino al Comune di Charvensod, dove si devia per il Centro Sportivo di Plan Felinaz Lungo tutto il percorso saranno presenti controlli e ristori così dislocati: ?1° Località Bondine q. 1043 m ?2° Località Ponteille q. 1706 m ?3° Località Gran Sex q. 2609 m ?4° Becca di Nona q. 3142 m ?5° Plan Félinaz q. 575 m A ogni atleta l’organizzazione porterà in vetta (condizioni meteo permettendo) uno zainetto con il minimo indispensabile per cambiarsi, da lasciare alla partenza entro le ore 8,30. Per la gara solo salita: l’atleta raggiunta la vetta, dovrà scendere nuovamente fino a Ponteille, località in cui ci sarà un pulmino che lo trasporterà in località Plan Félinaz (Charvensod).