Un vero e proprio nubifragio, questa mattina, ha accolto i 180 del Minikima, per le prove che come da abitudine, aprono la due giorni in Valmasino Valmasino (So): Un vero e proprio nubifragio, questa mattina, ha accolto i 180 del Minikima le due prove non federali che, come da abitudine, aprono la due giorni degli eventi Kima. Viste le intemperie il comitato organizzatore ha posticipato di due ore lo start della 6 e della 16km. Entrambe le gare sono partite sotto l’acqua e terminate con uno splendido sole. Se la prima è andata in scena su tracciato originale, la gara più lunga ha invece subito una piccola modifica per garantire l’assoluta incolumità dei concorrenti sorvegliati a vista dagli uomini della protezione civile disposti ad hoc dal responsabile Carlo Orlandi. Per la cronaca, se il più veloce sulla gara breve è risultato Marco Pedrolini in 18’08”, ad imporsi nella 16 ci ha pensato il mezzofondista dell’Atletica Lecco Costruzioni Andrea Denti in 1h01’11”. Nelle graduatorie in rosa l’hanno invece spuntata Elena Casiraghi in 20’20” e Cinzia Cucchi 1h 18’20”. «Siamo molto soddisfatti sia per i numeri fatti registrare, ma soprattutto per un meteo che, come da previsione, è volto al meglio in breve tempo ? ha esordito la responsabile del Comitato Organizzatore Ilde Marchetti -. Se sulla 6km abbiamo visto confrontarsi tanti giovani atleti, genitori con figli al seguito e diversi concorrenti diversamente abili, sulla lunga i primi hanno corso davvero forte». Un pensiero speciale anche per la guest star di giornata Mario Poletti: «Mario è un atleta che ha fatto la storia del Kima e il fatto che a distanza di anni ci abbia onorato della sua presenza mettendosi in gioco sul Minikima ci fa oltremodo piacere. Non nascondo che io e tutti gli amici del Kima sognano di vederlo al via, pur senza particolari velleità, nel 2012 sulla gara lunga che sarà nuovamente priva unica di campionato mondiale di ultraskymarathon». Entrando nei dettagli della prova più agonistica, quella da 16, alle spalle di Denti si è piazzato un esplosivo Mirco Bertolini capace di fermare il cronometro sul tempo di 1h01’42” e mettere dietro l’esperto scialpinista della Polisportiva Albosaggia Gianluca Cristini 1h03’06”. A seguire troviamo Maurizio Torri ? 1h04’04” -, Gabriele Schena -1h04’08”-, Carlo Risi – 1h04’50” -, Francesco Bergamaschi -1h05’09”-, Michele Rigamonti -1h05’15”-, Mario Poletti -1h05’53”- e Andrea Zanetti -1h06’43”-. Nella gara in rosa Cinzia Cucchi ha invece passato sul finale Serena Piganzoli (1h18’34”) e vinto l’edizione 2011 in 1h18’20”. Terza piazza per Debora Benedetti transitata sotto la finish line in 1h20’29”. Archiviata questa prima giornata di gare, domani gran finale con la Valmasino SkyRace da 25.5km (1850m di dislivello positivo e altrettanti da percorrere in discesa dopo avere superato il GPM fissato al Passo Barbacan – 2570mslm-). Qui i favoriti sono Paolo Gotti, Dario Songini, Daniele Zerboni e Carlo Bellati. Al femminile a contendersi la prima piazza saranno Corinne Favre, Lisa Buzzoni e Lorenza Combi. Per tutti partenza alle ore 8 dal quartiere generale di Filorera nell’area antistante alla Casa delle Guide. Scheda Tecnica Valmasino SkyRace: – Distanza di 25.5 km – Dislivello totale 3700 m – Partenza e arrivo a Filorera (850 m). Tracciato: La gara tocca le seguenti località: Valle dei Bagni ,Rif. Gianetti, Passo Barbacane, Rif. Omio, Bagni di Masino, Piana di Bregolana, San Martino e arrivo a Filorera (850m). Materiale Obbligatorio: Sono obbligatori scarpe da trail running, calzini, fuseaux 3⁄4 indossati (variante ciclisti con calze a compressione graduata), guanti, giacca o gilet antivento al seguito, Tshirt o maglia tecnica sotto il pettorale ? nei tratti tecnici è proibito l’uso di bastoncini da sci ed è consigliato l’uso del casco. Tutto l’equipaggiamento obbligatorio deve essere al seguito fino all’arrivo, pena squalifica o penalità in base al regolamento. Maurizio Torri